Immobili
Veicoli
Getty Images/Westend61
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
14 min
Presidente slovacca accolta con gli onori militari
Visita di Stato per Zuzana Caputova, che ha incontrato il Consiglio federale.
NEUCHÂTEL
33 min
Cade dalla canoa e annega nel lago
Il malcapitato, un 83enne, è stato soccorso da dei passanti, ma è morto successivamente in ospedale.
FOTO
FRIBURGO
1 ora
Insediamenti romani tornano a splendere dopo 1'700 anni
Gli archeologi friburghesi hanno trovano vestigia romane conservate «in modo eccezionale»
SVIZZERA
1 ora
Condizioni migliori per i dipendenti Smood
È stato negoziato un contratto collettivo di lavoro. Il sindacato Unia denuncia un aggiramento delle regole
VAUD
1 ora
Prosciolte le femministe a seno nudo
Sei attiviste sono comparse oggi davanti al Tribunale di polizia di Losanna.
ARGOVIA
3 ore
Privo di sensi sul fondo della piscina
Ieri sera un 38enne ha dovuto essere rianimato in una piscina di Baden.
SVIZZERA
4 ore
L'Astra Bridge funziona, ma...
L'USTRA traccia un primo bilancio della struttura che per la prima volta viene utilizzata sull'A1
URI
4 ore
Il Passo del Furka apre prima del previsto
La strada sarà nuovamente percorribile a partire da mercoledì 25 maggio alle 17
VAUD
4 ore
Siringhe al Balélec: attaccate cinque persone
In quattro si sono presentate in ospedale in seguito al festival, e una quinta ha denunciato l'accaduto in polizia
GINEVRA
5 ore
Il negazionista finisce in cella
Tesi razziste sui social network: un membro del Front National Suisse condannato a tre mesi di carcere
ARGOVIA
5 ore
Automobilista pizzicato a 94 km/h in Zona 30
Il conducente è stato denunciato e gli è stata ritirata la patente.
SVIZZERA
05.07.2021 - 15:470
Aggiornamento : 19:41

Infermieri a pezzi. Ora temono una nuova ondata

I reparti Covid si sono svuotati, ma il personale sanitario ha ancora i nervi scossi.

In molti hanno abbandonato la professione e si teme una carenza di personale qualora la variante Delta dovesse portare a una crescita di contagi in autunno.

ZURIGO - Reparti Covid e unità di terapia intensiva pieni hanno spinto al limite il personale ospedaliero in questi mesi. «È tutto molto frenetico nei reparti. Non possiamo reggere ancora per molto», sottolineava l'infermiera UE* in ottobre. Da allora i letti si sono svuotati, ma il personale non si è ripreso.

Recentemente, i dipendenti dell'Ospedale universitario del Canton Vaud (CHUV) si sono riuniti per uno sciopero ospedaliero. «Quando è troppo è troppo. Siamo esausti, nessuno ci aiuta, ecco perché oggi scioperiamo», aveva spiegato un'infermiera al Tagesanzeiger. Secondo il Sindacato dei servizi pubblici e sociosanitari (VPOD), il tasso di assenza in alcuni reparti arriva fino al 25 percento. In altri ospedali la situazione non è migliore. Lo stress accumulato è alle stelle.

«Tra ottobre e dicembre ho accumulato 60 ore di straordinari», ammette Sarah Rimann (36 anni), infermiera presso il Centro ospedaliero di Bienne. La donna sostiene di essere ancora in forze prevalentemente per il fatto che ha un contratto al 50%. Diversa è la condizione dei suoi colleghi, che devono sottostare a carichi di lavoro più elevati. «Arrivi a fare il minimo possibile, sei più irritabile e hai bisogno di tempi di recupero sempre più lunghi tra i cambi di turno». Ciò significa che i dipendenti sono spesso assenti.

Secondo Rimann, anche i reparti sono alle prese con situazioni preoccupanti legate allo stress e a carichi di lavoro eccessivi. «Dal 15 novembre ci hanno affiancato i neolaureati. Tutti tranne tre se ne sono andati dopo quattro o cinque settimane. Erano sopraffatti».

Migliaia di posti sono vacanti - Elvira Wiegers, segretaria per la salute e l'assistenza del VPOD, spiega: «Gli operatori sanitari camminano sui tizzoni ardenti». Migliaia di posti sono vacanti. La carenza di personale porta regolarmente alla chiusura di interi reparti o sedi.

Contattati da 20 Minuten, diversi ospedali confermano il disagio psicofisico del proprio personale: «Anche all'Ospedale Universitario di Zurigo (USZ) la stanchezza e l'esaurimento sono sempre più tangibili. Tanto che siamo preoccupati e stiamo cercando di fare il possibile per alleggerire i dipendenti dal carico di stress», afferma Martina Pletscher, portavoce dell'USZ.

«Mi chiedo come potremo sopportare un'altra ondata» - Secondo Pletscher, la pandemia è stata una sfida immensa durata un anno e mezzo sia per gli infermieri che per chi pratica la professione medica. Una sfida affrontata con grande impegno. «Un carico di lavoro simile non può essere sostenuto all'infinito».

Situazione simile si sta registrando presso l'ospedale di Svitto. «L'intero staff è piuttosto stanco, sia per la tensione che per il lavoro intenso», ammette la portavoce Nirmala Arthen.

A causa della variante Delta, gli epidemiologi non escludono un'altra ondata nel prossimo autunno. Anche gli ospedali lo temono, e ciò genera paura e tensioni tra il personale, afferma Sarah Rimann. «Ci chiediamo come potremo gestire un'altra ondata senza evitare che tutti i dipendenti scappino».

Le associazioni chiedono condizioni migliori - Il miglioramento delle condizioni di lavoro è un processo lungo, il personale lo comprende, aggiunge Elvira Wiegers. «Ciò che è ora assolutamente necessario, tuttavia, è offrire la certezza che i problemi di vecchia data verranno finalmente affrontati in modo vincolante».

La domanda non è cosa accadrà se non cambierà nulla, ma quanto velocemente cambierà qualcosa, afferma Wiegers. «Più aspettiamo, più persone abbandoneranno il lavoro».

Non tutti gli ospedali, però, sono sotto stress. Il personale dell'ospedale cantonale di Basilea Campagna è riuscito a ricaricare le batterie. Almeno stando alla portavoce Anita Kuoni: «Abbiamo imparato dalla prima ondata e dalla scorsa estate abbiamo pianificato al meglio vacanze e venerdì aggiuntivi per mantenere un equilibrio tra lavoro e vita privata».

* Nome noto all'editore.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-19 17:11:14 | 91.208.130.86