Immobili
Veicoli
Tipress
SVIZZERA
22.06.2021 - 10:350
Aggiornamento : 10:51

In Svizzera manca burro, si guarda all'estero

Le scorte nazionali sono insufficienti rispetto all'attuale domanda.

Il contingente di importazione sarà perciò nuovamente aumentato.

BERNA - La Svizzera deve ancora importare burro per evitare una carenza. Le scorte nazionali non sono infatti sufficienti a soddisfare la domanda e, per la seconda volta quest'anno, l'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG) ha deciso di aumentare il contingente d'importazione portandolo a 1'000 tonnellate.

Tranquilli fino a fine anno - L'incremento dovrebbe garantire le forniture fino alla fine dell'anno, indica l'UFAG in una nota, precisando che la decisione è stata presa in risposta a una richiesta dell'Interprofessione Latte. A febbraio, la quota era già stata aumentata di 1'500 tonnellate.

Effetto pandemia - La carenza di burro svizzero si spiega con la forte domanda di prodotti lattiero-caseari dal 2020, in seguito alle misure prese dal Consiglio federale contro il Coronavirus. Il volume delle importazioni è relativamente basso rispetto al consumo, rileva l'UFAG. Considerato un consumo annuo di 40'000 tonnellate di burro, le 1'000 tonnellate extra sono infatti sufficienti a soddisfare il fabbisogno di meno di dieci giorni.

Situazione monitorata - L'Interprofessione effettuerà una nuova analisi tra due o tre mesi. Se la situazione sul mercato del latte rimane tesa, potrebbe chiedere un ulteriore aumento della quota.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 03:41:45 | 91.208.130.86