Immobili
Veicoli
Keystone
Quattro anni fa la maggioranza dei cittadini decise di rimanere nel Canton Berna.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / GERMANIA
6 ore
Tappa a Berlino per il presidente Cassis
Il consigliere federale ha incontrato il presidente Steinmeier, il cancelliere Olaf Scholz e la ministra Baerbock
VALLESE
8 ore
Il ristoratore disobbediente contrattacca
L'esercente del Walliserkanne di Zermatt ha presentato una querela contro le autorità che lo avevano arrestato.
SAN GALLO
9 ore
Pena ridotta per l'assassino di Lichtensteig
Una perizia psichiatrica fatta sul 45enne olandese ha attestato una sua scemata responsabilità al momento dei fatti.
SVIZZERA
10 ore
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
10 ore
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
11 ore
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
BERNA
11 ore
Mister Dati raccomanda la pubblicazione dei contratti per i vaccini
L'UFSP si è finora opposto alla pubblicazione affermando che l'approvvigionamento non è ancora stato completato
SVIZZERA
13 ore
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
SAN GALLO
13 ore
Con le armi softair, sparavano contro una fermata del bus
Due giovani sono stati denunciati a San Gallo. Mercoledì sera sono stati trovati in possesso di armi e munizioni
BERNA
25.05.2021 - 10:510
Aggiornamento : 03.06.2021 - 10:57

Anche Belprahon vuole diventare giurassiana

Il Comune bernese ha annunciato di voler rivotare il 27 giugno per il trasferimento di cantone.

Una votazione si era già tenuta il 17 settembre 2017. Allora il cambio fu bocciato per soli sette voti.

BERNA - Il comune di Belprahon (BE) ha annunciato oggi di voler votare il 27 giugno sul suo trasferimento nel canton Giura. Il Municipio ritiene che durante il primo voto del 2017, quando il comune decise di restare bernese per soli 7 voti, i cittadini non abbiano potuto scegliere con cognizione di causa. Il canton Berna ha già risposto "picche".

La prima votazione a Belprahon si era tenuta il 17 settembre 2017, circa tre mesi dopo quella del comune attiguo di Moutier, che aveva scelto di lasciare il canton Berna per accasarsi nel Giura.

Secondo la legislazione bernese, i comuni che ne avrebbero fatto richiesta potevano votare entro tre mesi dalla decisione di Moutier. Lo scopo era di permettere loro di esprimersi conoscendo il risultato di Moutier.

I cittadini di Belprahon sono però stati chiamati alle urne quando il risultato di Moutier non era cresciuto in giudicato e quindi non definitivo. Contro il voto di Moutier erano infatti stati depositati dei ricorsi che hanno in seguito portato al suo annullamento e alla ripetizione della votazione (nella quale il trasferimento al Giura è stato nuovamente approvato).

Date queste circostanze, considerando in particolare il fatto che il primo voto si basava su uno scrutinio poi annullato dalla giustizia, anche Belprahon deve potersi recare una seconda volta alle urne, hanno sostenuto le autorità comunali in conferenza stampa. «Qualsiasi altra decisione sarebbe una negazione della democrazia», è stato sottolineato.

«Il Consiglio municipale ritiene di avere oggi diritto di voto entro il termine previsto dalla legge, ossia 3 mesi dopo la votazione incontrastata del 28 marzo 2021 a Moutier», ha affermato la sindaca Evelyne Rais. La decisione, presa all'unanimità dai municipali, è stata spiegata in una lettera inviata al Consiglio di Stato bernese.

Il comune intende organizzare la votazione il 27 giugno e per motivi di trasparenza desidera farlo in collaborazione con il canton Berna. «Se il Consiglio di Stato bernese dovesse rifiutare, prenderemo una decisione in quel momento», ha sottolineato la municipale Aude Sauvain. Belprahon ha anche chiesto la mediazione della Conferenza tripartita, composta dalla Confederazione e dai cantoni Berna e Giura.

Nel pomeriggio è giunta una prima reazione delle autorità cantonali bernesi: contattato da Keystone-ATS, il consigliere di Stato Pierre Alain Schnegg ha ritenuto che il comune di Belprahon non può votare una seconda volta sulla sua appartenenza cantonale. Sebbene l'esecutivo non ne abbia ancora formalmente discusso, si può già dire che non ci sono spazi di manovra per una tale votazione, ha affermato.

Questa presa di posizione non costituisce una sorpresa: il Consiglio di Stato bernese in una lettera inviata a tutti i comuni della regione aveva detto che quello di Moutier dello scorso 28 marzo era l'ultimo voto di un comune bernese sulla sua appartenenza cantonale in relazione alla Questione giurassiana. Per Berna non vi è più la base giuridica per procedere a un nuovo scrutinio.

Ci si dirige dunque verso una nuova prova di forza davanti ai tribunali: le autorità comunali hanno infatti detto di volersi rivolgere a dei legali in caso di rifiuto bernese.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 02:56:28 | 91.208.130.86