tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Il telelavoro rende obsoleto l'abbonamento per i mezzi pubblici
Per molti impiegati il rientro in ufficio sarà parziale. Varrà ancora la pena acquistare un titolo mensile o annuale?
SVIZZERA
8 ore
I giovani non si vaccinano: «È colpa dell'Ufficio federale della sanità»
Critiche piovono all'indirizzo dell'UFSP da parte di alcuni esperti: «La comunicazione versi i giovani va migliorata»
SAN GALLO
12 ore
58enne muore investita da un rimorchio agricolo
Un drammatico e sfortunato incidente ha avuto luogo a Rorschach
SVIZZERA
12 ore
Quasi 3000 casi di effetti indesiderati a causa del vaccino
Si tratta essenzialmente di casi definiti "non seri". Le persone colpite superavano i 60 anni.
FRIBURGO
14 ore
Protesta contro il Black Friday, attivisti condannati
I fatti risalgono al 29 novembre 2020. Gli avvocati intendono fare ricorso
SVIZZERA
14 ore
La Svizzera punta ancora di più sull'energia rinnovabile
Il Consiglio federale adotta il messaggio sulla legge federale per un approvvigionamento elettrico sicuro
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera sempre meno contagi: 173 nelle ultime ventiquattro ore
Sono stati effettuati 26'573 test Covid, con un tasso di positività dello 0,7%
SVIZZERA
16 ore
Indennità per altri sei mesi
Il Consiglio federale ha deciso di prorogare fino al 31 dicembre il diritto all'Ipg
SVIZZERA
16 ore
«La Svizzera è il paese più ipocrita del mondo»
L'artista Ai Weiwei è il più noto tra gli oppositori di Pechino. Lo abbiamo intervistato
BERNA
16 ore
Circa 4000 firme contro la privatizzazione dei servizi di pulizia delle FFS
La petizione è stata sostenuta in modo particolare in Ticino
SVIZZERA
17 ore
Meno incidenti a causa del coronavirus: la Suva abbassa i premi 2022
Lo scorso anno sono stati notificati 431'827 infortuni e malattie professionali, in calo del 10% rispetto al 2019
ZURIGO
17 ore
Il consigliere di Stato lascia il Ps: «Troppo di sinistra»
Troppi contrasti tra Mario Fehr e la direzione del partito a Zurigo
BERNA
17.05.2021 - 08:530

La pandemia frena le condanne

La contrazione maggiore riguarda le violazioni alla legge sugli stranieri e la loro integrazione.

In forte calo anche i reati secondo la legge sulla circolazione stradale.

BERNA - La pandemia, certo, ci avrà messo lo zampino. Di fatto, il casellario giudiziale a fine 2020 era molto più "leggero" del solito, con "sole" 95'000 condanne nei confronti di adulti, ovvero l’11% in meno rispetto al 2019.

Netto calo in tutti gli ambiti - Stando a quanto emerge dalla statistica delle condanne penali realizzata dall’Ufficio federale di statistica, si è registrato un numero minore di condanne sia per reati ai sensi del Codice penale (CP) sia ai sensi delle principali leggi sussidiarie.

Particolarmente marcata è la contrazione delle condanne per reati ai sensi della legge sugli stranieri e la loro integrazione (LStrI: –17%) e della legge sugli stupefacenti (LStup: –14%).

In forte calo (–13%) anche le condanne per reati secondo la legge sulla circolazione stradale (LCStr). In particolare, sono calate del 15% le condanne per guida in stato di inattitudine (soprattutto sotto l’effetto dell’alcol o di sostanze stupefacenti), fatto che può essere ricondotto in parte alla chiusura di bar e ristoranti. La diminuzione più contenuta è quella registrata per le condanne ai sensi del CP (–5%).

Diminuzione maggiore riscontrata per le persone straniere senza permesso B o C - Considerando la situazione nell’ottica delle persone condannate, si riscontra che la contrazione delle condanne di persone straniere senza permesso B o C (CP: –12%; LCStr: –21%; LStup: –21%) è molto più marcata rispetto a quella di persone di nazionalità svizzera o straniere in possesso di un permesso B o C (CP: –3%; LCStr: –9%; LStup: –8%).

Per quanto riguarda le condanne per violazione grave delle norme della circolazione (spesso eccesso di velocità), emerge un quadro a prima vista un po’ inaspettato, in quanto risulta addirittura un aumento del numero di condanne (+3%) delle persone di nazionalità svizzera e di quelle di nazionalità straniera con un permesso B o C, mentre per i cittadini stranieri senza permesso B o C sono state pronunciate il 25% di condanne in meno.

Anche qui, i provvedimenti adottati per combattere la pandemia della COVID-19 forniscono una possibile spiegazione: da un lato, la chiusura delle frontiere ha comportato un numero minore di passaggi attraverso il territorio svizzero, mentre dall’altro, si può supporre che le persone che vivono in Svizzera abbiano evitato più spesso il trasporto pubblico, prediligendo gli spostamenti in auto.

Forte diminuzione delle pene detentive di oltre due anni - A causa del minor numero di condanne, sono state pronunciate anche meno pene. La suddivisione tra i vari tipi di pena è comunque rimasta sostanzialmente invariata rispetto all’anno precedente, poiché anche nel 2020 la sanzione principale, inflitta nel 70% di tutte le condanne, ha continuato ad essere la pena pecuniaria con sospensione condizionale.

Ciò che colpisce, tuttavia, è il calo particolarmente elevato delle pene detentive di più di due anni, passate da 865 nel 2019 a 630 nel 2020 (–27%). Qui, negli anni successivi sarà importante osservare se la riduzione è dovuta più al fatto che le sentenze nel quadro di procedimenti penali per reati più gravi sono state pronunciate e iscritte nel casellario giudiziale in ritardo a causa della pandemia, o se ci sono stati davvero meno reati gravi.

In calo anche le espulsioni - Nel 2020, sono state pronunciate 1841 espulsioni. Anche in questo caso, i numeri sono in calo rispetto al 2019 (–12%). Come negli anni precedenti, si è trattato principalmente di espulsioni obbligatorie (90%) pronunciate per condanne di persone straniere senza permesso B o C (81%).

Nel 61% di tutte le condanne per un reato ai sensi dell’articolo 66a del CP, è stata inflitta un’espulsione (tasso di applicazione dell’espulsione obbligatoria). Questa proporzione dipende fortemente dalla pena pronunciata contemporaneamente. Per quanto riguarda le pene pecuniarie, il tasso di applicazione è del 5%, per le pene detentive inferiori a sei mesi del 45% e per le pene detentive di sei mesi o più dell’86%.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 04:23:17 | 91.208.130.89