SwissWine
ULTIME NOTIZIE Svizzera
TURGOVIA
6 ore
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
6 ore
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
10 ore
Cassis ha firmato la Carta umanitaria del clima
La Svizzera, il primo Paese donatore a farlo, lancia così un segnale al resto del mondo.
SVIZZERA
10 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
11 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
13 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
ZURIGO
13 ore
Affare Paulsen, il tribunale dà ragione a TX Group
I giudici hanno respinto oggi la denuncia del miliardario svedese che si riteneva vittima di una campagna diffamatoria.
FOTO
SVIZZERA
14 ore
Un'altra mascherina ritirata dal mercato
Il prodotto avrebbe dimostrato «scarsa efficacia protettiva» e potrebbe pure «risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
14 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
15 ore
Prima visita ufficiale di un presidente della Georgia
Salome Zourabichvili è stata ricevuta oggi da Guy Parmelin e Ignazio Cassis
SVIZZERA
15 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
16 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
SVIZZERA
29.04.2021 - 18:430

La pandemia ha frenato la voglia di vino

Il consumo di vino nel 2020 ha subito un forte calo (anche) a causa delle chiusure di bar e ristoranti.

Complessivamente gli svizzeri hanno bevuto quindici milioni di nettare in meno. Il vino svizzero ha però fatto registrare piccoli passi in avanti.

BERNA - Nel 2020, il consumo di vino in Svizzera ha subito un forte calo rispetto all'anno precedente, di circa il 6%. La causa è da ricercare nella chiusura temporanea dei ristoranti e nel divieto di eventi come misure per arginare la diffusione del coronavirus. Il settore vinicolo svizzero ha guadagnato quote di mercato per il quarto anno consecutivo, ma il dato è in gran parte artificiale.

Sono questi i principali elementi che emergono dal rapporto dell'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG) "L'anno viticolo 2020: statistiche vitivinicole" pubblicato oggi.

Complessivamente nella Confederazione lo scorso anno sono stati bevuti 240 milioni di litri, 15 milioni in meno (-5,9%) rispetto al 2019. Il trend per i vini bianchi (-6,5%) e rossi (-5,6%) diverge di poco.

Determinante il declassamento dei DOC - Per quanto concerne il mercato dei vini elvetici, il dato è pure nettamente influenzato dal Covid-19, ma in altro modo. A causa della pandemia, il Consiglio federale nel maggio 2020 ha approvato una misura di sgravio del mercato dei vini svizzeri. Nella fattispecie è stato sostenuto il declassamento di un totale di 7,1 milioni di litri di vini a denominazione di origine controllata (DOC) delle annate 2019 e precedenti in vino da tavola. Conformemente all'ordinanza COVID-19, alle aziende sono stati versati contributi federali per 9,8 milioni di franchi.

Questi 7,1 milioni di litri DOC nelle statistiche dell'UFAG vengono dunque considerati come vino consumato. Ne risulta un leggero aumento dei consumi di vini elvetici rispetto all'anno precedente (+344'700 litri): nel dettaglio si è registrato un incremento di 85'000 litri nel consumo di bianco per un totale di 47,2 milioni di litri (+0,2%) e di 260'000 litri nel consumo di rosso per un totale di 47,7 milioni di litri (+0,6%).

Quota di mercato: su di 0,7 punti - «Contrariamente a quanto sembra suggerire il nome, il vino da tavola non finisce sulle tavole», ha spiegato a Keystone-ATS Florie Marion, responsabile della comunicazione presso l'UFAG. Questo vino parte nell'industria ad esempio per la produzione di aceto o per le miscele di fondue. Non è dunque considerato vino consumato.

Per il 2020 si denota un aumento della quota di mercato dei vini svizzeri che è cresciuta di 2,5 punti, attestandosi al 39,5%. Escludendo però i 7,1 milioni di litri di vino declassato, la quota di mercato è del 37,7% (+0,7 punti). Il settore vinicolo svizzero ha guadagnato quote di mercato per il quarto anno consecutivo, sottolinea l'UFAG.

Cresciuti i consumi di spumante - Per quanto riguarda il consumo di vini esteri, si è registrato un forte calo pari a 15,4 milioni di litri. Rispetto all'anno precedente sono stati consumati 9,6 milioni di litri di rosso in meno e 5,8 milioni di litri di bianco in meno. Il consumo di spumante è cresciuto ancora, del 2,1%, attestandosi a 20,5 milioni di litri. Si tratta dell'unico aumento registrato nel consumo di vino.

Secondo i dati dell'Osservatorio svizzero del mercato del vino (OSMV), ripresi nel rapporto, il cambiamento delle abitudini durante la crisi da coronavirus ha comportato un incremento del fatturato nel commercio al dettaglio. L'aumento delle vendite di vini svizzeri presso otto rivenditori al dettaglio di riferimento è stato del 13,6%, sempre rispetto all'anno precedente. Per i vini esteri, la crescita è stata dell'11,2%. Secondo i calcoli dell'UFAG, l'anno scorso il 30,6% del vino consumato in Svizzera è stato venduto da questi otto rivenditori al dettaglio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 5 mesi fa su tio
L'ho già scritto tempo fa ma rinfresco la memoria a certi "ristoratori". Cena in quattro, ottima, una bottiglia di Oeil de Perdrix a 48 franchi (vabbè che è uno dei migliori). L'ultimo goccio lo beve la moglie del mio amico e da gentiluomo prendo la bottiglia dal secchiello con tanto di ghiaccio e cosa vedono le mie fosche pupille attacata al fondo incurvato? Un'etichetta del Denner con Fr. 7,80 . Chissà perché li non vado più, a parte l'arrampicata sui vetri del proprietario. Ladroni (non tutti neh ? ) ;-((
Tato50 5 mesi fa su tio
Fosse per me è pandemia tutto l'anno, a parte un bicchiere di rosè alla domenica ;-))
pillola rossa 5 mesi fa su tio
Le "misure di contenimento" hanno bruscamente frenato il piacere alla vita in generale
SteveC 5 mesi fa su tio
Forse non è solo a causa della pandemia, ma anche dai prezzi fuori di testa in tanti dei nostri ristoranti e bar
seo56 5 mesi fa su tio
Bene!! Bella notizia
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 05:37:32 | 91.208.130.89