20min/Marco Zangger
ZURIGO / GERMANIA
14.04.2021 - 16:190

Non andare a scuola fa più male del virus

Per i bambini più piccoli in particolare l'apprendimento da remoto è poco valido

La ricerca ha coinvolto 2'500 bambini e adolescenti tra i 6 e i 16 anni. Nessun bambino si è ammalato gravemente, e risultano poche prove che essi si infettino a vicenda.

ZURIGO - Gli esperti di educazione dell'OCSE mettono in guardia contro la chiusura delle scuole a causa della pandemia di coronavirus: fanno più male che bene, soprattutto per gli allievi più piccoli. E uno studio nelle scuole dell'obbligo zurighesi constata che esse non sono focolai di infezione.

La ricerca, che ha coinvolto 2'500 bambini e adolescenti tra i sei e i 16 anni, è stata presentata oggi a una conferenza stampa virtuale dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) dall'epidemiologa dell'Università di Zurigo Susi Kriemler, che ha diretto lo studio.

Gli scolari sono stati controllati per gli anticorpi da Covid-19 in ciascuna delle tre ondate epidemiche verificatesi fino a oggi. Nella prima il 2% dei ragazzi ha mostrato anticorpi, nella seconda l'8%, mentre i dati per la terza non sono ancora disponibili. Nessun bambino si è ammalato gravemente, e risultano poche prove che essi si infettino a vicenda. Al picco della seconda ondata la percentuale di ragazzi, con un migliaio di infezioni al giorno, era trascurabile, ha spiegato Susi Kriemler.

Nella prima ondata di SARS-CoV-2, della primavera del 2020, le scuole svizzere sono state chiuse in marzo e aprile. Ma sulla base dei rilevamenti effettuati in collaborazione con la direzione cantonale dell'educazione e la task force scientifica della Confederazione, è emerso che le chiusure non erano necessarie nemmeno nella forte seconda ondata, aggiunge Kriemler. Diversi studi mostrano poi che il provvedimento ha un impatto negativo sulla salute fisica e mentale dei bambini e degli adolescenti.

Oggi il direttore dell'educazione dell'OCSE, Andreas Schleicher, ha presentato la terza indagine attuata dall'organizzazione sulle conseguenze della pandemia per l'educazione, da cui risulta che nessuno è più colpito dalle misure dei bambini e dei giovani. La chiusura delle scuole e altre restrizioni eliminano importanti spazi sociali per loro.

I paesi dell'OCSE hanno gestito in modo diverso la pandemia nell'ambito dell'istruzione. Le chiusure scolastiche non sono sempre state legate al numero di infezioni. L'insegnamento digitale è stato potenziato in misura diversa, ma l'80% dei paesi dell'OCSE lo ha sostenuto.

Ma per i bambini più piccoli in particolare l'apprendimento da remoto è poco valido poiché l'insegnamento faccia a faccia è indispensabile per loro, ha sottolineato Schleicher. Inoltre, l'impatto della chiusura delle scuole è stato molto più pronunciato per i bambini meno istruiti e svantaggiati. Nel complesso, risulta che le scuole chiuse e le classi ripetute sono le peggiori delle soluzioni, ha concluso.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 3 sett fa su tio
Speriamo che i politici se lo ricordino se ci dovesse essere un'altra pandemia.
SteveC 3 sett fa su tio
Da non credere, qualcuno l’ha capito
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-07 05:19:22 | 91.208.130.85