Keystone
GRIGIONI
06.03.2021 - 22:300
Aggiornamento : 07.03.2021 - 08:47

L'idea dai Grigioni: vietato mangiare e bere sul treno

La Ferrovia retica ha recentemente vietato le consumazioni su una delle sue linee

Le FFS, dal canto loro, non hanno alcuna intenzione di introdurre un simile divieto

COIRA - Non si mangia e non si beve più: stop alle consumazioni sul treno.

È il divieto che ha deciso di applicare da metà febbraio la Ferrovia Retica (RhB) alla sua linea che collega Bergün a Preda, nei Grigioni.

Il motivo? «A causa della chiusura dei ristoranti molti clienti hanno iniziato a usare i treni come luoghi dove fare dei picnic. Per questo siamo stati costretti ad agire» ha spiegato al quotidiano 20 Minutes la portavoce dell'RhB Yvonne Dünser, che ha inoltre ricordato a tutti che quando si mangia, si abbassa la mascherina, e questo aumenta il rischio d'infezione.

La portavoce ha voluto sottolineare, comunque, che il divieto si applica solo alla linea in questione (frequentata, generalmente, da chi va a slittare) e che verrà revocato il 14 marzo, quando tali treni non circoleranno più su quella linea.

I clienti, però, non hanno sempre reagito bene, conferma Dünser. «Alcuni sono d'accordo con il divieto, altri un po' meno».

Sui social media, infatti, la maggior parte dei commenti è negativa: «Cancellate subito questa regola», o «non c'è alcuna base giuridica per una cosa del genere», sono alcune delle esternazioni dei clienti insoddisfatti

L'avvocato Martin Hablützel, specialista in assicurazioni di responsabilità civile, ritiene invece che il divieto sia perfettamente comprensibile e giustificato. «La RhB deve rispettare l'obbligo di trasporto garantendo la sicurezza dei passeggeri. Ed è ciò che stanno cercando di fare con questo divieto».

Secondo l'avvocato inoltre, è del tutto possibile astenersi dal mangiare, ma è un po' più complicato quando si tratta di bere. «Un sorso d'acqua dovrebbe essere permesso», ha detto l'esperto. Tuttavia, Hablützel osserva anche che il viaggio in questione, da Bergün a Preda, non dura diverse ore. Il divieto sarebbe molto più discutibile se il viaggio fosse lungo.

Le FFS, sollecitate sul tema, hanno dichiarato che non c'è alcuna intenzione di introdurre un divieto di consumo simile sulle loro linee, ma sottolineano l'importanza di sensibilizzare. Ad esempio, hanno lanciato una campagna in collaborazione con l'Ufficio Federale della Sanità Pubblica (UFSP) che invita i passeggeri a lasciare il treno se hanno intenzione di fare una pausa più lunga per il pranzo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 2 mesi fa su tio
È solo una questione di responsabilità individuale ma in questi tempi è merce rara specialmente tra i giovani
lecchino 2 mesi fa su tio
Ma quanto sono c...... Questi?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-15 14:10:01 | 91.208.130.86