LIVE - CONCLUSO
BERNA

Il 2,5% degli svizzeri è vaccinato

Oltre 200mila persone hanno già ricevuto anche la dose di richiamo.

Gli ultimi aggiornamenti sull'andamento della pandemia nel nostro paese.

Mercoledì il Consiglio federale ha annunciato gli attesi allentamenti alle norme per contrastare la pandemia. I negozi potranno riaprire dal 1 marzo, lo stesso vale per musei e biblioteche. Anche gli impianti sportivi all'aperto potranno riaprire i battenti, mentre ristoranti e centri culturali per il momento rimarranno chiusi.

Questo pomeriggio gli esperti federali forniranno informazioni sugli attuali sviluppi della pandemia.
Saranno presenti:

  • Martin Ackermann, a capo della task force nazionale anti COVID-19
  • Virginie Masserey, responsabile della Divisione malattie infettive dell'UFSP
  • Eric Scheidegger, vicedirettore e capo della direzione politica economica della SECO
  • Linda Nartey, medico cantonale a Berna e vicepresidente dell'Associazione dei medici cantonali
  • Mike Schüpbach, vicedirettore della sezione ambito giuridico 2, dell'UFSP
15:00

La conferenza stampa si è conclusa

15:00

Autotest, a quando?

Masserey: «Abbiamo bisogno di dati per essere in grado di convalidare questi test. Non posso dire ora quanto tempo richiederà il processo di convalida».

14:56

Effetto meteo

Ackermann: «Ci sono effetti stagionali. All'aumentare della temperatura, il numero di infezioni diminuisce. L'effetto c'è, ma non è molto elevato. Ha più a che fare con il fatto che le persone sono più all'esterno e meno al chiuso». 

14:52

Perché la Svizzera non produce vaccini da sola?

Scheidegger: «La produzione di vaccini è qualcosa di estremamente complesso che richiede molte risorse, dallo sviluppo alla produzione fino alla distribuzione».

14:52

Autotest

Masserey: «Siamo molto interessati a questi autotest e osserviamo e analizziamo attentamente le esperienze degli altri paesi che si stanno confrontando con essi».

 

Nartey: «È importante testare di più ed è importante che vengano utilizzati test che non siano percepiti come sgradevoli dalla popolazione. Ma i test devono anche essere abbastanza sicuri in modo che i loro risultati siano affidabili».

14:48

Sieroprevalenza

A Neuchâtel, Vaud e Ginevra, il 25% delle persone ha sviluppato anticorpi. Ma per Masserey «è relativamente poco». Ackermann aggiunge che questi numeri sono già implicitamente inclusi nelle fasi di allentamento. Nartey conclude spiegando che i numeri non sono uguali in tutta la Svizzera. Ad esempio a Berna la percentuale dovrebbe essere più bassa. 

14:43

La Svizzera acquisterà il vaccino di Johnson?

Masserey: «Non commentiamo le trattative in corso con i produttori. Le informazioni del caso vengono date solo quando vengono concluse le contrattazioni».

14:41

Carnevale a Einsiedeln 

Masserey: «Non conosco esattamente la situazione, ciò che ho appreso è solo dai resoconti dei media. Bisognerebbe chiedere al Cantone se ciò ha influito sui contagi. Se nessuno si è infettato, è stata solo fortuna».

14:38

Terrazze

Masserey: «Gli incontri sulle terrazze aumentano il rischio che il virus si diffonda. Inoltre, aprirle sarebbe ingiusto nei confronti dei ristoranti che devono restare chiusi».

14:35

Ristoranti aperti se sono mense

Schüpbach: «Le mense aziendali possono essere gestite secondo il regolamento. Abbiamo reso questa operazione un po' più ampia per favorire i camionisti. Una mensa aziendale non deve necessariamente essere in azienda».

14:33

Sulla prossima grande consegna di vaccini

Masserey: «Le prossime dosi arriveranno a marzo e aprile. Le grandi consegne non arriveranno di certo prima di maggio e giugno. Ma crediamo che sarà possibile far vaccinare chi vuole entro l'estate».

14:32

È il momento delle domande

14:30

La Svizzera se la sta cavando

Eric Scheidegger, vicedirettore e capo della direzione politica economica della SECO, fa previsioni economiche per il 2021. «Nel 2020 l'economia è crollata nei primi due trimestri. È seguito un massiccio sviluppo positivo nel terzo trimestre in connessione con l'allentamento della scorsa estate. Nel quarto trimestre, l'economia è poi cresciuta esattamente dello 0,3%», spiega. «È una buona notizia che l'economia sia riuscita a crescere nel quarto trimestre nonostante», afferma. La Svizzera se la sta cavando.

14:25

«Dobbiamo avere pazienza»

Ackermann sostiene una strategia di tracciamento dei contatti coerente ed efficace: «Il virus non scomparirà. Il tempo sta giocando a nostro favore ora che il tempo sta migliorando. Dobbiamo essere pazienti».

14:23

Pianificazione dinamica 

La Task Force è contraria ad un piano di allentamenti vincolante e quindi rigido. «È importante confrontare qualsiasi allentamento con lo sviluppo della pandemia», aggiunge Ackermann.

14:21

«Non bisogna aprire tutto in una volta»

Ackermann esorta alla cautela. Non sono state ancora vaccinate abbastanza persone per aprire tutto in un colpo solo: «La task force considera utile un intervallo di quattro settimane tra ulteriori misure di allentamento», afferma.

14:21

Tendenze opposte

Da novembre, il numero di casi si è ridotto notevolmente, spiega Ackermann. Negli ultimi tempi, tuttavia, lo sviluppo è rimasto fermo. Si possono osservare due tendenze opposte: «La vecchia variante sta diminuendo sempre di più, le nuove mutazioni stanno aumentando».

14:20

Prevenire la terza ondata

Interviene Martin Ackermann, capo della task force nazionale anti COVID-19. Chiarisce che la task force non ha mai previsto un numero elevato di casi per la primavera. Ha solo fatto affidamento su un modello matematico. «Se si registra una crescita esponenziale, il numero di casi può salire alle stelle», afferma. Ciò si era verificato la scorsa primavera e poi in autunno. «Dobbiamo evitare che ciò accada una terza volta».

14:17

«Compito frustrante»

«Il monitoraggio dei contatti è una delle attività più frustranti nel tracciamento dei contatti», afferma Nartey. Nel caso delle varianti, le persone entrate in contatto vengono tracciate anche da altri contatti degli infetti.

14:15

Il medico cantonale chiede ulteriori esami

Linda Nartey, vicepresidente dell'Associazione dei medici cantonali: «I test spontanei nella popolazione stanno diminuendo». Quindi avverte: «Per controllare il numero di casi, è importante che vengano eseguiti un numero di test sufficienti». 

14:12

Vaccinato il 2,5 per cento degli svizzeri

Oltre 200.000 persone in Svizzera ha già ricevuto anche il richiamo della vaccinazione. Corrisponde al 2,5 per cento della popolazione svizzera, sottolinea Masserey.

14:11

Allentamenti per i giovani

Masserey parla dei ragazzi, per i quali ci sarà un ulteriore allentamento (dai nati nel 2001): «È importante anche per loro che continuino a osservare le misure di protezione», avverte Masserey. «Questo, anche se possono fare nuovamente sport in gruppi fino a 15 persone».

14:08

Quasi il 60 percento sono mutazioni

Masserey: «Le mutazioni continuano a proliferare. Questo vale sia per la variante britannica che per quella sudafricana», spiega. Viene quindi mostrato un grafico che identifica come circa la metà dei casi siano mutazioni. «Ci stiamo avvicinando al 60 percento».

14:06

Inizia la conferenza stampa

Virginie Masserey dell'UFSP è stata la prima a parlare: «Tutto sommato la situazione è buona, ma rimane fragile», spiega. «Il numero di casi è rimasto stabile da tempo e l'incidenza è in calo. Il tasso di positività è inferiore al cinque percento, il che è positivo». Quindi aggiunge: «Il valore R è attualmente inferiore a uno, ma troppo poco perché il numero di casi possa davvero diminuire».

13:50
20 minuten

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 16:02:52 | 91.208.130.87