tipress
BERNA
08.02.2021 - 16:540

Dogane, personale amministrativo "al fronte". Scoppia la polemica

Timori tra i dipendenti per la mancanza di una adeguata formazione.

Ciò, tuttavia, sarebbe un assaggio di quella che sarà la riforma delle dogane, che prevede l'accorpamento di Guardie di confine e funzionari doganali.

BERNA - Entrare in Svizzera si fa più complesso con le nuove disposizioni decise dal Consiglio federale. Tanto che l'amministrazione federale delle dogane ha deciso di rafforzare la presenza alle frontiere sfruttando funzionari amministrativi. Ciò, almeno, stando a un documento in mano alla radio SRF.

Questa chiamata "al fronte" non ha mancato di suscitare ovvie preoccupazione da parte di chi non è adeguatamente formato.

L'invio al confine del personale impiegato fino ad oggi in mansioni amministrative è descritto in un documento trapelato dalla regione nord-est sul quale l'amministrazione federale delle dogane, al momento, non si esprime. Viene invece assicurato che coloro che vengono impiegati nelle nuove operazioni di controllo, sono adeguatamente formati.

Ciò nonostante trapelano preoccupazioni tra lo stesso personale, quantomeno per le possibili tensioni che si potrebbero verificare tra i viaggiatori. Viene quindi fatto notare che inviare impiegati privi di una adeguata formazione per la sicurezza personale potrebbe rivelarsi pericoloso. Il rischio, in potenza, è evidente dai giubbotti anti-taglio che - da circolare - vengono fatti indossare.

In questa situazione ancora nebulosa, ciò che emerge è uno scenario in qualche modo atteso. Da due anni, infatti, il Governo federale sta lavorando per la riforma delle dogane che prevede l'accorpamento di Guardie di confine e funzionari doganali.

Un progetto già criticato, ma per il quale Berna aveva assicurato che non sarebbero state messe armi in mano a chi non se la fosse sentita.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Border_Line 7 mesi fa su tio
Mah... Non si parla di licenziamenti, mi sembra...
Border_Line 7 mesi fa su tio
Un po’ di flessibilità ci vuole. Adattamento, apertura mentale. Non hanno parlato di licenziamenti, che già non è male, no?
ciapp 7 mesi fa su tio
neanche nel burundi succedono queste cose , pora svizzera
Duca72 7 mesi fa su tio
Stiamo diventando peggio dell’Italia !!!! Se non lo siamo già.
seo56 7 mesi fa su tio
Mha!!
Booble63 7 mesi fa su tio
È come se obbligassero un funzionario della sezione della circolazione a girare di pattuglia con la polizia, per di più armato ( a meno che si rifiuti di farlo e si sa come vengono interpretati i rifiuti in ambienti militari). Nessuna formazione specifica e potenziali rischi di errori e soprattutto di sicurezza. A Berna la fanno facile. Speriamo bene..
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-19 15:03:27 | 91.208.130.86