20minuten/instagram
ZURIGO
31.01.2021 - 17:060
Aggiornamento : 18:13

A causa del coronavirus i giovani festeggiano sul treno

Mancano i luoghi d'incontro. Così qualcuno trova riparo sui mezzi pubblici.

Le FFS mettono in guardia sulle conseguenze: «Rischiate delle multe».

ZURIGO - Oltre una dozzina di giovani, in piedi, urlanti e festeggianti con bicchieri in mano. Non è la scena di una qualche movida cittadina, ma quanto accaduto di recente su un treno delle FFS. Diversi video documentano come i nuovi luoghi d'incontro siano diventati treni e tram.

Le scene, come si nota sulla pagina Instagram “Szene_isch_Zueri”, sono perlopiù simili: l'atmosfera è esuberante e gruppetti di oltre cinque persone (come sarebbe consentito negli spazi pubblici o in occasione di eventi privati) passano il loro tempo consumando alcolici e in alcuni casi senza mascherina. Spavaldi, i ragazzi sostengono di non avere paura, né dell'"influenza" né della polizia.

Le FFS mettono in guardia - Anche il sindacato del personale dei trasporti è a conoscenza di casi simili: «Abbiamo saputo che sabato scorso alcune persone si sono incontrate alla stazione di Zurigo, molto probabilmente per una festa», afferma il segretario sindacale della SEV, Jürg Hurni.

Su richiesta, le FFS preferiscono non commentare riguardo un possibile incremento di questi casi dal nuovo lockdown. Il portavoce delle FFS Martin Meier chiarisce: «Le riunioni sui treni sono vietate solo se non si indossa una mascherina. Questa può essere rimossa solo per un breve pasto». Altrimenti ci sono delle conseguenze: «Se il requisito della mascherina viene violato, il nostro personale può chiamare i servizi di sicurezza, il che può portare anche a sanzioni».

«Nessun controllo contro gli assembramenti» - Secondo il vicedirettore Silvia Behofsits, l'Autorità dei trasporti di Zurigo è a conoscenza di "casi sparuti" di incontri di giovani su tram e autobus, «avvenuti soprattutto nei fine settimana». Behofsits fa appello ai passeggeri affinché rispettino le regole e mostrino considerazione per gli altri passeggeri. «Chi rifiuta di indossare una mascherina o di tenersi a distanza può essere invitato a lasciare il mezzo di trasporto alla fermata successiva», avverte.

La compagnia ferroviaria Thurbo conosce il fenomeno, ma sostiene che è contenuto. Secondo il portavoce Werner Fritschi, il personale interviene in caso di mancato rispetto delle norme anti covid, ma «se le regole vengono rispettate, Thurbo non vede alcun motivo per agire contro tali riunioni, né ha i mezzi per farlo».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-18 07:01:03 | 91.208.130.87