keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
16 min
Donna spinta sui binari, «Ho tenuto a terra il responsabile»
Arrestato un 27enne di origini eritree. Il testimone: «Lui si è comportato come se non fosse successo niente».
SVIZZERA
1 ora
«Niente più caramelle vicino alle casse dei supermercati»
La proposta è stata accolta con favore dal Consiglio federale
ARGOVIA
1 ora
Due feriti dopo uno scontro frontale
I conducenti delle vetture sono stati trasportati in ospedale
LUCERNA
1 ora
Bus in frenata di emergenza, due passeggeri in ospedale
L'incidente sarebbe stato causato da un'auto di scuola guida che si è arrestata all'improvviso.
TURGOVIA
3 ore
15enni su una moto rubata si scontrano con un'auto
I due adolescenti sono finiti in ospedale
FOTO
FRIBURGO
4 ore
Parcheggio sotterraneo distrutto da un incendio
Diversi veicoli sono stati distrutti nella notte
GRIGIONI
4 ore
Tragedia sul Piz Russein: due morti
Sono stati travolti da una valanga a lastroni, che li ha trascinati per quasi 1000 metri.
ZURIGO
15 ore
«Dai 10 anni devono poter decidere se vaccinarsi»
Il tema è di forte attualità. E l'UFSP ha aperto il dibattito anche sui social.
BERNA
19 ore
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
20 ore
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
20 ore
Una falla nella sicurezza stende "lemievaccinazioni.ch"
La piattaforma, sospesa dallo scorso marzo, non sarà più riattivata.
ZURIGO
21 ore
Condannati gli attivisti che bloccarono l'entrata di Credit Suisse
Pene pecuniarie con la condizionale per i nove imputati.
SVIZZERA
22 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
23 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
BERNA
31.01.2021 - 08:030
Aggiornamento : 13:16

Perché la Svizzera non produce vaccini da tempo?

Il gigante farmaceutico Novartis entra nel business delle vaccinazioni.

Cosa significa questo per la strategia di vaccinazione del Consiglio federale?

Fonte Daniel Graf/20Minuten
elaborata da Davide Milo
Giornalista

BERNA - Venerdì il colosso farmaceutico svizzero Novartis ha firmato un accordo con BioNTech. Novartis riempirà le fiale BioNtech / Pfizer negli stabilimenti di Stein a partire dal 2° trimestre di quest'anno. Nello specifico, l'azienda basilese riceverà il principio attivo mRNA grezzo da Biontech e procederà al riempimento delle fiale nella sua struttura argoviese. Il prodotto finito sarà poi rispedito a Biontech, per poi essere distribuito in tutto il mondo.

Novartis ha anche annunciato di essere in trattative avanzate con una serie di altre società per avviare la produzione effettiva. L'azienda vuole rilevare la produzione di mRNA, la produzione di proteine terapeutiche e la produzione di materie prime per i vaccini Covid. Cosa significa questo per la fornitura di vaccini in Svizzera?

La Svizzera riceverà più vaccini più velocemente?
«No», spiega l'economista sanitario Tilman Slembeck dell'Università di scienze applicate di Zurigo (ZHAW). «Non importa dove vengono prodotti i vaccini. Chi li andrà a ricevere per primo è deciso dai contratti tra i proprietari dei brevetti, i produttori e i paesi acquirenti». In questo caso, insomma, decidono BioNtech e Pfizer.

È in corso una battaglia per la distribuzione globale del vaccino. L'UE ora dispone persino di controlli sulle esportazioni per monitorare l'esportazione del vaccino di AstraZeneca. La Svizzera non potrebbe semplicemente trattenere alcuni grandi container per la propria popolazione, ad esempio da Lonza o prossimamente da Novartis?
Secondo l'Epidemic Act, ciò sarebbe teoricamente possibile, dice Slembeck: «È già successo che i paesi abbiano imposto un divieto di esportazione di vaccini o farmaci che stavano diventando scarsi. Dal punto di vista politico, sarebbe sicuramente molto delicato. Inoltre, la reputazione della Svizzera ne soffrirebbe se, in una crisi globale, mettesse i propri interessi al di sopra dei trattati attuali».

Potrebbe essere richiesto a Novartis di produrre il vaccino?
«Difficilmente», spiega Slembeck. «Aziende come BioNTech hanno fatto ricerche per decenni e investito molti soldi nello sviluppo del vaccino. Togliere loro il guadagno ora sarebbe una mossa pericolosa».

La Svizzera è una nazione farmaceutica, ma non è stato ancora possibile produrre un vaccino per la popolazione. Perché?
«Quello dei vaccini è un mercato globale in cui i produttori possono sopravvivere solo attraverso la produzione di massa. Ciò a causa dei bassi margini», afferma Slembeck. La farmaceutica svizzera si è ritirata anni fa da questo settore, specializzandosi in farmaci altamente redditizi come gli antitumorali. «Fornire vaccini alla popolazione svizzera non è il nostro lavoro. Se avessimo voluto una produzione nazionale di vaccini, avremmo dovuto sovvenzionare l'ultimo produttore, Berna Biotech, con 15 milioni all'anno dal 2006. Era troppo costoso per l'allora ministro della Salute Pascal Couchepin».

Il governo federale non è riuscito a garantire che aziende come Lonza o Novartis producessero per la Svizzera in tempo utile.
Ne è convinto il consigliere nazionale dei Verdi liberali Martin Bäumle: «La Svizzera avrebbe potuto firmare contratti con Lonza in primavera. Avrebbe potuto contribuire ai costi per la creazione di ulteriori linee di produzione». Bäumle ritiene che sarebbe stato possibile garantire dosi di vaccino sufficienti più rapidamente, per un piccolo paese come la Svizzera. «Ormai è troppo tardi per questo, le fiale prodotte sono state distribuite secondo contratto», afferma Bäumle. Slembeck la vede diversamente: «Non sarebbe stato un compito federale. E per i giganti farmaceutici come Novartis e Roche, un riallineamento verso la produzione di vaccini nella primavera del 2020 sarebbe stato troppo costoso e rischioso. Nessuna delle due società aveva prodotto alcun vaccino fino a quel momento e nessuno sapeva come si sarebbe evoluta la pandemia».

Il governo federale può entrare in gioco e garantire dosi di vaccinazione per la Svizzera?
Secondo Bäumle «la Svizzera potrebbe ancora offrire sostegno finanziario per avviare nuove linee di produzione. Novartis ovviamente vuole entrare in produzione». Ammette, tuttavia, che per il governo federale è un rischio procedere con i finanziamenti: «Se la Svizzera investe ora denaro, è possibile che inizierà a fruttare quando avremo già abbastanza vaccini». Secondo Bäumle, tuttavia, il vaccino in eccesso potrebbe essere venduto ad altri paesi precedentemente trascurati nel piano di vaccinazione globale.

Cosa ottiene Novartis dall'accordo?
Secondo Slembeck, si tratta di soldi e di una buona reputazione: «Novartis trae profitto dalla produzione. In qualità di azienda farmaceutica leader a livello mondiale, desidera certamente essere presente sul mercato e rafforzare la propria immagine».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 3 mesi fa su tio
Riassumendo, si avrebbe la possibilità di produrre più velocemente il vaccino, ma ciò cozza contro l'interesse di chi detiene il brevetto e di chi regge la coda dietro compensi alle farmaceuitiche, in primis l'OMS seguita dai vari Paperoni nazionali. L'indiscutibile bisogno dei farmaci lascia un ampio margine di manovra a speculazione e disonestà travestite da buon samaritano.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-15 13:13:23 | 91.208.130.87