Tamedia
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Cosa ci dirà questa volta Berset?
Il Consiglio federale è pronto a comunicare le nuove misure anti-Covid. Ecco alcune anticipazioni
GINEVRA
11 ore
Omicron nel campus, duemila in quarantena
Due contagi nella Scuola internazionale di Ginevra hanno fatto scattare massicce misure di contenimento
SVIZZERA
11 ore
«Introdurre una tassa per i non vaccinati»
Lo ha proposto Sanija Ameti, co-presidente del movimento Operation Libero
GRIGIONI
13 ore
In vacanza in hotel, ma solo se vaccinati o guariti
Al Kulm di St.Moritz la stagione turistica invernale inizia con una stretta sulle misure sanitarie
SVIZZERA
14 ore
«Presto potremmo dover decidere chi curare e chi no»
Il personale di cura lancia l'ennesimo allarme: le risorse sono scarse e i pazienti continuano ad aumentare.
SVIZZERA
15 ore
Un nuovo record di pacchi per la Posta
Sono 7,4 milioni quelli recapitati tra il 22 e il 30 novembre 2021. Centomila in più rispetto alla Cyber Week del 2020
SVIZZERA
16 ore
Decessi legati al Covid-19 quasi raddoppiati in una settimana
Il tasso di positività per 100mila abitanti è passato da 437,6 a 590,6: ben oltre il doppio del Ticino (269,2).
ZURIGO
16 ore
Un nuovo centro per i test covid all'aeroporto di Zurigo
È stato inaugurato oggi ed è in grado di effettuare 15mila tamponi alla settimana.
SVIZZERA
17 ore
Quarto caso di Omicron in Svizzera
La persona contagiata è rientrata nove giorni fa dal Sudafrica.
SVIZZERA
17 ore
«Nessuna quarantena per i viaggi d'affari»
Swismem si dice scettico sull'efficacia delle quarantene: «Non fermeranno la diffusione del virus».
ARGOVIA
17 ore
Anche Argovia gioca d'anticipo: «Su la mascherina nei luoghi pubblici»
Salgono così a 14 i cantoni che hanno anticipato alcune delle misure proposte dal Consiglio federale.
SVIZZERA
17 ore
«La stampa va sostenuta»
Il Consiglio federale invita il popolo ad approvare il tema in votazione il prossimo 13 febbraio.
ZURIGO
18 ore
Pacchetti nel mirino dei ladri
I malviventi sono entrati in azione oggi in un quartiere di Opfikon
SVIZZERA
18 ore
Si torna sotto i 10mila contagi
I pazienti Covid occupano ora il 26,9% dei posti letto di terapia intensiva.
SVIZZERA
18 ore
«È da presuntuosi credere di poter fermare la variante»
A tu per tu con Patrick Mathys dell'UFSP su Omicron in Svizzera e le misure introdotte dalla Confederazione
SVIZZERA
20.01.2021 - 15:350
Aggiornamento : 17:34

Privatizzazione di Postfinance? Tra malcontento e soddisfazione

Per i contrari «la Svizzera non ha bisogno di un altro gigante bancario che massimizza i profitti»

BERNA - La volontà del Consiglio federale di privatizzare Postfinance non piace a sinistra, ma raccoglie consensi a destra. Partito socialista (PS) e sindacati si oppongono con forza, parlando di attacco al servizio pubblico. Storce il naso anche l'Usam. Per il PLR quella proposta dal Governo è invece l'unica soluzione per garantire una concorrenza leale. Appoggio anche dall'UDC e dalle associazioni bancarie, mentre l'Alleanza del centro chiede una strategia chiara prima di decidere.

In un momento in cui i tassi d'interesse sono ad un minimo storico, Postfinance deve essere ripensata come garante del traffico dei pagamenti e quindi come una parte importante del servizio pubblico, rileva il PS in una nota, parlando di «via semplicistica della privatizzazione».

«Il nostro Paese non ha bisogno di un ulteriore gigante bancario che massimizzi i profitti», sostiene il consigliere nazionale socialista ticinese Bruno Storni, citato nella nota. In Svizzera e l'Europa servono banche statali che concentrino «la loro attività nella tutela del clima, l'efficienza energetica e le energie rinnovabili», aggiunge il collega grigionese Jon Pult.

Il PS critica inoltre il Consiglio federale per non aver proposto nessuna alternativa alla privatizzazione e ricorda come soprattutto nella crisi causata dal coronavirus, PostFinance si sia dimostrata estremamente efficiente concedendo migliaia di fideiussioni.

Verso tagli a qualità e a personale, USS - Forti critiche all'Esecutivo vengono mosse anche dall'Unione sindacale svizzera (USS), che in un comunicato parla di «attacco frontale al servizio pubblico» e ricorda come l'istituto sia una banca popolare con quasi tre milioni di clienti e appartenga al grande pubblico. Se la Confederazione e la Posta dovessero ritirarsi da Postfinance, il traffico dei pagamenti dovrebbe essere garantito mediante il rilascio di una concessione: questo significherebbe tagli alla qualità e, non da ultimo, al personale, prosegue il sindacato, ricordando anch'esso l'importanza di questo istituto durante la crisi pandemica.

Syndicom minaccia referendum - Stessa lunghezza d'onda per Syndicom, secondo cui l'idea del Consiglio federale è una minaccia per il servizio pubblico e un tentativo di evitare la discussione su una garanzia statale eliminando il divieto di credito e di ipoteca. Il sindacato annuncia di volersi opporre con tutti i mezzi a sua disposizione, in ultima analisi con un referendum. In caso di privatizzazione, sostiene Syndicom, i clienti meno redditizi andrebbero incontro all'esclusione da numerosi servizi o con tariffe elevate.

Non serve, per Usam - Anche l'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam) respinge il progetto, che «serve solo gli interessi di Postfinance». L'organizzazione ritiene che non si tratti di una vera e propria privatizzazione, poiché il Consiglio federale è tenuto a colmare le lacune in materia di fondi propri. Il mercato ipotecario e dei crediti in Svizzera è sufficientemente ben servito e non ha bisogno di un nuovo operatore, aggiunge l'Usam.

Parere positivo da PLR e UDC - Di parere diametralmente opposto è il PLR, per il quale la privatizzazione è l'unico modo giusto per garantire una concorrenza leale sul mercato del credito e delle ipoteche, ha affermato il responsabile della comunicazione del partito Marco Wölfli.

Per il PLR, la revoca del divieto di concedere crediti e ipoteche per Postfinance può avvenire solo con una privatizzazione completa e coerente. In un mercato che funziona, non è opportuno mettere una «banca postale» interamente controllata dallo Stato in concorrenza con il settore privato, sostiene il partito.

L'UDC condivide la posizione del Consiglio federale, ha dichiarato la portavoce del partito Andrea Sommer all'agenzia Keystone-ATS. Per la formazione politica la condizione per la piena privatizzazione è l'abolizione del divieto di concedere crediti, come già sostenuto nella consultazione sulla revisione parziale della legge sull'organizzazione della Posta.

Giusta direzione, per associazioni bancarie - L'Associazione svizzera dei banchieri, Swissbanking, parla di «passo nella giusta direzione» in una breve presa di posizione inviata all'agenzia AWP. Per l'Unione delle Banche Cantonali Svizzere, una privatizzazione di Postfinance può rispondere ad alcune preoccupazioni emerse nel corso della consultazione, ma non risolverebbe gli effetti negativi della revoca del divieto di concedere crediti e ipoteche.

Serve strategia chiara, Alleanza del centro - L'Alleanza del centro chiede da parte sua a Postfinance di presentare una strategia chiara che mostri il futuro dell'azienda con e senza privatizzazione parziale. Sulla base di ciò, la formazione politica prenderà la sua decisione a favore o contro, ha indicato su richiesta la responsabile della comunicazione Astrid Bärtschi.

Consapevole del fatto che Postfinance sta affrontando grandi sfide, il centro è critico nei confronti dell'abolizione delle restrizioni attualmente in vigore nel mercato del credito e delle ipoteche, ha proseguito la portavoce, per la quale sussiste il pericolo di distorsioni della concorrenza.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 07:55:39 | 91.208.130.85