Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTOGALLERY
NEUCHÂTEL
28 min
«L'intero villaggio è pieno di fango e detriti»
Ieri sera il Ruhault ha rotto gli argini a Cressier. Alcune famiglie hanno dovuto essere sfollate.
VAUD
30 min
Hanno fatto saltare in aria un altro bancomat
Questa volta il colpo è stato perpetrato presso un distributore di benzina a Savigny.
SVIZZERA
41 min
L'uomo che commissionò l'assassinio della sua compagna resta in carcere
Il Tribunale federale ha respinto il suo ricorso per ottenere la libertà condizionale: «Il rischio di recidiva è alto».
SVIZZERA
1 ora
Vacanze a tinte rossocrociate per molti svizzeri
Le montagne elvetiche restano meta ambitissima, va un po' meno bene alle città.
SVIZZERA
1 ora
Alcune norme della legge anti-terrorismo saranno introdotte in autunno
Dopo l'approvazione alle urne, il Consiglio federale ha posto in consultazione oggi la relativa ordinanza.
ZURIGO
1 ora
Vaccino Covid, centinaia al giorno non si presentano al loro appuntamento
«Con l’inizio dell’estate e degli Europei queste cifre sono aumentate», dichiara il Dipartimento della sanità zurighese.
SVIZZERA
1 ora
Accesso al mercato italiano: «Nessuna discriminazione sistematica»
Un rapporto adottato dal Consiglio federale rivela «maggiori difficoltà» di accesso al confine ticinese.
SAN GALLO
2 ore
Beccato un ladro: aveva compiuto sessanta furti
L'uomo, un serbo di 29 anni, aveva colpito diversi garage di San Gallo tra il 2019 e il 2020.
SVIZZERA
3 ore
Incidenti in bici, più di 1'300 legati all'alcol
Secondo Suva, la tendenza sarebbe in aumento.
ARGOVIA
4 ore
Il vaccino di Pfizer/BioNTech verrà prodotto anche in Svizzera
Ad occuparsene sarà Novartis, che produrrà le fiale nel suo sito di Stein, nel Canton Argovia
LUCERNA
5 ore
Investe un ausiliare del traffico e se ne va
L'incidente si è verificato a Lucerna poco più di due settimane fa. Ancora sconosciuta l'identità del conducente.
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
5 ore
Temporali violenti, Cressier è finita sott'acqua
Ai residenti è tuttora sconsigliato di bere acqua dal rubinetto
SVIZZERA
6 ore
Spingono un 60enne giù dalle scale e scappano
La polizia è alla ricerca di un gruppo di giovani
SVIZZERA
6 ore
Vaccino sì, vaccino no? Un quarto degli svizzeri è ancora scettico
Anche l'età e il sesso sembrano essere un fattore: è quanto emerge da un sondaggio dell'istituto Sotomo
SVIZZERA
19.01.2021 - 08:040
Aggiornamento : 10:44

«Il virus mutato è un'ulteriore minaccia per la scuola»

Istituti e classi in quarantena a causa delle più contagiose varianti. E si torna a parlare di insegnamento a distanza

La presidente dell'associazione dei docenti (LCH): «A un certo punto il controllo della pandemia deve essere prioritario»

Fonte 20 Minuten / Daniel Waldmeier e Pascal Michel
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - Ristoranti e negozi che non vendono beni di prima necessità sono chiusi. Un lockdown “light” che ha risparmiato le scuole. Perlomeno sinora. In questi giorni sono infatti stati registrati diversi episodi in cui una nuova e più contagiosa variante del coronavirus è entrata in aula, mettendo in quarantena centinaia di allievi. Per esempio la scuola media di Morbio Inferiore. Ma casi analoghi si contano anche a Bremgarten bei Bern (BE), Frauenfeld (TG) e Oberwil (BL), dove la misura è scattata per una o più classi.

E si torna dunque a parlare del settore scolastico. La situazione preoccupa Dagmar Rösler, presidente dell'Associazione dei docenti (LCH): «I virus mutati sono una minaccia supplementare. Se la situazione peggiora, si dovrà pensare all'insegnamento a distanza». La sua speranza è che non si debba effettivamente arrivare a questo punto. Ma: «In un determinato momento il controllo della pandemia viene prima di tutto». Si potrebbe però, per esempio, pensare di passare all'insegnamento a distanza perlomeno nelle scuole superiori o professionali, per un periodo limitato, in quanto si tratta di studenti che percorrono un tragitto più lungo.

Genitori preoccupati - Con un aumento di scuole o classi poste in quarantena, diventerà difficile svolgere le lezioni con regolarità. E questo anche a causa della mancanza di insegnanti. La presidente della LCH osserva che già nella situazione attuale ci sarebbe molto malcontento tra docenti e genitori. «Ci sono genitori che si preoccupano per i loro figli». Altri si troverebbero invece in difficoltà per il loro accudimento, nel caso che questi non potessero più frequentare le aule scolastiche.

Ma la responsabilità è della politica, sottolinea ancora Rösler. Se le scuole restano aperte, vanno adottate ulteriori misure per proteggere il personale docente: «Gli insegnanti dovrebbero rientrare tra i gruppi a rischio che ricevono il vaccino in via prioritaria».

«I bambini contagiano i genitori che lavorano da casa» - Secondo Franziska Iff, co-presidente dell'associazione “Bildung Aber Sicher CH” (Istruzione, ma in sicurezza), gli attuali piani di protezione scolastici sarebbe insufficienti. «Purtroppo i bambini trasmettono il virus, come mostrano anche esempi e dati attuali dall'estero. È un fatto che autorità cantonali e federali devono finalmente riconoscere».

E fintanto che le scuole non saranno davvero sicure e quindi il virus continuerà a circolare nelle aule, anche l'attuale obbligo di telelavoro sarebbe inutile: «I genitori possono lavorare da casa, ma poi vengono contagiati dai figli che il virus lo portano a casa da scuola». Una situazione insostenibile, in particolare considerando ora la presenza delle varianti. L'associazione chiede quindi l'insegnamento a distanza per tutti gli allievi.

In questo modo si avrebbero a disposizione alcune settimane per elaborare piani di protezione che consentano una riapertura graduale e sicura degli istituti. Come modello, Iff propone Israele, dove la mascherina è obbligatoria anche nelle scuole elementari e il rientro in classe è avvenuto a più fasi. L'associazione ritiene che l'argomento secondo cui l'insegnamento a distanza non sia efficiente non è sostenibile: «Non sappiamo quasi nulla sugli effetti a lungo termine sui bambini, non possiamo correre rischi».

Per i Cantoni la scuola a distanza è l'ultima ratio - Il fatto che in determinati cantoni vengono messe in quarantena intere classi a causa del virus mutato è soltanto la dimostrazione che vengono applicati i piani di protezione, secondo la Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE): «In casi estremi, si può procedere a una chiusura temporanea delle scuole, com'è il caso dall'inizio della pandemia» afferma il responsabile della comunicazione Stefan Kunfermann.

All'inizio di gennaio, il Consiglio federale ha chiesto ai Cantoni di «valutare quali misure potrebbero essere adottate nell'ambito della scuola dell'obbligo, in caso che provvedimenti supplementari diventino inevitabili». Nel frattempo il direttori cantonali della pubblica educazione hanno inoltrato le loro risposte, come fa sapere ancora Kunfermann.

La CDPE è d'accordo sul fatto che l'insegnamento a distanza dovrebbe essere l'ultima ratio. Le scuole hanno infatti una responsabilità sociale. «Sono un luogo di stabilità, continuità e integrazione. Con il virus che si è nuovamente diffuso, molte famiglie si trovano in una situazione difficile. Allo stato attuale le conseguenze di una chiusura delle scuole si farebbero sentire a vari livelli». Questo mercoledì si saprà verosimilmente se anche il Consiglio federale è di questa opinione.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-23 13:30:43 | 91.208.130.85