20 Minuten / Karina Romer
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
4 min
Abbonamenti sciistici offerti ai politici, al via l'inchiesta
Le possibili imputazioni sarebbero concessione e accettazione di vantaggi. Si tratterebbe di un segreto ormai arcinoto.
FOTO
ZURIGO
41 min
Sgombero forzato, prima spara e poi si toglie la vita
Uno sfratto è finito in tragedia questa mattina nel distretto 7 della Città di Zurigo.
SVIZZERA
1 ora
Tratta di essere umani da record in Svizzera
I numeri del 2020 hanno superato il precedente primato fatto registrare nel 2019: i casi sono più di 300.
SVIZZERA
1 ora
Orientamento sessuale: un'aggressione ogni settimana
Sono 61 le violenze, tra fisiche e verbali, registrate lo scorso anno in Svizzera.
SVIZZERA
2 ore
Morta nel Reno per colpa di una mail
Accusa di omicidio colposo per l'organizzatore dell'immersione costata la vita a una sub 29enne
SVIZZERA
2 ore
Telecamere nei centri d'asilo per scongiurare le violenze
I dispositivi saranno installati all'esterno e interno delle strutture per migliorare la sicurezza dei richiedenti.
FOTO
TURGOVIA
2 ore
Stalla distrutta, ma i cavalli sono in salvo
Nell'incendio di questa notte ad Andwil nessuno è rimasto ferito e anche gli animali - una dozzina - sono stati salvati.
BERNA
3 ore
Covid, parte la campagna #iomifacciovaccinare
Il concetto che vuole passare con l'iniziativa dell'UFSP è che immunizzarsi aiutera a tornare alla normalità.
BERNA
3 ore
Un burger su sei è vegetale
Il commercio al dettaglio ha quasi raddoppiato la cifra d’affari relativa a preparati a base di soia e ad altri prodotti
BERNA
4 ore
Assicurazione di base: dominano Helsana e CSS
La prima ha guadagnato quasi 300'000 assicurati dal 2016.
BERNA
4 ore
La pandemia frena le condanne
La contrazione maggiore riguarda le violazioni alla legge sugli stranieri e la loro integrazione.
SVIZZERA
4 ore
200 nuovi impieghi per Decathlon
Entro la fine del prossimo anno la forza lavoro supererà le 1000 unità
ARGOVIA
4 ore
Ristorante avvolto dalle fiamme
Nonostante l'intervento dei pompieri l'edificio è andato distrutto
GINEVRA
16 ore
La piattaforma per il test del Covid "spiffera" i dati personali: a rischio migliaia di assicurati
La falla è stata identificata a Ginevra, ma tocca potenzialmente tutti i residenti in Svizzera.
SVIZZERA
21 ore
L'estate porterà il vaccino agli adolescenti
Sembra essere imminente l'approvazione del preparato Pfizer/BioNTech per i giovani tra i 12 e i 15 anni
FRIBURGO
22 ore
Incidente al passaggio a livello, 26enne in ospedale
La donna è finita contro il palo della barriera del passaggio, che in quel momento era alzata.
SVIZZERA
23 ore
Sicurezza rafforzata tra le comunità israelite svizzere
Non c'è un particolare timore d'incidenti legati al conflitto in Medio Oriente
SVIZZERA
10.01.2021 - 11:410
Aggiornamento : 16:37

«Metà degli hotel e dei ristoranti fallirà senza indennizzi»

GastroSuisse lancia l'ennesimo grido d'allarme per salvare un settore ormai sull'orlo del baratro.

Il presidente Casimir Platzer: «Si rischiano altre decine di migliaia di licenziamenti. Il Consiglio federale abbia il coraggio d'indennizzare il settore».

BERNA - «Entro la fine di marzo la metà degli hotel e dei ristoranti in Svizzera fallirà se non otterrà subito degli indennizzi finanziari». È (l'ennesimo) grido d'allarme lanciato da GastroSuisse per tentare di salvare dal baratro un settore già duramente toccato dall'epidemia. Sì perché a ogni ondata pandemica ne corrisponde una di licenziamenti. La crisi della scorsa primavera aveva infatti già provocato la perdita di numerosi posti di lavoro. E la situazione è ulteriormente peggiorata durante la seconda ondata di novembre-dicembre. Tanto che, secondo un sondaggio condotto su 4'000 strutture, quasi il 60% degli esercizi pubblici che hanno effettuato licenziamenti nel corso dell'anno hanno dovuto farlo di nuovo alla fine del 2020. «Se la Confederazione non interviene subito - insiste il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer - l'industria subirà una terza ondata di licenziamenti». E i posti a rischio sarebbero oltre centomila.

La situazione è precipitata nell'ultimo mese con la decisione del Consiglio federale di chiudere i ristoranti. E il prolungamento di questa misura potrebbe rappresentare il capolinea per un'attività su due. «Due ristoranti su tre soffrono di problemi di liquidità a causa della pandemia. L'esistenza di molti di loro è minacciata se non dovessero ricevere un risarcimento finanziario immediato», precisa Platzer. Una minaccia concreta e reale, tanto che alcuni ristoratori e albergatori hanno deciso di ribellarsi alle decisioni governative al grido di #wirmachenauf e di riaprire le proprie attività a partire da domani. Un'iniziativa, questa, da cui GastroSuisse ha subito preso le distanze. «Non abbiamo nulla a che fare con questa azione di disobbedienza civile - nata in Germania e diffusasi in vari Paesi europei - e non sappiamo chi ci sia dietro». Per l'associazione di categoria è «chiaro» che le misure decretate da Confederazione e Cantoni «debbano essere rispettate».

Nel contempo, però, GastroSuisse chiede al Governo di «avere il coraggio» d'indennizzare il settore con versamenti a fondo perso. «Solo questa misura permetterebbe d'evitare un'ecatombe di attività in tutto il Paese», conclude Platzer ricordando che mercoledì prossimo il Consiglio federale deciderà le sorti di tantissimi ristoratori e albergatori e di migliaia di dipendenti che potrebbero perdere il proprio posto di lavoro.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 4 mesi fa su tio
@@@ Thomas Nicoletti !!!! Ringraziare a.. chi ? Vai in cure intense o al cimitero e digli che è colpa dei " a giornalisti" se sono li ;-((
Didimon 4 mesi fa su tio
Doveva passare solo come lla normale influenza stagionale.. Invece noi l'abbiamo tenuto represso e ora durerà a lungo. Meglio un boom e poi basta che la vita sotto attacco. Psicofisico
Volpino. 4 mesi fa su tio
Non capisco perché non hanno ancora dato le istruzioni alla banca nazionale di stampare i soldi.
toro75 4 mesi fa su tio
Come minimo l’imposta di circolazione 2021 bisognerebbe abbassarla del 50 %almeno quello lo decide il cantone .
Boris.P 4 mesi fa su tio
è una catastrofe si...
Luca 68 4 mesi fa su tio
colpa delle mezze misure, sono servite solo a creare problemi e nervosismo, si doveva chiudere tutto a fine ottobre e il governo tirare fuori i soldi per tutti e in fretta, ora è tutto peggio economica e sanità. gli esperti del economica lo avevano già detto a inizio novembre, ma CF non vuole ascoltare Chi ne sa di più, ma solo le lobby economiche e questo è il risultato, non migliora il covid 19 e si peggiora il settore economico.
Boris.P 4 mesi fa su tio
io sono del parere che per fare le cose serie bisogna chiudere o tutto o niente. perché se si chiude una certa categorie vuol dire che si formano anche le altre 100 che ci sono indirettamente, e bisogna aiutare subito anche quelle, NON SOLO CHI DICONO LORO
Boris.P 4 mesi fa su tio
Buona domenica a tutte e tutti, io faccio parte del trasporto privato con i Bus. Dallo scorso Marzo 2020 la nostra categoria si è totalmente fermata, per colpa della pandemia e delle regole antivirus dettate a suo tempo dalla confederazione abbiamo avuto il 100% delle cancellazioni come gite scolastiche, eventi, concerti, campionato sportivo, pellegrinaggi ed il turismo nazionale ed internazionale. Capisco che la ristorazione è chiusa, ma fino a dicembre hanno potuto lavorare, anche a marzo sempre con l'asporto. Se loro sono in crisi cosa dobbiamo dire noi che da 11 mesi non abbiamo più potuto lavorare??!?!?!?!
Boh! 4 mesi fa su tio
...colpa anche dell’egoismo e del completamento irresponsabile di tutti quanti noi.... Basterebbe veramente poco per evitare le chiusure sistematiche. Distanze, igiene, mascherina, limitazione dei contatti inutili.... Basterebbe appunto un comportamento più responsabile.... E invece....
Wunder-Baum 4 mesi fa su tio
Se questo veramente succederà, sarà la catastrofe. Penso che nel ns paese possiamo aiutare le aziende (piccole o grande che siano) in difficoltà per la situazione. Bisogna fissare le priorità e gestire bene il denaro. Una cosa che farei e rinegoziare quando ora paghiamo per gli accordi europei, in quanto, vista la situazione, questi soldi occorrono per risolvere i problemi interni in Svizzera ed ora ne stiamo avendo.
seo56 4 mesi fa su tio
Ma va! Fregnacce... chi ha voglia di lavorare lo sta facendo. Ieri sono andato a prendere 2 pizze e c’era la fila. In settimana ho sempre ordinato pranzo e cene nei diversi ristoranti che danno take away e non si lamentano... questi sono professionisti gli altri si sanno solo lamentarsi e gli piace essere “mantenuti” e mantenere personale frontaliere..
francox 4 mesi fa su tio
Se l'alternativa ai fallimenti dei ristoranti è veder morire i nostri genitori senza nemmeno assistenza medica, anche se triste va bene così. Gli ex lavoratori, anche se non residenti, potranno iscriversi alla disoccupazione, perchè la Svizzera dà questa possibilità. Purtroppo è il minore dei mali.
egi47 4 mesi fa su tio
Molti bar e locali gastronomici stanno soffrendo problemi di liquidità e chiedono subito aiuti a Berna — Ma le preoccupazioni dell’industria non sarebbero una novità: secondo un rapporto di GastroSuisse citato dalla «SonntagsZeitung», oltre il 62% delle imprese non era redditizio anche negli anni precedenti l’arrivo della COVID-19
Booble63 4 mesi fa su tio
Ha pienamente ragione. La loro situazione è drammatica. Non si capisce perché un ristorante che ha investito miglia di franchi per dotarsi di tutte le misure di sicurezza sia costretto a chiudere quando altri settori possono tenere aperto senza temere nessuna conseguenza. Basta fare un Vitinho negozi, trasporti pubblici, piste da sci.. e ci si rende conto dell’ingiustizia subita da questa categoria. Obbligate a chiudere? Allora pagate, almeno una parte dei costi fissi e garantite la retribuzione del personale, gerente compreso. Non si capisce infatti perché il titolare di un bar obbligato a chiudere per mesi veda solo briciole e oltre alle spese fisse debba farsi carico della parte degli oneri sociali del personale non coperti dalle indennità di lavoro ridotto. Qui il prezzo esagerato di un caffè o di una bottiglia di vino non c’entra. Si gioca sulla vita delle persone e delle loro famiglie.
egi47 4 mesi fa su tio
Nessun problema. In ticino le statistiche dicono che abbiamo il doppio degli altri cantoni di Bar e Ristoranti e tanti ristoratori hanno sempre detto che non si guadagna perché hanno le spese troppo alte. Quindi problemi risolti.
Yoebar 4 mesi fa su tio
Sarebbe meglio dare i soldi ai ristoratori che fanno girare l’economia invece che a quelle persone che non hanno nulla a che fare con la Svizzera, continuiamo a mantenere i nulla facenti e gli asilanti, a loro non fanno mai mancare nulla e non possono nemmeno essere licenziati visto che non fanno nulla.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 13:25:38 | 91.208.130.86