Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
2 min
Abbattuto il terzo giovane lupo del Beverin
L'abbattimento è avvenuto la scorsa notte, nel territorio di Muntogna da Schons
SVIZZERA
24 min
Covid, 12'598 nuovi casi in Svizzera
I morti legati alla pandemia salgono a quota 11'326. Negli ospedali sono stati registrati 113 nuovi ricoveri
SVIZZERA
39 min
«Non lasciamoci dividere»
Il neo presidente della Confederazione ha incentrato il suo discorso sulla pandemia: «La crisi avrà una fine».
SVIZZERA
1 ora
Più tasse sulle sigarette? I fumatori diminuiscono
La Svizzera ha attualmente la più bassa pressione fiscale in Europa e ciò deve cambiare, secondo due associazioni
VAUD
1 ora
Caso Carlos: annullata la sentenza della giustizia zurighese
La corte avrebbe dovuto esaminare le condizioni in cui il giovane era detenuto nel periodo in cui commise i reati
SVIZZERA
2 ore
Dopo 24 anni tocca a un ticinese
Ignazio Cassis è stato eletto alla presidenza della Confederazione con 156 voti. Il suo vice sarà Alain Berset.
SVIZZERA
2 ore
Sospetto islamista: «In Svizzera non può entrare»
Il Tribunale Amministrativo Federale ha respinto il ricorso di un cittadino francese, oggetto di un divieto di 5 anni
SVIZZERA
3 ore
«Test gratuiti, ma non per tutti»
La decisione del Consiglio nazionale. L'adeguamento ridurrà i costi settimanali da 61 a 41 milioni di franchi
GRIGIONI
4 ore
Hotel a cinque stelle vittima di un attacco hacker
I criminali informatici hanno colpito il Waldhaus di Flims, rubando dati di dipendenti e ospiti.
SVIZZERA
5 ore
Diritti umani in Cina, la Strategia è sufficiente
Respinta dal Consiglio degli Stati una mozione della Commissione della politica estera del Nazionale
SVIZZERA
31.12.2020 - 13:040
Aggiornamento : 14:04

Quel conto non s'ha d'aprire

Il Tribunale commerciale di Berna dà ragione a Postfinance nella diatriba con il miliardario russo Viktor Vekselberg.

I giudici hanno ritenuto che la società finanziaria può «a titolo eccezionale» venir meno al suo compito di servizio universale a causa delle «spese spropositate» che avrebbe dovuto sostenere.

BERNA - Postfinance non è tenuta ad aprire un conto per il miliardario russo Viktor Vekselberg. Lo ha stabilito il Tribunale commerciale di Berna, il quale ritiene che la società finanziaria può venir meno, a titolo eccezionale, al suo compito di servizio universale nel settore del traffico dei pagamenti.

Secondo il tribunale, sulla base di una sentenza visionata oggi dall'agenzia Keystone-ATS, Postfinance avrebbe dovuto sostenere spese sproporzionate se l'istituto avesse dovuto tenere un conto per una persona esposta come Vekselberg.

L'imprenditore russo con residenza in Svizzera aveva accusato Postfinance di venir meno al suo compito di servizio universale, non permettendogli di aprire un conto, anche se utilizzato a scopo privato e non commerciale. L'istituto aveva dal canto suo giustificato il rifiuto facendo riferimento a possibili sanzioni americane contro coloro che dalla stampa vengono spesso citati quali "oligarchi" russi. Le parti erano finite in tribunale lo scorso settembre, senza tuttavia raggiungere un accordo.

Legge sulle poste - L'istituto finanziario nell'ottobre 2018 aveva aperto un conto per Vekselberg, ma lo ha poi chiuso solo due mesi dopo. Il miliardario russo ha così deciso nel febbraio 2019 di ricorrere alla giustizia, poiché sosteneva di aver bisogno di un conto per coprire le proprie spese della vita quotidiana e per pagare le imposte. La legge sulle poste, aveva sottolineato il suo avvocato, stabilisce che la Posta Svizzera e Postfinance hanno il mandato legale di garantire un'offerta di base dei servizi postali e del traffico dei pagamenti. Ciò, aveva aggiunto il legale dell'imprenditore, vale per tutti gli abitanti della Svizzera, Vekselberg incluso.

I termini e le condizioni di Postfinance, tuttavia, includono una clausola la quale stabilisce che l'istituto può escludere i clienti in determinate circostanze, come ad esempio se le normative nazionali o internazionali sono in conflitto con la fornitura di servizi o se vi è il rischio di gravi danni legali o di reputazione. Inoltre, l'istituto sosteneva di non essere in grado di rispettare tutti i doveri di diligenza nel caso di Vekselberg.

Nella sentenza, i giudici sostengono tuttavia che non ci sono rischi di gravi danni legali o di reputazione per Postfinance, ma può comunque venir meno al suo dovere di servizio universale poiché in questo caso c'è «una probabilità schiacciante di spese sproporzionate» per l'istituto. Vekselberg può ancora ricorrere al Tribunale federale contro la decisione del Tribunale commerciale bernese.

«Per poter rispettare tutti i requisiti legali e normativi, è importante per noi poter rifiutare l'apertura e il mantenimento di un conto per le operazioni di pagamento in casi giustificati, nonostante il mandato di servizio di base», ha indicato oggi Postfinance in una presa di posizione sulla sentenza.

Sanzioni - Nell'aprile 2018 l'amministrazione statunitense del presidente Donald Trump aveva imposto sanzioni a diversi russi, tra cui Vekselberg, che vive a Zugo ed è considerato vicino al presidente russo Vladimir Putin. Washington li accusava di arricchirsi attraverso la politica autoritaria e anti-occidentale del Cremlino.

L'imprenditore si era visto congelare miliardi presso le banche elvetiche. Per evitare problemi alle sue imprese controllate aveva ridotto la sua partecipazione nei gruppi industriali svizzeri. Vekselberg è proprietario della società di partecipazioni Renova, che in passato ha acquisito importanti fette dell'industria elvetica, ad esempio Sulzer e OC Oerlikon.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 14:22:00 | 91.208.130.89