Ti Press
SVIZZERA
18.12.2020 - 14:140

Contagi a scuola, cambia la raccomandazione per la quarantena

Secondo la Task force della Confederazione va ordinata solo ai vicini di banco e gli amici "più stretti".

Non a tutta la classe, visto che l'elevato numero di quarantene potrebbe avere un impatto negativo sullo sviluppo scolastico, psicologico e sociale

BERNA - Se un solo bambino risulta positivo al Covid-19 l'intera classe non dovrebbe essere messa in quarantena. È la raccomandazione della task force della Confederazione istituita contro il coronavirus, secondo cui il provvedimento va preso unicamente per i compagni entrati in stretto contatto con lo scolaro contagiato.

La quarantena, spiega la task force sul proprio sito web, va ordinata per i vicini di banco dell'alunno positivo o per gli amici insieme ai quali ha trascorso molto tempo. Finora l'indicazione generale era d'isolare i bambini che sono stati per almeno 15 minuti a meno di un metro e mezzo da un infettato.

Stando agli esperti federali, le prove scientifiche raccolte finora mostrano che le scuole non sono uno dei principali luoghi di diffusione del virus. I bambini vengono contagiati principalmente a casa e raramente in aula. Inoltre, l'elevato numero di quarantene potrebbe avere un impatto negativo sul loro sviluppo scolastico, psicologico e sociale.

I bambini devono continuare a stare a casa se malati o sintomatici, scrive la task force. Il suggerimento è anche quello di testare chi presenta sintomi un po' più gravi e chi ha avuto contatti stretti con un positivo. La decisione su tamponi e quarantene non spetta però a scuole o genitori, bensì è di competenza dei medici cantonali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 02:20:39 | 91.208.130.85