Archivio Tipress
SVIZZERA
01.12.2020 - 09:490
Aggiornamento : 10:22

L'esercito in aiuto degli ospedali

Il Consiglio degli Stati ha approvato l'impiego di 2'500 militari. Impiego non previsto, però, per le case per anziani

BERNA - La seconda ondata pandemica ha messo a dura prova il sistema sanitario di diversi cantoni, che a fine ottobre hanno chiesto il sostegno dell'esercito. Oggi il Consiglio degli Stati ha approvato all'unanimità la proposta governativa d'impiegare fino a 2'500 militari in servizio d'appoggio a favore delle strutture ospedaliere fino al 31 marzo 2021.

Trattandosi di una durata superiore a tre settimane e di un contingente di oltre 2'000 militari, esso deve essere approvato dall'Assemblea federale. Il principio di sussidiarietà, sancito dalla legge militare (LM), stabilisce che l'esercito può intervenire in appoggio soltanto su richiesta delle autorità civili cantonali o federali e se i mezzi civili non sono più sufficienti, ha ricordato, a nome della commissione, Thomas Minder (indipendente/SH).

A far discutere è stata la possibilità, richiesta da una maggioranza della commissione, d'impiegare l'esercito anche a sostegno delle case di cura e per anziani e non solo degli ospedali. Mathias Zopfi (Verdi/GL) ha ricordato come i militari siano addestrati per operare anche in questo senso.

Minder e diversi altri senatori si sono però opposti, sostenendo che molte di queste istituzioni hanno ignorato i concetti di protezione. Operando in queste strutture, il personale dell'esercito correrebbe a loro avviso rischi maggiori di contrarre il virus rispetto a un impiego in ospedale. La proposta della commissione è stata respinta di misura - 22 a 21 - con il voto preponderante del presidente della Camera, Alex Kuprecht (UDC/SZ). «Iniziamo bene», ha commentato sorridendo.

Il compito dell'esercito sarà quello di aiutare le strutture ospedaliere civili nelle cure di base, di sostenerli nell'ampliamento della capacità delle loro unità di terapia intensiva e di trasportare i pazienti infetti. Ciò consentirà al personale infermieristico civile di concentrarsi maggiormente sul trattamento dei pazienti gravemente malati.

La consigliera federale Viola Amherd ha affermato che attualmente ci sono circa 220 membri dell'esercito impegnati in queste operazioni. A metà novembre l'esercito è intervenuto nei cantoni di Friburgo, Ginevra, Vallese, Berna, Vaud, Ticino e Basilea Città. In merito ai costi, la ministra ha detto di ritenere che possano essere assorbiti nel budget previsto e il suo dipartimento non chiederà un credito supplementare.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 15:08:57 | 91.208.130.89