tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
13 min
Votazioni federali, confermati i cinque sì
Come per il sondaggio pubblicato da 20 Minuti/Tamedia, anche per gfs.bern/SSR ci sarà un en plein di consensi.
SVIZZERA
6 ore
Sospendere i brevetti? La Svizzera è contraria
Per la SECO la sospensione non garantirà un accesso «equo e rapido» a vaccini e ad altre tecnologie contro la pandemia.
ITALIA / SVIZZERA
8 ore
In treno dalla Svizzera, ma con i documenti di un altro
L'uomo, un 47enne originario del Benin, è stato denunciato per sostituzione di persona
SVIZZERA
9 ore
Coop anticipa i tempi e importa la nuova Coca Cola Zero
Il lancio ufficiale in Svizzera è previsto per luglio, ma il dettagliante lo venderà questo weekend
BERNA
10 ore
Esplode la richiesta di voli nei Balcani
Ad oggi, i rimpatriati dalla maggior parte dei paesi balcanici non devono più essere in quarantena.
FOTOGALLERY
CITTÀ DEL VATICANO 
11 ore
Le 34 nuove Guardie svizzere hanno giurato
L'"esercito più piccolo del mondo" hanno promesso lealtà eterna a papa Francesco.
BERNA
13 ore
Gelate d'aprile: fino a 5 milioni di franchi di danni
A soffrire di più sono state le coltivazioni di albicocche, prugne e ciliegie.
SVIZZERA
14 ore
«Il peggio deve ancora venire»
I vertici di Swiss si aspettano una continua riduzione della domanda: «Registreremo altre perdite nel secondo trimestre»
ZURIGO
14 ore
Cambiamenti climatici, animali troppo lenti ad adeguarsi
Dal 1970, le temperature nelle montagne elvetiche si sono alzate di 1,8 gradi Celsius.
FOTO
GINEVRA
14 ore
Il personale sanitario vuole l'aumento
Infermieri, assistenti di cura, fisioterapisti, tecnici di radiologia e addetti alle pulizie sono scesi in piazza.
SOLETTA
14 ore
Bebè morto soffocato, il padre assolto «per mancanza di prove»
Non colpevole: questo il verdetto per il 35enne sospettato di aver ucciso il figlio di sole otto settimane nel 2010.
SVIZZERA
14 ore
Netta diminuzione del numero dei contagi da una settimana all'altra
I numeri degli scorsi sette giorni nel tradizionale rapporto dell'UFSP.
FOTO
BASILEA CITTÀ
15 ore
Davanti agli uffici del Basilea spunta una testa di maiale
Sgradevole sorpresa, questa mattina, all'ingresso della sede del club calcistico renano.
SVIZZERA
15 ore
Un carico di materiale medico per l'India
È il contributo elvetico alla lotta contro la pandemia nel paese dell'Asia meridionale
SVIZZERA
03.11.2020 - 14:480

Telelavoro, aziende e sindacati bisticciano

Sicurezza sul lavoro, bollette e altro: le proposte dell'Unione imprenditori incontrano resistenze

BERNA - Mentre la seconda ondata di Covid-19 colpisce la Svizzera, l'Unione svizzera degli imprenditori (USI) ha proposto un modello di convenzione di telelavoro per le aziende. Una proposta che i rappresentanti dei lavoratori, tra cui l'Unione sindacale svizzera (USS), considerano illegale in base al diritto attuale.

Raccomandato dal Consiglio federale durante la pandemia, il lavoro da remoto è diventato un fatto quotidiano per molti quadri e impiegati. Sebbene sia considerato uno strumento efficace nella lotta contro il coronavirus, non c'è un accordo unanime sulla sua applicazione.

A metà ottobre l'USI ha proposto un modello di convenzione in materia con l'obiettivo di facilitarne la messa in pratica "chiavi in mano" per qualsiasi tipo di azienda. Contattato dall'agenzia di notizie Keystone-ATS, Marco Taddei, responsabile dell'associazione dei datori di lavoro per la Svizzera romanda, spiega che l'USI «si è trovata confrontata a qualcosa di nuovo. Il modello in questione è una proposta: le aziende non sono obbligate ad accettarla».

Proteste dei sindacati

«L'idea di base è buona, ed è bene incoraggiare dipendenti e datori di lavoro ad evitare controversie e altri problemi burocratici», dice a Keystone-ATS Jean Christophe Schwaab, ex consigliere nazionale ed ex segretario centrale dell'USS. «Ma questo modello è un pessimo servizio per i datori di lavoro poiché ci sono clausole che, a mio avviso, sono illegali», aggiunge il municipale responsabile degli affari sociali del comune di Bourg-en-Lavaux (VD), tra Losanna e Vevey.

Anche l'USS ritiene che la convenzione proposta dall'USI sia assolutamente contraria al diritto del lavoro; in particolare per gli articoli riguardanti la salute dei dipendenti, il rimborso delle spese e la protezione dei dati.

«Non è il momento di fare del telelavoro un incubo per i dipendenti», dichiara a Keystone-ATS Luca Cirigliano, segretario centrale dell'USS. Con questo modello - aggiunge - il padronato rinuncia alle proprie responsabilità nei confronti dei lavoratori, soprattutto per quanto riguarda la loro salute. La legge sul lavoro stabilisce infatti che spetta al datore di lavoro garantire la salute e la sicurezza dei suoi dipendenti, spiega Cirigliano.

«Dobbiamo rispettare la legge in vigore e se loro (i padroni) non vogliono, ne subiranno le conseguenze legali», aggiunge il segretario centrale dell'USS, secondo il quale «non è nemmeno necessario cercare un compromesso». Egli ritiene che la convenzione proposta sia dannosa per i lavoratori e sarebbe dichiarata nulla da un tribunale in caso di controversia.

Secondo Jean Christophe Schwaab, sia il datore di lavoro che gli impiegati possono avere una certa flessibilità sulle modalità del lavoro da casa, dal momento che attualmente è considerato una misura limitata nel tempo. «Ma concordare le modalità non significa che i dipendenti possano essere costretti a rinunciare ai loro diritti più elementari», sottolinea. «La cosa peggiore sarebbe che l'associazione dei datori di lavoro cercasse di approfittare della crisi per rendere permanenti queste misure temporanee, a scapito dei lavoratori interessati», aggiunge.

Su base volontaria

Da parte sua, l'Unione degli imprenditori smentisce ogni illegalità. «Sono stati gli avvocati a redigere questa convenzione e la loro preoccupazione era di rispettare il diritto del lavoro svizzero», dice Marco Taddei. Questi spiega che l'accordo proposto può essere firmato su base volontaria e che l'associazione dei datori di lavoro non obbliga nessun dipendente o imprenditore a firmarlo.

Ma dal momento che il telelavoro è volontario, il datore non è obbligato a pagare gli strumenti necessari o a coprire le spese del dipendente, spiega Taddei. In base al testo della proposta di convenzione il padrone ha infatti il diritto di rinunciare all'obbligo di coprire i costi.

Volontario o no?

Ma secondo Isabelle Wildhaber, professoressa di diritto privato e del lavoro all'università di San Gallo, è proprio la nozione di volontariato il nodo determinante della questione. «Ed è quindi necessario distinguere se l'attività da casa sia volontaria o meno».

La proposta dell'associazione padronale parte dal principio che «il telelavoro è volontario e quindi non è illegale», spiega. Ma nel caso l'attività da remoto sia resa obbligatoria al di fuori del contratto stipulato in precedenza il datore deve adempiere alle proprie responsabilità nei confronti del dipendente.

Una legge degli anni '60

Il modello di convenzione proposto dall'unione degli imprenditori risponde alle richieste delle piccole e medie imprese (PMI) svizzere, che non hanno le competenze per gestire un tale problema, afferma Taddei. A suo parere tuttavia nemmeno la legge sul lavoro risponde necessariamente a queste esigenze. «Abbiamo una legge che risale agli anni '60, e che rispondeva alle esigenze dell'industria", nota l'esponente dell'USI. Qualche anno fa, quando il Consiglio federale si era posto la domanda, la legge in vigore rispondeva ancora alle esigenze del settore», aggiunge Taddei. Ma ora, con l'epidemia di coronavirus, la realtà è diversa.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-07 06:54:58 | 91.208.130.85