Deposit / 20 Minuten
«Mascherina per i bambini dai sei anni», sostiene Olivia Keiser (a destra).
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 min
Certificato Covid, qui anche per tagliarsi i capelli
«Lavoriamo talmente vicino al cliente, che un'eccezione non ha senso», così il gerente del salone, Pedro Sanchez.
SVIZZERA
2 ore
Quarantena senza salario per i non vaccinati? «Sì, ma...»
In Germania il provvedimento scatterà il prossimo 1. novembre. Ecco cosa ne pensano i politici del nostro paese
BERNA
3 ore
Come Mitholz si prepara a dire addio all'ex deposito di munizioni
Chi abita nelle vicinanze dell'impianto dovrà trasferirsi in un luogo sicuro
SONDAGGIO TAMEDIA
4 ore
Tutti alle urne: come avete votato?
Domenica saremo chiamati a esprimerci sul Matrimonio per tutti e sull'Iniziativa 99%. Partecipate al nostro sondaggio
FOTO
LUCERNA
12 ore
Niente manifestazione a Willisau
60 persone sono state controllate dalla polizia e poi allontanate
BERNA
13 ore
Gli scettici sui vaccini pubblicano file non censurati dei pazienti
In particolare, su Telegram, è comparsa la cartella clinica di una donna finita in ospedale dopo il vaccino.
SAN GALLO
14 ore
Fiamme sul tetto dell'ospedale
I pompieri sono intervenuti poco dopo le 17.30
FOTO
GINEVRA
14 ore
Manifestazione in semi lockdown: assoluzione quasi generale
La corte ha stabilito che la polizia avrebbe dovuto agire con più moderazione
GINEVRA
15 ore
Obbligo di certificato Covid anche per i docenti
La misura scatta all'Università di Ginevra. Il rettore: «Poniamo fine a un'incongruenza»
BERNA
15 ore
Barricate, proiettili di gomma e idranti nel cuore di Berna
Transenne e molti agenti oggi su Piazza federale per scongiurare lo svolgimento di nuove proteste anti-covid
FRIBORGO
16 ore
Prende a pugni due donne nel centro di Friborgo, arrestato un 32enne
L'aggressione, senza motivo, risale allo scorso sabato. L'uomo è stato posto in detenzione preventiva.
SVIZZERA
16 ore
Gli editori vogliono soldi da Google & Co.
Gli attori del settore sono pronti a collaborare per trovare una soluzione comune
ARGOVIA
17 ore
Il tir si ribalta assieme ai rottami
Incidente oggi pomeriggio a Unterlunkhofen (AG)
SVIZZERA
18 ore
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
VAUD
18 ore
Sospettato di assassinio nel 1999, resta in detenzione provvisoria
Nel 2015 l'uomo è stato identificato dal suo DNA nell'ambito di un altro caso.
SVIZZERA
15.10.2020 - 20:080

In Svizzera «misure troppo blande», si «prenda esempio dall'estero»

L'esperta epidemiologa Olivia Keiser sostiene l'introduzione di nuove misure, come fatto da altri paesi europei

Tra queste, la mascherina nei luoghi chiusi (anche per i bambini dai 6 anni), una migliore ventilazione nei locali, contatti limitati e homeworking

Fonte Daniel Waldmeier / 20 Minuten
elaborata da Robert Krcmar
Giornalista in formazione

GINEVRA - L'epidemiologa e membro della task force Covid-19 della Confederazione, Olivia Keiser, chiede che la Svizzera adotti rapidamente nuove misure per fronteggiare l'avanzare del coronavirus.

«La situazione è molto allarmante» secondo l'esperta, interpellata dal quotidiano 20 Minuten, che sostiene come «Il Consiglio federale debba assumere nuovamente la guida», in quanto l'aumento significativo della percentuale di tamponi positivi presuppone l'arrivo della seconda ondata.

Ma quali fattori hanno causato questo boom dei contagi? «Con un certo aumento dei casi gli eventi "superdiffusori" diventano più frequenti», sostiene l'esperta, «ma anche il clima più fresco, che spinge le persone all'interno» è una possibile spiegazione per la situazione attuale.

Uno sguardo all'estero - Keiser critica «la riluttanza di alcuni Cantoni, ad esempio per quanto riguarda l'obbligo di indossare le mascherine, che è incomprensibile dal punto di vista epidemiologico». 

Gli esempi provenienti dall'estero, secondo la donna, dovrebbero servire da modello per la Svizzera, «che ha uno dei regimi meno severi in Europa, con misure troppo blande». Continuando così, c'è però il rischio di sovraccaricare il sistema sanitario, «più si aspetta, più sarà difficile e costoso contenere l'aumento delle infezioni», e «un secondo lockdown va evitato».

Delle nuove misure - Keiser chiede l'introduzione, rapida, di nuove misure, come ad esempio «l'obbligo generale di indossare la mascherina in tutti i luoghi chiusi, tra cui gli uffici, dove è importante un aumento della ventilazione e dove potrebbe aver senso anche l'utilizzo di contatori di CO2, viste le numerose infezioni che avvengono tramite aerosol».

L'esperta sostiene anche «l'abbassamento dell'età in cui i bambini devono indossare la mascherina». Secondo l'epidemiologa, infatti, «si potrebbe renderle obbligatorie a partire da circa sei anni».

Da non dimenticare, sottolinea Keiser, anche l'importanza dell'home office e della ricerca dei contatti, «che deve essere assolutamente mantenuta».

Bar e ristoranti - Una misura sicuramente efficace per rallentare la diffusione del virus efficace è quella di limitare i contatti, al punto che secondo Keiser, «dal lato epidemiologico, avrebbe anche senso chiudere i ristoranti».

Tuttavia, è una decisione complicata in quanto «questo colpirebbe duramente il settore». Perciò, alternativamente, «si potrebbe, almeno, tentare di aggiornare al meglio i sistemi di ventilazione».

Test rapidi in arrivo - La Confederazione ripone grandi speranze sui test rapidi, che saranno presto disponibili: «aiuterebbero a individuare le infezioni in anticipo, permettendo anche di contrastare eventuali situazioni di sovraccarico del sistema dei tamponi» conferma il membro della task force. 

Infatti, isolando più velocemente le persone positive, e avvertendo più rapidamente le persone che vi sono entrate in contatto, «la velocità di diffusione del virus potrebbe essere ridotta».

Nonostante l'ottimismo, bisogna però anche tenere in considerazione che i test rapidi «sono leggermente meno accurati dei classici test PCR» conclude Keiser.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 11 mesi fa su tio
Giù le mani dai bambini!
Zuma 11 mesi fa su tio
GRAZIE GRAZIE GRAZIE Paolo!! Con questo post e precedenti illustri chiaramente quale sia la situazione in questo momento. Sono con te su tutta la linea. Sono ormai mesi che cerco di informare parenti ed amici sulle bugie che vengono vendute come verità assolute!
pillola rossa 11 mesi fa su tio
Dichiarazione di Great Barrington, andate a leggere...
Don Quijote 11 mesi fa su tio
La soluzione migliore sarebbe rinchiudere in prigione tutti questi presunti esperti e buttare via la chiave. L'evidenza tra paesi europei con misure blande e draconiane è che il virus circola allo stesso modo. Oramai non è i virus ma la paura il principale dramma mondiale, sempre più gente paranoica che fa precipitare la sicurezza sociale e il lavoro nelle fogne. Ogni volta che leggo notizie con misure e contromisure sul CV19 mi sembra di vedere un branco di scimmie che tenta di riparare la turbina di un aereo!
Zuma 11 mesi fa su tio
Mi avete bannato??? Ho espresso il mio pensiero in modo molto garbato e non ho offeso nessuno ma evidentemente se non si é d’accordo col pensiero unico dominante non si può parlare! La libertà d’espressione é garantita dall’art 16 della Costituzione! Evidentemente in questo periodo é perlomeno sospesa! Complimenti alla redazione!
Zuma 11 mesi fa su tio
Brava Eleonora! Purtroppo siamo in pochi a pensarla così! Speriamo che la gente apra gli occhi o meglio... che usi il cervello!!
Zuma 11 mesi fa su tio
È ancora viva vero? Preferisci farle portare la mascherina e farla morire di cancro fra qualche anno? Prova a recuperare l’uso della ragione!
Zuma 11 mesi fa su tio
👍🏻 bravo! Vedi mio post! Questi esimi esperti Sono dei criminali con licenza di uccidere! Purtroppo la maggioranza della popolazione è stata lobotomizzata e il cervello non lo usa più! Poveri noi!!!
Zuma 11 mesi fa su tio
GIÙ LE MANI DAI BAMBINI! non bisogna aver studiato medicina per sapere che con la re-ispirazione di co2 provocata l’uso prolungato della mascherina provoca ipercatmia (il significato lo si trova semplicemente su Wikipedia), e che fra i tanti effetti dannosi vi è l’acidosi del nostro organismo, prima causa dell’insorgere del cancro! Allora preferiamo che i nostri figli e nipoti si ammalino di influenza COVID oppure che siano dei futuri ammalati di cancro? E tu giornalista, scusa se mi permetto, ma invece di terrorizzare giornalmente la gente con notizie come questa, non provi a fare del giornalismo d’approfondimento? Si potrebbero intervistare anche colori che hanno pensieri e opinioni diverse (medici e professori veri non imbrigliati nella trama delle case farmaceutiche )! Così giusto per onestà intellettuale!
marco17 11 mesi fa su tio
Più che la mascherina ai bambini bisognerebbe mettere il silenziatore a questi sedicenti esperti sempre pronti a calar lezioni e a farci vivere da reclusi per paura del contagio. Mettevi il bavaglio e smettetela di diffondere baggianate!
Oznerolpag89 11 mesi fa su tio
Come al solito i commentatori di TIO si distinguono per l'ignoranza e la beceraggine.
marco17 11 mesi fa su tio
Prima di mettere la mascherina ai bambini, si dovrebbe mettere il silenziatore ai vari epidemiologi che sparano cavolate a raffica.
Technics 11 mesi fa su tio
Ma cosa ci lamentiamo? Abbiamo fatto quello che volevamo durante tutta l’estate. Tutta questa mandria di svizzeri tedeschi & co che hanno ammorbato il cantone senza neanche avere la decedenza di starnutire nel gomito del braccio. Gli svizzeri si sentono immuni; a loro non succederà mai nulla. Hanno tantissimi soldi ma non senso civico purtroppo.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 10:24:13 | 91.208.130.85