Immobili
Veicoli

SVIZZERA / MALDIVEDa 4 mesi alle Maldive a causa del Coronavirus

04.06.20 - 14:23
Lo svizzero Tom Allemann e la sua ragazza cinese stanno vivendo un'esperienza alla Robinson Crusoe
20minuten
Da 4 mesi alle Maldive a causa del Coronavirus
Lo svizzero Tom Allemann e la sua ragazza cinese stanno vivendo un'esperienza alla Robinson Crusoe
Non sanno quando potranno tornare in Cina, dove vivono, ma per ora la loro è un'avventura da sogno

Volevano trascorrere una settimana, durante il capodanno cinese, su una spiaggia paradisiaca. Alla fine di gennaio, il 55enne svizzero Thomas Allemann (che vive in Cina dal 2012), e la sua ragazza cinese Emma Wang (32 anni) sono volati da Pechino alle Maldive passando per Dubai.

La prima settimana l'hanno trascorsa su una nave con un gruppo di 20 subacquei. Quando la situazione Coronavirus ha raggiunto l'apice in Cina, hanno però deciso di prolungare le loro vacanze.

Sono passati ormai quattro mesi e la coppia si trova ancora alle Maldive. Dalla fine di febbraio, i due sono rimasti bloccati sulla Fuvahmulah, la terza isola più grande delle Maldive. L'atollo, con circa 12.000 abitanti, ha anche due laghetti d'acqua dolce. Il Coronavirus non esiste sull'isola. E loro due sono gli unici turisti rimasti, come racconta a 20 Minuten il 55enne da Skype.

I voli di ritorno sono decollati senza di lui - I collegamenti aerei sono stati gradualmente cancellati. «Dalla fine di marzo, la Cina non ha più permesso agli stranieri di entrare se non si occupano posizioni elevate nel mondo degli affari o della ricerca», spiega Allemann.

Lo svizzero romando ha affittato una casa con giardino, a 200 metri dalla spiaggia dei sogni. Paga solo 18 franchi a notte per una casetta a due piani, «un prezzo speciale per il Coronavirus», sottolinea. Può andare dal parrucchiere per un dollaro. Il costo della vita è di circa 1200 franchi al mese per entrambi, aggiunge.

L'uomo ha rinunciato ai voli di ritorno offerti dall'ambasciata svizzera. E che ora non ci sono più. «Non volevo abbandonare la mia ragazza». E non se n'è pentito nemmeno per un momento. «Sono un lavoratore autonomo e non ho una famiglia da mantenere».

La coppia si alza alle 9 del mattino. Mentre lei fa fitness, lui lavora nell'ufficio di casa per circa tre ore. Ha piccoli progetti legati alle Olimpiadi invernali.

È libero per il resto della giornata. E sull'isola non si annoia: «Abbiamo una moto, facciamo snorkeling. Ci sono fantastici pesci, come gli squali tigre. A volte si va in spiaggia a guardare i surfisti». Oppure vanno a pescare con la gente del posto. «Stiamo prendendo dei tonni meravigliosi».

Sull'isola non manca nulla. «Ci sono noci di cocco, banane, mango». Una nave arriva ogni settimana per consegnare cibo. «Ci sono persino il cioccolato Lindt e gli yogurt Emmi».

L'alcol è vietato - Una piña colada o una birra fresca sulla spiaggia è un tabù sull'isola musulmana. «Vorrei bere una birra ogni tanto. Non tocco alcolici da tre mesi. È forse la cosa più difficile da sopportare».

Allemann non sa quanto tempo passerà prima che possa tornare in Cina. Forse arriverà l'autunno. Ma assicura che vivere con la gente del posto è un'esperienza che non dimenticherà.

COMMENTI
 
Don Quijote 2 anni fa su tio
Non ho capito se è un vanto o una disgrazia …
tazmaniac 2 anni fa su tio
eh beh dai, mica male...però, caspita senza una birra o un bicchiere di vino...ufff, manca la cigliegina, così! ;o)
Canis Majoris 2 anni fa su tio
Che invidia!!!!
roma 2 anni fa su tio
...cioè, se fossi in lui, chi me lo fa fare di tornare?
Norma Jean 2 anni fa su tio
Bellissime le Maldive, per carità, ma dopo 8 giorni io mi ero già scassato le fave...troppo abituato al grigio e smog del Ticino ??
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA