Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA/AUSTRIA
1 ora
La Lamborghini finisce nel lago (e la polizia ride)
Un automobilista elvetico protagonista di una manovra rocambolesca in Austria.
FOTO
ZURIGO
5 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
5 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
6 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
8 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
8 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
8 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
9 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
10 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
11 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
SVIZZERA
11 ore
Quattrocento milioni alla ricerca
Il Governo federale finanzia i ricercatori svizzeri per permettere loro di partecipare al programma “Orizzonte Europa”
SVIZZERA
12 ore
Alimentari online? Mancano informazioni su allergeni e ingredienti
L'allarme dei chimici cantonali: trecento controlli e nel 78% dei casi è stata riscontrata una carenza d'informazioni
SVIZZERA
12 ore
Mozione abate appesa a un filo
Anche il Nazionale potrebbe non entrare in materia nel merito sul salario minimo per i lavoratori distaccati
SVIZZERA
13 ore
La multa per chi dissimula il proprio volto
Scatta la procedura per l'attuazione nel Codice penale della misura approvata in votazione lo scorso 7 marzo
SVIZZERA
09.04.2020 - 11:360

Lo tsunami del coronavirus pesa sul turismo

Sono molte le strutture alberghiere in difficoltà. Il calo delle prenotazioni è quasi del 100%

Vacanze

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - La pandemia di coronavirus è un vero e proprio tsunami per il turismo: sono molti gli alberghi in difficoltà a causa dell'annullamento delle prenotazioni. Le risposte alla crisi variano: c'è chi ha deciso di chiudere e chi per il momento tiene aperto il proprio esercizio, nell'attesa ripartire non appena la situazione tornerà normale.

È vero: il Consiglio federale non ha incluso gli hotel nella lista della attività che devono chiudere a causa del Covid-19, diversamente da ristoranti, concessionari di automobili o altri negozi non alimentari. Gli albergatori possono continuare ad accogliere ospiti, rispettando però rigorosamente le regole d'igiene, compreso il distanziamento sociale.

La chiusura non ha sempre senso - Tra le poche strutture ancora aperte figurano gli hotel Novotel e Ibis Budget di Crissier (VD). A Keystone-ATS, il direttore di queste due strutture, Franck Fleury, spiega che un albergo chiuso costa denaro alla luce del fatto che molti impegni con i fornitori hanno durata annuale. «Chiudere avrebbe senso se il tasso di occupazione scendesse sotto il 5% e ciò non è stato il caso per questi due alberghi in marzo. Ciò spiega perché siamo ancora aperti», ha sottolineato.

Secondo Fleuy è possibile risparmiare a livello di costi variabili. Diversi collaboratori beneficiano del lavoro ridotto per quelle sezioni dell'albergo che sono state chiuse, come il bar e il ristorante. Tuttavia è impossibile colmare le enormi perdite dovute al tracollo delle prenotazioni: -70% in marzo e -98% in aprile. Tali cifre significano diverse centinaia di migliaia di franchi in meno d'incasso.

Situazione simile negli altri hotel del gruppo Accor in Svizzera a prescindere dall'ubicazione e dal segmento di prezzo. Affinché un albergo funzioni è necessario che la gente si muova, afferma sconsolato Fleury.

Il sondaggio tra gli albergatori - Uno studio della sede vallesana dell’Alta Scuola Specializzata della Svizzera occidentale conferma la difficile situazione del settore: stando a una sondaggio tra gli albergatori, le prenotazioni sono calate del 69% in marzo, del 90% in aprile e del 73% in maggio. Conseguenza? Il 57% delle strutture ha chiuso i battenti e il 21% ha chiuso solo in parte.

L'hotel Schweizerhof di Lucerna ha preferito chiudere. «Non ha senso rimanere aperti per un pugno di clienti», dice a Keystone-ATS il direttore Clemens Hunziker. «Chiudendo possiamo ridurre i costi in modo mirato e coordinato».

Tra gli autori dello studio, Miriam Scaglione non si dice sorpresa da questa decisione. «È una reazione naturale dal momento che le prenotazioni su Booking sono scese in media dell'81%. Gli hotel hanno cercato semplicemente di ridurre l'impatto della catastrofe». Anche nel 2003 il settore aveva subito l'impatto della Sars, ma questa volta l'epidemia di coronavirus è di tutt'altra portata. «La Sars non è nulla se paragonata alla pandemia attuale», dichiara Scaglione.

Stando al sondaggio, gli alberghi valutano il rischio di fallimento al 23%: si tratta di un impatto considerevole se raffrontato con il numero d'impieghi a tempo pieno nel settore alberghiero e della ristorazione (238'900).

Dovendo far fronte a un'ondata di disdette per marzo e aprile, i due alberghi diretti da Franck Fleury hanno optato per il rimborso caso per caso. «Un rimborso generalizzato ci esporrebbe a dei problemi di liquidità», spiega il manager.

I problemi giuridici legati alle disdette sono complessi, afferma Karin Sieber a nome di Hôtellerie Suisse, dicendo che i casi di valutano singolarmente. In linea di principio, però, è possibile accollare al cliente alcuni costi se è in grado di venire e se l'hotel può offrire ancora dei servizi.

«Nel caso di una località sciistica chiusa è comprensibile che un cliente non voglia più venire - spiega Sieber - ma da un punto di vista giuridico, nella maggioranza dei casi non è un motivo valido per annullate la prenotazione».

Rimborsi... in buoni - Da parte sua, Clemens Hunziker dello Schweizerhof di Lucerna sostiene che tutti i clienti sono stati trattati allo stesso modo. I clienti hanno pagato i costi di annullamento in conformità alle clausole contrattuali ma si sono visti restituire la metà della somma sotto forma di buoni da utilizzare in un secondo tempo. Quando l'annullamento è legato alla soppressione di una manifestazione decisa dal Consiglio federale, è stato rimborsato il 100% dei costi di annullamento.

Al momento, secondo Hunziker, si stima che il coronavirus peserà sul fatturato dell'albergo nella misura del 30-40%, pari a qualche milione di franchi.

Nella maggior parte dei casi, gli alberghi non possono fare affidamento sulle assicurazioni per compensare le perdite operative. Secondo Sieber, spesso simili perdite dovute a pandemia non possono nemmeno essere assicurate oppure, in caso contrario, l'assicuratore interviene solo quando viene decretata la chiusura da parte delle autorità. E ciò non è ancora il caso in Svizzera. «Tutto ciò rende la situazione molto difficile per gli albergatori», ha puntualizzato Karin Sieber.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 00:46:59 | 91.208.130.86