tipress
Niersbach e i suoi avvocati in arrivo a Bellinzona
ULTIME NOTIZIE Svizzera
CANTONE / SVIZZERA
38 min
In Svizzera quasi 200'000 persone vaccinate
Nel nostro cantone le dosi sono state sinora somministrate a 11'815 persone
ZURIGO
42 min
Brucia un appartamento, in otto in ospedale
L'incendio, scoppiato in una camera da letto, ha causato l'intossicazione di otto persone.
SVIZZERA
46 min
«È una Svizzera sempre più laica»
Nel 2020 il 29.5% degli abitanti del nostro Paese si sono dichiarati «senza affiliazione religiosa».
SVIZZERA
2 ore
Il turismo contro il divieto: «Sarebbe dannoso»
L'industria svizzera del turismo è preoccupata di un'eventuale approvazione dell'iniziativa il prossimo 7 marzo.
SVIZZERA
2 ore
L'approccio di Raiffeisen sugli interessi negativi sta cambiando
Sì a chi vuole depositare in tempi brevi grandi quantità di denaro, no ai clienti di lungo corso
SVIZZERA
2 ore
UBS, Hamers è convinto: l'indagine nei Paesi Bassi «finirà bene»
«Ho sempre agito in buona fede» ha dichiarato il presidente della direzione del colosso bancario
SVIZZERA
3 ore
Dopo la neve arriva il pericolo d'inondazioni
Un fronte caldo potrebbe contribuire allo scioglimento delle nevi e all'ingrossamento dei corsi d'acqua.
BASILEA
3 ore
Il Ceo di Novartis riceve un aumento di stipendio di due milioni di franchi
Quasi tredici i milioni di franchi ricevuti nell'anno della pandemia
SVIZZERA
4 ore
Gunten, la polizia cerca a casa del migliore amico della vittima
Il corpo della 31enne è stato rinvenuto il 17 gennaio nel lago di Thun. La polizia sospetta l'omicidio.
SVIZZERA
5 ore
UBS, 6,6 miliardi di dollari di utile nell'anno del Covid
L'istituto ha attirato 43,3 miliardi di dollari di gestione patrimoniale
SVIZZERA / MONDO
5 ore
Gli svizzeri si ubriacano più spesso dei tedeschi, e quasi il doppio rispetto agli italiani
In media i cittadini elvetici hanno consumato alcol fino alla sbornia oltre 20 volte negli ultimi 12 mesi
GRIGIONI
12 ore
Tiktoker saltano dalla telecabina a tutta velocità
L'ennesima pericolosa trovata diventata virale sul discusso social network.
SVIZZERA
13.03.2020 - 23:090

Processo Fifa: rischio prescrizione per il virus

L'ex presidente della Federazione di calcio tedesca Niersbach non si è presentato oggi a Bellinzona

Al Tribunale penale federale il processo per corruzione nel mondo del calcio è ostaggio del Covid-19

BELLINZONA - È stato rinviato il processo sullo scandalo finanziario legato ai Mondiali di calcio giocati in Germania nel 2006, in corso al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona. Dopo che Wolfgang Niersbach, uno degli imputati, si è autoimposto la quarantena a causa del coronavirus, la prescrizione sembra ormai dietro l'angolo.

Nella scuola frequentata dal figliastro 14enne di Niersbach, ex presidente della Federazione di calcio tedesca (DFB), ci sarebbe un caso sospetto di contagio da Covid-19, informa oggi il tribunale. Non è ancora stata fissata una data per il rinvio.

Si avvicina quindi sempre più il rischio di prescrizione dei reati. Per evitare ciò, una prima sentenza deve infatti essere pronunciata entro il 27 aprile.

Processo condizionato dal virus - L'epidemia aveva già messo a rischio il processo a carico di quattro alti funzionari del mondo del pallone sin da lunedì, quando era stato subito rinviato a mercoledì. Per ragioni d'età gli imputati rientrano nella categoria a rischio, ma il TPF non lo aveva ritenuto un motivo valido per non presentarsi in aula.

L'ex segretario generale della FIFA Urs Linsi era già arrivato a inizio settimana a Bellinzona, mentre mercoledì era comparso pure Niersbach. Gli altri due funzionari non si sono invece visti. Si tratta dell'ex segretario generale della DFB, Horst Rudolf Schmidt, e di un altro ex presidente dell'associazione, Theo Zwanziger. Quest'ultimo aveva indicato di non voler recarsi in Ticino proprio a causa del virus, mentre Schmidt ha invocato motivi di salute e la sua idoneità a partecipare al dibattimento non è stata chiarita.

Zwanziger, Schmidt e lo svizzero Linsi sono accusati di truffa, Niersbach di complicità nella truffa. Del caso si sta occupando anche la giustizia in Germania. I tre tedeschi facevano parte del comitato per la Coppa del Mondo del 2006, in cui vi era anche l'ex stella del calcio Franz Beckenbauer. La posizione del leggendario difensore, allenatore e dirigente è stata disgiunta per essere condotta separatamente, a causa del suo stato di salute.

Vicenda complessa - La vicenda giudiziaria è piuttosto complessa. In sostanza, gli organizzatori dei Mondiali avrebbero pagato alla FIFA 6,7 milioni per un fantomatico evento culturale che non ha mai avuto luogo. Linsi è coinvolto in quanto, da segretario generale della massima organizzazione del pallone, era il loro primo interlocutore.

Stando alle indagini, Beckenbauer avrebbe contratto dall'uomo d'affari francese Robert Louis-Dreyfus un prestito di 10 milioni di franchi, una cifra impiegata a favore di un'impresa di Mohammed Bin Hammam, allora membro del comitato esecutivo e della commissione finanziaria della FIFA. Lo scopo del versamento era verosimilmente convincere il dirigente del Qatar a concedere una sovvenzione di 250 milioni di franchi per l'organizzazione del torneo.

Reale destinazione dei soldi camuffata - Siccome la DFB non ha voluto mettere a disposizione i 10 milioni, Beckenbauer ha sborsato la somma personalmente, servendosi del prestito. Nell'aprile 2005 il debito è stato estinto trasferendo 6,7 milioni di euro (che al cambio dell'epoca corrispondevano ai soldi dovuti) da un conto del comitato organizzatore alla FIFA e a Dreyfus.

Gli imputati sapevano che la commissione presidenziale, che andava coinvolta per un pagamento di questa entità, non avrebbe approvato l'estinzione del prestito con fondi della DFB. Per ottenere il rimborso ingannando i membri di vigilanza del comitato, lo avrebbero quindi presentato come un cofinanziamento della federazione tedesca di calcio per una serata di gala.

L'idea sarebbe stata di Zwanziger e Schmidt, mentre Linsi avrebbe incassato i soldi su un conto della FIFA, prima di girarli a Dreyfus per liquidare il prestito. Niersbach dal canto suo era al corrente dell'operazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 10 mesi fa su tio
Bell esempio della giustizia..............
seo56 10 mesi fa su tio
Pazzesco e non si poteva farlo in videoconferenza rispettando tutti i diritti della difesa?
saetta 10 mesi fa su tio
Questo ha trovato il modo per farla franca :-((
Nordica 10 mesi fa su tio
Sentirlo via videoconferenza?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-26 12:24:59 | 91.208.130.86