Deposit
Il 51% dei ragazzi e il 35% delle ragazze ha affermato di avere provato almeno una volta una sigaretta elettronica.
SVIZZERA
29.03.2019 - 06:010

«Preoccupante» il consumo di “fumo elettronico” tra i giovani

Un’indagine di Dipendenze Svizzera, su incarico dell’Ufsp, mostra per la prima volta i dati relativi all’utilizzo delle sigarette elettroniche da parte dei giovani. I numeri sono «preoccupanti»

LOSANNA - Lo studio è stato messo a punto su un campione di undicimila giovani - in particolare sui quindicenni - provenienti dall’intero territorio elvetico.

Oltre la metà dei ragazzi (il 51%) ha affermato di avere provato, nel corso del 2018, almeno una volta una sigaretta elettronica, mentre tra le ragazze la percentuale si colloca al 35%. Inoltre, il 21% dei quindicenni e il 13% delle loro coetanee hanno dichiarato di avere “svapato” almeno una volta nei trenta giorni precedenti l’inchiesta. Principalmente, «per curiosità», ma spesso anche «perché mi piace».

Un consumo, quindi, nettamente superiore a quello delle sigarette tradizionali: l’anno scorso, difatti, a fumare le cosiddette “bionde” soltanto il 10% dei quindicenni elvetici e l’8% delle quindicenni (contro, rispettivamente, il 12% e il 9% del 2014).

Dati allarmanti, in grado di mostrare - secondo Dipendenze Svizzera - l’apertura dei giovani verso i nuovi prodotti contenenti nicotina. «Tutto questo è preoccupante», afferma la fondazione. «I giovani di questa età non dovrebbero fumare né tabacco, né sigarette elettroniche». E nel contempo la fondazione pone un interessante quesito: «Tali prodotti, che oggi come oggi vengono venduti senza limiti di età e, per di più, con gusti diversi e con apparecchi “alla moda”, favoriscono lo sviluppo di una nuova generazione dipendente dalla nicotina?».

«La tutela dei minori è indispensabile, soprattutto perché non vige un limite di età sulla vendita di questi prodotti e nemmeno vengono applicate restrizioni a livello promozionale», spiega Grégoire Vittoz, direttore di Dipendenze Svizzera.

Ad avere già provveduto in questi termini, ad esempio, è la catena di chioschi Valora, che già da qualche tempo non vende questo tipo di prodotti a giovani di un’età inferiore ai diciotto anni.

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 2 anni fa su tio
Tassa in arrivo
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 05:54:54 | 91.208.130.87