Immobili
Veicoli
MAURA CLERICI
"Other Speeds" è il lavoro di debutto di Moraen.
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
22 min
Marco Mengoni con le stampelle in tv: è giallo sull’infortunio
Il cantante si è esibito da seduto, poi non ha chiarito cosa gli sia accaduto
CANTONE
3 ore
Quella casa ad Ascona che accoglieva bambini in difficoltà e in fuga dalla guerra
La storia di Lilly Volkart raccontata da Mattia Bertoldi nel suo romanzo “Il coraggio di Lilly” da oggi nelle librerie
FOTO
FRANCIA
19 ore
Tutti pazzi per "Top Gun: Maverick"
È il grande giorno di Tom Cruise al Festival di Cannes
ITALIA
1 gior
Troppe stalker, Can Yaman costretto a cambiare casa
L’attore turco rimarrà a Roma: «La gente ha superato ogni limite»
STATI UNITI
1 gior
Quelli che si accapigliano per assistere al processo Depp-Heard
Lo sceriffo ha dovuto regolamentare l'attesa dei fan all'esterno del tribunale, e c'è anche del "bagarinaggio"
CANTONE
1 gior
La provocazione di "Shivers": un'arpa che canta come una voce
Continua il percorso di sperimentazione di Kety Fusco, con questo nuovo singolo pubblicato nei giorni scorsi
STREAMING E VIDEO
CANTONE / STATI UNITI
1 gior
Colpaccio Sebalter: una sua canzone nella serie più vista su Netflix
"Gente Simpatica" ha trovato spazio in uno degli episodi di "Avvocato di difesa", il musicista ci spiega com'è andata
ITALIA
1 gior
Fedez, gesti di pace con J-Ax e Rovazzi
L’artista sembra aver seppellito l’ascia di guerra con i suoi ex soci
VIDEO
GAMES
1 gior
Abbiamo provato “Switch Sports” ed è andata a finire così
La versione per Switch del leggendario "Wii Sports" non delude, con un gameplay liscio e una grafica eccezionale
SVIZZERA
1 gior
Dopo quasi 10 anni lunedì esce il seguito di “La verità sul caso Harry Quebert”
Il nuovo romanzo del ginevrino Harry Quebert si intitola “Il caso Alaska Sanders” e sarà in libreria il 23 maggio
ITALIA
2 gior
Sabrina Ferilli: «Fino a 26 anni non mi corteggiava nessuno»
L’attrice e sex symbol ha confessato in tv di aver sofferto per il suo aspetto fisico
ITALIA
2 gior
Ornella Muti: dopo quasi 30 anni torna l’amore con l’ex marito
L’attrice è stata paparazzata insieme a Federico Fachinetti, che lasciò nel ’96
CANTONE
2 gior
Shakry e quegli amori...che in realtà fanno male
La giovane cantautrice ticinese ha pubblicato il suo nuovo singolo "I Try Again"
ITALIA
2 gior
Maria Grazia Cucinotta: «A causa del mio seno dissi no a “L'avvocato del Diavolo”»
L’attrice ha svelato un inedito retroscena della sua carriera: «Era troppo grosso, avrei rovinato il film»
CANTONE
20.01.2022 - 06:000

Moraen e le sue "altre velocità": la musica come valvola di sfogo in giorni complicati

Un EP dai contenuti sperimentali e fortemente autobiografici per la musicista bellinzonese

BELLINZONA - Un nuovo debutto sulla scena musicale ticinese: è quello di Maura Clerici, giovane musicista bellinzonese che affianca alla sua militanza nella rock band Dirty Panda (della quale è la bassista) il progetto solista Moraen. "Other Speeds" è il titolo del suo primo EP, pubblicato sia su Cd che sulle principali piattaforme streaming e store digitali.

Come definiresti la tua musica?
«Non sono mai riuscita a rispondere a questa domanda. Lo considero un genere un po' sperimentale: per me lo è stato senz'altro. Dopo aver accantonato i primi tentativi, che andavano più verso il pop, mi sono fatta trascinare dai suoni di chitarra, basso e anche dalla mia voce».

Chi ti ha affiancato?
«Nessuno. È un progetto solista nel pieno senso della parola: ho suonato tutti gli strumenti a eccezione delle percussioni e dei violini, ci hanno pensato Larry Salzman e Livia Graziano. Gli interi arrangiamenti sono miei. Per le registrazioni, i mix e i master dei brani mi sono appoggiata a DynArt Studio di Luca Princiotta, che mi ha fornito un buon supporto».

È un lavoro fortemente autobiografico, giusto?
«È partito tutto da un periodo di forte stress, nel quale mi trovavo a lavorare e contemporaneamente studiare all'università. I minuti erano veramente contati ed è anche per questo che l'ho intitolato "Altre velocità": la percezione del tempo che avevo era sfasata e completamente diversa da quella di altre persone, con le quali mi sono confrontata. Nei momenti in cui avevo bisogno di staccare la mente provavo dei riff alla chitarra, per poi lasciarli in sospeso. Una volta terminati gli studi - con più tempo - li ho ripresi, sviluppati e sono diventati i brani dell'EP».

La musica è stata un'efficace valvola di sfogo?
«Sicuramente sì. Mi ha aiutato a staccare e la stessa pubblicazione dell'EP è il momento conclusivo di quel capitolo della mia vita».

In che senso?
«Ho deciso di farlo non con lo scopo di farmi conoscere, ma di mettere un punto a qualcosa che sentivo fosse rimasta in sospeso... Avevo bisogno di avere il prodotto fisico tra le mani, per questo "Other Speeds" è uscito anche in Cd».

Ogni brano fa riferimento a qualcosa che vivevi in quei giorni: cosa simboleggia, per esempio, il girasole nero di "Black Sunflower"?
«È la canzone con il testo più astratto dell'intero EP e si riferisce a un elemento simbolico: un esemplare nero all'interno di un campo pieno di girasoli, che è in grado di portare nello spazio il protagonista del brano. Rappresenta ciò (un oggetto, una persona) che è in grado di farci staccare dalla nostra routine e dal ritmo che dobbiamo sopportare ogni giorno. Nel mio caso si riferiva a una persona, che mi ha sostenuto dall'inizio alla fine di quel periodo».

Cosa pensi che possano cogliere gli ascoltatori?
«Mi piacerebbe che afferrassero quest'idea del tempo che ho descritto prima. In vari brani si sentono rumori di sottofondo, che dovrebbero dare l'idea di qualcosa che scorre (e crea un po' d'ansia...). Ascoltare per capire!».

Cosa ti ha influenzato musicalmente durante la lavorazione?
«Certi gruppi post-rock che ascoltavo abbastanza in quel periodo, perché mi facevano viaggiare con la mente ma allo stesso tempo mi permettevano di concentrarmi (e studiare meglio)».

Su Spotify hai scritto di te: «Attratta dall’inafferrabile, ami sperimentare la polifonia cercando maggiore rifugio nelle basse frequenze». Ci vuoi illustrare questa dichiarazione?
«Vado incontro alle sfide, anche se le giudico inafferrabili. In realtà mi attraggono molto. Ciò mi ha portato a vivere queste "alte" o "altre velocità" e mai avrei pensato che sarei riuscita a farcela. Della polifonia mi affascina il fatto che ogni strumento possa essere protagonista in momenti diversi, e che quindi ogni strumento acquisisca la stessa importanza degli altri - senza seguire quello schema classico che vuole che la voce sia la protagonista. Le basse frequenze, infine, richiamano il mio essere una bassista. Il suono di questo strumento mi ha sempre dato una grande sicurezza. È come se avessi una base, un sostegno».

Desideri e speranze per il 2022?
«Non c'è la prospettiva di suonare live: in un mondo della musica in grande cambiamento (anche prima della pandemia) pensare di mettere in piedi una band per proporre questo progetto solista sarebbe un investimento troppo oneroso, non solo dal lato economico. Mi piacerebbe pubblicare un singolo, prossimamente: ci sto lavorando in questo periodo».

MAURA CLERICI
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-19 16:52:54 | 91.208.130.87