SISMA
ULTIME NOTIZIE People
STATI UNITI
8 ore
Ariana Grande si è sposata
La cantante americana è convolata a nozze con Dalton Gomez in una cerimonia tanto intima quanto inattesa.
ITALIA
8 ore
Elisabetta Gregoraci, il partner segreto viene allo scoperto
Il pilota Stefano Coletti sul web: «Insieme da due mesi». Poi rimuove il post
ITALIA
10 ore
Miriam Leone, via ai preparativi per le nozze
Indiscrezione sull’attrice siciliana, pronta a dire sì al suo Paolo
ITALIA
12 ore
Salvatore Esposito dice addio a "Gomorra"
«Ora vi toccherà aspettare un po' per #Gomorra5 ma sappiate che, come sempre, ne varrà la pena!» ha scritto sui social
STATI UNITI
14 ore
Ritorna la maxi statua di Marilyn, ed è di nuovo polemica
Torna a creare scandalo la scultura che rappresenta la diva in una celeberrima posa
CANTONE
15 ore
Vision Award Ticinomoda 2021 a Phil Tippett
Il maestro degli effetti visivi verrà omaggiato giovedì 5 agosto in Piazza Grande
STATI UNITI
18 ore
Nick Jonas è finito in ospedale
L'attore e musicista si è infortunato nel corso delle riprese di un nuovo show, ora è stato dimesso
STATI UNITI
20 ore
La corona di Miss Universo va in Messico
Andrea Meza è stata premiata nella notte ad Hollywood
STREAMING E VIDEO
CANTONE
23 ore
"Majara", un tuffo nell'estate con gli Sgaffy
Nuovo singolo per la band, un inno alla leggerezza dopo un altro anno complicato
REGNO UNITO
1 gior
Troppe "speculazioni", Henry Cavill interviene sui social
L'attore ha invitato alcuni follower a smetterla di spettegolare
REGNO UNITO
1 gior
McDowell e "Arancia meccanica": «Mi ha dato grande fama ma mi ha segnato»
L'attore ricorda il film di Kubrick, uscito 50 anni fa
STATI UNITI
1 gior
Kobe Bryant onorato nella Hall of Fame del basket: «Ora starà ridendo in paradiso»
La vedova Vanessa in un commovente discorso: «Era unico ed eccezionale. Gigi sarebbe così orgogliosa».
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
"Bosch", il 25 giugno esce l'ultima stagione
Gli episodi conclusivi della serie sono tratti dal romanzo ""The Burning Room" di Michael Connelly
STATI UNITI
2 gior
Anche Emily Ratajkowski si cimenta con gli NFT
Una foto che ritrae l'attrice e modella, con una storia particolare, è stata venduta per 140mila dollari
FOTO
PAESI BASSI
2 gior
Conto alla rovescia Eurovision: è l'ora delle prove
Tra una settimana è previsto il gran finale, ma si parte già martedì
CANTONE
29.10.2020 - 06:300

Sisma, un ponte che conduce al passato

Il nuovo disco solista del rapper s'intitola "Circolo Vizioso" ed è un sincero omaggio a luoghi, persone (e musica)

BELLINZONA - "Circolo Vizioso" è il nuovo album solista di Sisma, il quarto firmato da Amos Zoldan unicamente con il suo nome d'arte.

Un lavoro, anticipato dal singolo "i puntini sulle i", saldamente ancorato nel passato, sia per scelte musicali che per tematiche. È un hip-hop molto old school, che rappresenta in pieno la cifra stilistica dell'artista bellinzonese (con tanto di avviso in copertina ai "ragazzini": «No mumble rap»). Allo stesso tempo Sisma va a rievocare momenti e luoghi dell'anima, chiama accanto a sé chi lo ha affiancato negli esordi musicali (si parla di 25 anni fa, mica poco) e ricorda chi, nel frattempo, non c'è più.

Il disco si apre con la title track, che sembra una sorta di dichiarazione programmatica: cosa è stato Circolo Vizioso, e perché hai deciso che fosse ora di riproporlo?
«È il gruppo che avevo fondato con Moop e Dennis nel 1996. Ci siamo incontrati di nuovo a distanza di anni, dopo il ritorno di Moop da Parigi, abbiamo ripreso a frequentarci e a fare musica insieme. Io e lui siamo come fratelli, ascoltiamo perfino la stessa identica musica. Gli dico sempre per scherzare: "Non so se sei bravo a fare i beat o semplicemente sono quelli che piacciono a me" (ride, ndr)».

Quindi avete deciso di fare il "punto della situazione" musicale?
«Alla nostra età e in un contesto nel quale (anche pre-pandemia) mi rendevo conto che è sempre più dura fare concerti - per fare il rapper oggi devi avere i rasta gialli e rosa -, io e Moop abbiamo voluto fare un disco per quelli che ascoltano la musica che ci piace (e che ci ha cresciuto). È un album che rappresenta come siamo noi e ciò che sappiamo fare meglio».

C'è una canzone dedicata al ponte di Sementina: cosa rappresenta per te?
«È il pezzo che ho aggiunto alla fine, dopo averlo scritto durante il lockdown. Di che parla? Sono partito 20 anni fa da Sementina, il quartiere in cui sono nato e cresciuto, e mai come quest'anno ho sentito la sua mancanza. Sono stato anche dei mesi oltreoceano, in passato, ma l'impossibilità di tornarci per l'emergenza sanitaria, sapendo che lì ci sono genitori, nonni, zii e amici... Mi frullavano tanti brutti pensieri nella testa in quei giorni, come a ognuno penso, così ho voluto scavare nel profondo e fare una dichiarazione d'amore al mio quartiere e a chi lo vive».

Anche la copertina è a tema...
«Il legame con il ponte di ferro è molto forte: lo abbiamo attraversato mille volte quando andavamo a Giubiasco a fare musica con quelli più grandi. Ora quel ponte non c'è più e quei ragazzini che lo oltrepassavano hanno ormai 40 anni... Anche se gente come noi non invecchia mai (ride, ndr)».

Canti, come spesso ti succede, i sentimenti contrastanti riguardo al Ticino. Un paio di versi proprio da "Sementina Bridge": "Non scordo nulla anche se siamo lontani / i miei sentimenti per te sono rimasti uguali". Ma anche "Ho gli occhi lucidi se penso a quei posti / ma per vivere in quel quadro servivano ritocchi"...
«È un'ambivalenza che rimane e rimarrà per sempre. Amo il mio Ticino, mi ritengo fortunatissimo per esserci nato e cresciuto, ma mi basta tornarci 3-4 giorni al mese per sentirmi in gabbia. Soprattutto a livello di opportunità».

Complessivamente è più la malinconia che la rabbia a imporsi nel disco. O sbaglio?
«È corretto. La ragione è il rendersi conto che i 40 anni sono un po' il giro di boa. Ho due figlie che vanno entrambe a scuola e vedendole crescere mi accorgo di come il tempo passi e come le cose cambino. Tanto è mutato di me da quando ero ragazzino e attraversavo il ponte: il fisico, la posizione sociale, le finanze. Nonostante tutto, però, io e gli altri siamo sempre quelli che eravamo allora».

A proposito delle tue bimbe: cosa dicono di questo lavoro? E del tuo essere musicista?
«Lo hanno sentito dalla bozza fino al master. Lo ballano in salotto e lo cantano, fanno sentire agli amichetti la mia musica... sono le mie prime fan! La primogenita ha scritto sul diario che la sua popstar preferita è Sisma! (ride, ndr). Vedremo fra qualche anno come cambieranno i loro gusti musicali».

Potendo usare una sola parola per descrivere il disco, quale sceglieresti?
«Genuino. Difendo ogni rima: non ci sono pezzi messi lì solo come riempitivo».

Se non ci fosse stata la pandemia avresti fatto un disco diverso?
«In realtà no. L'album era pronto e sarebbe uscito prima, ma poi sono stato assalito da un miliardo di dubbi. Si pensava anche alla stampa del vinile da vendere ai concerti, però... Sarebbe mancata solo "Sementina Bridge". Quindi l'unica cosa positiva di questa pandemia è l'avermi spinto finalmente a fare questa dedica e aver fatto contenti gli amici, che mi hanno rinfacciato parecchie volte di non aver mai parlato del quartiere nelle mie canzoni».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-18 06:04:00 | 91.208.130.86