Immobili
Veicoli

Viaggi & TurismoLo storico Bodenhaus, 300 anni di accoglienza

28.09.22 - 07:48
Un albergo di Splügen da sempre luogo d’incontro di viaggiatori e commercianti.
Bodenhaus
Lo storico Bodenhaus, 300 anni di accoglienza
Un albergo di Splügen da sempre luogo d’incontro di viaggiatori e commercianti.

SPLÜGEN - Ci troviamo nel cuore storico di Splügen, sulla piazza dell’albergo Bodenhaus, costruito nel 1722 come struttura commerciale. Le sue dimensioni imponenti riflettono l'importanza dell'edificio su una delle più antiche vie di transito delle Alpi. Con le merci immagazzinate e gestite nelle cantine a volta e negli ampi corridoi, più di un sentore d'oriente e del mondo intero soffiava nella casa.

«I viaggiatori si ritrovano in un villaggio dove lo splendore del luogo è sorprendente: un villaggio di montagna con case patrizie riccamente decorate, - mi spiega orgoglioso LucasTreichler-Heimberg, “discendente” alla direzione dell’albergo assieme alla moglie Stephanie -. Ancora oggi, i visitatori, attraversando il torrente Susten o Stutzbach, che ha scavato profondamente il terreno, arrivano stupiti alla Bodenplatz, nel centro del villaggio, dominata dall'imponente edificio dell’omonimo albergo». L'ospite è colpito dalle dimensioni dell'antica locanda e sospetta che questo luogo, questa piazza e questo edificio abbiano una storia da raccontare.

In effetti, molti degli ospiti che si fermarono al Bodenhaus venivano da lontano. In questo periodo di 300 anni questo luogo racconta le storie di mercanti, truppe militari, albergatori, ospiti - di persone che hanno plasmato la casa. «Wilhelm Conrad Röntgen, inventore dei raggi passò con la moglie alcuni giorni nell’estate del 1888, il filosofo e scrittore Friederich Nietzsche, il pittore William Turner che lasciò diversi disegni fatti in occasione dei suoi due soggiorni nel 1941 e 1843 e che oggi sono esposti al Tate di Londra, e persino il nipote di Napoleone passò da Splügen», così Lucas snocciola la lista delle personalità che hanno pernottato nel suo albergo.

Grazie alla sua posizione, ai piedi dello Spluga e del San Bernardino, Splügen fu un importante punto di trasbordo per le merci trasportate attraverso i passi dalla foresta del Reno (Rheinwald) dal XV al XVIII secolo. Il trasporto di merci era in realtà la principale fonte di reddito per la popolazione locale: la maggior parte viveva direttamente o indirettamente del commercio sul dorso di muli. Nel villaggio, le famiglie di mercanti eressero numerosi grandi soste (chiamte Susten), che fornivano riparo e alloggio ai cavalli, ai carrettieri e alle loro merci.

Il 2 agosto 1716, gran parte del villaggio fu vittima di un devastante incendio. La maggior parte delle case fu ricostruita nello stesso luogo, mantenendo possibilmente anche il medesimo stile. Alcune costruzioni, tra cui anche il Bodenhaus, fu edificato in uno stile più moderno. Lo stabile fu inaugurato nel 1722 dal giudice capo Johann Paul Zoja su un'area precedentemente non sviluppata e quasi pianeggiante. «Il nome deriva dal termine "Bodä", che i Walser di lingua tedesca usavano per descrivere un'area pianeggiante di dimensioni quasi quadrate», svela l’interlocutore. La famiglia Zoja era diventata ricca grazie al trasporto di merci, al commercio, ai dazi doganali e agli uffici sul territorio ed era una delle famiglie più influenti di tutta la regione.

L'edificio colpisce ancora oggi per la sua forma possente, quasi cubica, con pareti spesse un metro e un basso tetto a capanna. Anche l'interno era diviso in stanze insolitamente grandi. Il Bodenhaus ospitava l'ufficio postale e presumibilmente forniva alloggio e pasti ai viaggiatori fin dall'inizio. Il suo scopo principale, tuttavia, era quello di immagazzinare le merci che venivano trasportate lungo la via dei passi. Tra i beni conservati nei sotterranei e nelle stanze del Bodenhaus c'erano grano, sale, burro e formaggio, seta e damasco, velluto e cotone, utensili, armature, spezie e vernici.

«All'inizio del XIX secolo, le mulattiere che attraversavano i passi furono trasformate in strade carrozzabili. I viaggi divennero sempre più importanti e la necessità di pernottare per gli ospiti più esigenti aumentò. Nel 1822, l'allora proprietario del Bodenhaus, il landamano Johann Jakob Hössli, iniziò a convertire la casa in albergo. Per guadagnare spazio, la vecchia scala nell'area dell'attuale atrio fu demolita e la nuova scala fu spostata sul lato nord. Le grandi sale dei piani sono state divise in stanze e arredate. La conversione avvenne probabilmente nel corso di diversi anni», prosegue il direttore.

Ben presto furono registrati oltre mille pernottamenti all'anno e con il tempo aumentò anche il numero di viaggiatori che si fermavano per periodi più lunghi. Dopo l'apertura del tunnel del Gottardo nel 1882, il numero di ospiti diminuì purtroppo notevolmente. Alla fine del XX secolo, lo storico albergo si trovò in condizioni strutturalmente precarie dopo vari passaggi di proprietà, conversioni e ampliamenti. Nel 1999 è stato acquistato dalla famiglia Löschl-Burkhardt, che ha invertito i ‘peccati’ edilizi del passato e ha riportato l'edificio al suo aspetto originale grazie all'uso di materiali locali.

«Il Bodenhaus quest’anno festeggia due anniversari: la realizzazione della prima sosta e deposito nel 1722 e 200 anni di offerta alberghiera – conclude Lucas. Siamo davvero felici di poter proseguire sul nostro cammino nel campo dell’accoglienza, della cultura e della gastronomia. L’albergo dispone oggi di 26 camere e offre numerose opzioni di soggiorno, sia in inverno con lo sci che d’estate con bellissimi percorsi a piedi o in bicicletta». Durante la visita guidata il direttore mi mostra, oltre alla piscina, la storica cantina a volta. Mi racconta del suo obiettivo di crearvi uno spazio dedicato alle degustazioni dei vini.

La curatrice basilese di mostre, Ursula Hillmann, ha inoltre sviluppato una mostra permanente sulla storia del Bodenhaus. Dal 20 maggio di quest’anno, l’ospite può scoprire in tutta la casa tracce del passato in immagini, documenti, citazioni e molte sorprese. Un punto di forza è sicuramente la presentazione digitale dei libri degli ospiti conservati dal 1828, un vero tesoro culturale e storico. Volete saperne di più sulla storia di questo albergo? Allora vi consiglio la conferenza del 16 ottobre dal titolo “storia e storie attorno al Bodenhaus”. L’evento inizia alle ore 17, la prenotazione è richiesta.

Il mio soggiorno a Splügen termina qui, ma non l’interesse a questa destinazione turistica. Sono sicuro che tornerò a parlarvi d'iniziative e attività culturali e sportive nate e promosse in questa regione a ridosso del Ticino.

Testo a cura di Claudio Rossetti

NOTIZIE PIÙ LETTE