Immobili
Veicoli

VIAGGI&TURISMOIl Gargano, lo sperone dello stivale d’Italia

28.06.22 - 11:58
Chilometri di coste, villaggi medievali, grotte e una foresta
La costa e il Pizzomunno (di CR)
Il Gargano, lo sperone dello stivale d’Italia
Chilometri di coste, villaggi medievali, grotte e una foresta

VIESTE - Oggi vi accompagno nel Gargano! È considerato lo Sperone dello Stivale d’Italia, un promontorio di natura carsica che si protende verso il Mare Adriatico e le coste balcaniche a cui in età preistorica era probabilmente collegato, un territorio montuoso dominato dal Monte Calvo con bacini, caverne e grotte, due grandi lagune con il Lago di Lesina e quello di Varano, separate fra loro dal Monte Elio.

L'intera regione è stata dichiarata riserva naturale nel 1991 con il nome di Parco Nazionale del Gargano, che con i suoi 120 mila ettari e dodici diversi ecosistemi è il parco nazionale più grande d'Italia e quello con la maggiore biodiversità d'Europa.

Il Gargano attrae i visitatori non solo per i suoi quasi 150 chilometri di costa, dove scogliere, spiagge e baie si alternano continuamente, ma anche per l'impenetrabile foresta mista della foresta umbra. Con i luoghi di pellegrinaggio medievali di San Giovanni Rotondo e Monte Sant'Angelo, e tutta una serie di testimonianze e siti dei Romani, dei Dauni (un popolo che viveva qui nel I millennio a.C.), degli Hohenstaufen e dei Normanni. Allo stesso modo, non vengono serviti in tavola solo pesce e frutti di mare, accompagnati da olio d'oliva e vino locali, ma anche formaggi e salumi di montagna, oltre a frutta e verdura. Lo stile di vita rurale e quello marittimo sono ugualmente di casa in questa regione.

Tra i fenomeni carsici più comuni della costa pugliese ci sono le grotte e le caverne create da migliaia di anni di lavoro dell'acqua piovana e dalla costante corrosione dell'acqua marina. Il suggestivo paesaggio di grotte, doline, inghiottitoi e ripidi pendii è incantato da scintillanti stalattiti, stalagmiti e pareti rocciose.

Un’altra tappa è il villaggio di Mattinata: si trova a circa 20 chilometri da Pugnochiuso ed è l'unica città dell'Adriatico pugliese che si trova su una fascia costiera esposta a sud. La città è incastonata come un nido nel promontorio e offre un'ampia vista sul mare. Grazie all'esposizione a sud e al clima favorevole, qui si produce un olio d'oliva particolarmente pregiato.

Particolarmente bella è Vieste, una città medievale di origine antica. Una famosa leggenda circonda la bianca scogliera di Pizzomunno, alta 25 metri, che si erge all'inizio del litorale della città. Si racconta che Pizzomunno era un giovane che fu pietrificato dalle sirene per gelosia a causa del suo amore per la bella Cristalda. Vedere per credere. Vi consiglio di arrivare in serata quando le viuzze sono animate e i negozietti aperti.

Il mio reportage alla scoperta di questa regione, in previsione di un viaggio in programma l’anno prossimo, continua ad Alberobello. Un’occasione per scoprire i famosi Trulli. Seguitemi!

Il primi articoli di questa serie sulla Puglia e la Basilicata sono stati pubblicati l’11 e il 19 giugno.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Link utile: www.viaggirossetti.ch
 
www.instagram.com/viaggirossetti

 

ULTIME NOTIZIE VIAGGI & TURISMO