Immobili
Veicoli

VIAGGI&TURISMOAarau, lo storico borgo dei frontoni

06.05.22 - 13:05
Weekend all’insegna della storia, gastronomia e cultura di questa perla tutta da scoprire
Foto: Centro storico (di CR)
Aarau, lo storico borgo dei frontoni
Weekend all’insegna della storia, gastronomia e cultura di questa perla tutta da scoprire

AARAU - Voglio raccontarvi del finesettimana passato nella mia città natale: Aarau! Una perla del Mittelland già storicamente al centro del commerci e del transito. Già i romani usavano l'area di Aarau come nodo di traffico dal primo secolo prima di Cristo, tra tra il campo legionario di Vindonissa (Windisch) e la città di Aventicum (Avenches).

Il centro storico ben conservato è il risultato di una pianificazione uniforme da parte dei Kyburger. Intorno alle due strade principali che si intersecano (Rathausgasse e Kirchgasse/Kronengasse) ci sono quattro piazze di case chiamate "Stöcke". Intorno a loro c'è un anello di vicoli con un'altra fila di case. Nel quattordicesimo secolo, la città fu espansa concentricamente in due fasi. Nel processo, il vecchio muro della città è stato demolito e integrato in edifici di nuova costruzione. Un secondo anello esterno di mura fu costruito per sostituirlo. Sui lati sud ed est, dove la testa rocciosa si appiattisce nell'alta terrazza, c'era un ampio fossato che separava la città dal sobborgo non fortificato.

Una gran parte del tessuto edilizio della città vecchia risale ai progetti di costruzione attorno al sedicesimo secolo, quando quasi tutti gli edifici risalenti al Medioevo furono sostituiti o rialzati. Lo sviluppo architettonico terminò alla fine del diciottesimo secolo, quando la città iniziò ad espandersi notevolmente. Le case della città vecchia sono prevalentemente in stile tardo gotico. Una caratteristica speciale sono i circa 70 frontoni del tetto con la parte inferiore dipinta (Ründen), motivo per cui Aarau è anche conosciuta come la "città dei bei frontoni".

Ad Aarau, i frontoni avevano anche uno scopo pratico come estremità del tetto in tempi storici. L'estensione verso il lato del vicolo permetteva il trasporto di tutti i tipi con una trave estesa e un semplice paranco a corda. In questo modo, non solo i mobili ingombranti venivano sollevati ai piani superiori, ma anche la legna da ardere necessaria nella spaziosa soffitta. I proprietari di queste case divennero piuttosto ricchi, il che rese possibile la decorazione delle facciate insieme ai tetti. Coloro che potevano, decoravano gli archi di legno con dipinti nella tecnica originale della grisaglia, sia con ornamenti, con lo stemma di famiglia, con emblemi professionali o con raffigurazioni bibliche. Naturalmente i dipinti originali, che erano esposti alle intemperie, sono scomparsi da tempo. Sono stati rinnovati nello stesso stile o sostituiti da nuove opere.

Oggi la città vecchia è considerata un’originale piattaforma per lo shopping - anche grazie alla zona pedonale. Negozi piccoli che non fanno parte dei grandi circuiti, ristoranti e bar sono molto popolari, grazie anche ai numerosi mercati ed eventi concertistici che si svolgono in città. I momenti salienti annuali sono la processione di maggio, il Bachfischet e l'Aargauer Rüeblimarkt.

«Aarau è più di una piccola città storica, è culturalmente molto interessante e, con oltre 33 mila dipendenti, anche un'importante sede economica. Per me è importante che le visite guidate non si concentrino solo sui punti di riferimento storici, ma mostrino anche ciò che rende Aarau ciò che è oggi. La città vecchia è viva, con graziosi negozi individuali che attraggono i visitatori durante il giorno e i pittoreschi vicoli che pulsano di vita la sera», racconta Agnes Henz, la simpatica guida. L’ente turistico locale organizza una miriade di visite guidate. «Oltre 800 all’anno, su tematiche molto svariate che vanno dallo storica torre al centro storico oppure ai suoi bar storici, private e pubbliche. Vi assicuro che anche dopo 15 anni di attività turistica scopre sempre e costantemente qualcosa di nuovo», conclude Agnes.

Il Lockentopf, situato nella città vecchia di Aarau, è per esempio un caffè, un ristorante e un barbiere in uno. Il salone di parrucchiere si trova nel seminterrato, un piccolo bar con posti a sedere sotto il porticato al piano terra e un'accogliente area salotto con vista sulla città vecchia al piano superiore. La cucina del Lockentopf attribuisce grande importanza alla cooperazione con i partner regionali e i piatti proposto sono naturali ed originali nel contempo. Un buon indirizzo, vi assicuro.

Il mio reportage ad Aarau non finisce qui: nel prossimo articolo visiterò il museo cittadino, un luogo pieno di curiosità, e vi parlerò degli interventi e dei luoghi selezionati nell’ambito del premio Wakker. Seguitemi!

Testo a cura di Claudio Rossetti

Link utile: www.viaggirossetti.ch

www.instagram.com/viaggirossetti

ULTIME NOTIZIE VIAGGI & TURISMO