CREDIT SUISSENuovo minimo in Borsa per Credit Suisse

29.11.22 - 12:15
A mettere sotto pressione il titolo è la vendita dei diritti di sottoscrizione di nuove azioni
keystone-sda.ch (MICHAEL BUHOLZER)
Fonte Ats
Nuovo minimo in Borsa per Credit Suisse
A mettere sotto pressione il titolo è la vendita dei diritti di sottoscrizione di nuove azioni

ZURIGO - Nuovo giorno, nuovo minimo di sempre in borsa per Credit Suisse (CS), che non riesce ad arrestare il movimento al ribasso che dura ormai da una settimana: dopo essere scesa per la prima volta ieri sotto i 3 franchi, stamani intorno alle 11.00 l'azione ha segnato un ennesimo primato negativo, scendendo sino a 2,89 franchi, nell'ambito di un mercato che generalmente marcia sul posto.

A mettere sotto pressione il titolo è la vendita, da parte di molti investitori, dei diritti di sottoscrizione di nuove azioni - al prezzo di 2,52 franchi per titolo - nell'ambito del previsto aumento di capitale. Alle 11.00 di stamani quasi 50 milioni di questi diritti erano già stati scambiati, dopo che il giorno prima già ne erano stati negoziati 88 milioni. Il loro prezzo ha toccato un minimo a circa 11 centesimi.

Intanto la sfiducia dei mercati finanziari è testimoniata anche dall'aumento del costo delle coperture contro un'insolvenza della grande banca, i cosiddetti credit default swap (CDS). Secondo i dati Reuters, hanno raggiunto un nuovo massimo di 403 punti. L'ultima volta che il costo dei CDS - sorta di assicurazione anti-bancarotta - erano saliti a livelli analoghi era stato all'inizio di ottobre: all'epoca si erano diffuse sui media sociali voci riguardo a una possibile insolvenza della banca.

Martedì scorso le azioni di CS avevano chiuso la seduta a 3,70 franchi. Da allora sono in costante calo, sulla scia dell'annuncio di un'altra probabile perdita miliardaria nel quarto trimestre e dei forti deflussi di fondi dei clienti. Dall'inizio dell'anno la performance è da dimenticare: -64%.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE