Immobili
Veicoli

VAUDGli imprenditori si schierano contro i fallimenti seriali

06.10.22 - 12:26
Secondo l'associazione di categoria, la Confederazione non fa abbastanza per impedire le attività aziendali illecite.
Depositphotos (aa-w)
Fonte Ats
Gli imprenditori si schierano contro i fallimenti seriali
Secondo l'associazione di categoria, la Confederazione non fa abbastanza per impedire le attività aziendali illecite.

LOSANNA - La Federazione vodese degli imprenditori (Fédération vaudoise des entrepreneurs - FVE) ritiene che la legge svizzera non sia sufficientemente attrezzata per combattere i fallimenti seriali, un fenomeno evidenziato da un nuovo caso che sarà giudicato all'inizio del 2023. FVE si è schierata a fianco di altri querelanti e ha intrapreso un'azione legale per mancato pagamento dei contributi sociali. Questa è solo "la punta dell'iceberg", ha dichiarato il vicedirettore David Equey, in un'intervista a 24 Heures.

Due imprenditori della parte nord del cantone sono accusati di una «moltitudine» di reati: frode alle assicurazioni sociali, ma anche mancato pagamento delle imposte, dell'IVA e di alcuni fornitori. I loro dipendenti sono stati spesso assunti illegalmente e, prima del fallimento, diversi beni (locali, automobili, attrezzature) sono stati trasferiti a terzi o a un'altra società.

Gli imputati, che hanno rilevato le aziende per «una miseria», hanno potuto offrire «prezzi imbattibili, poiché non hanno pagato i contributi sociali o le tasse», ha continuato Equey. Questi imprenditori «sfruttavano l'azienda per commettere altri reati economici, poi liquidarla, comprarne una nuova e ricominciare da capo». In questo caso, rivelato a fine settembre dal giornale, decine di società sono state liquidate nell'arco di cinque anni.

Fermarli prima del fallimento
Equey, che è anche responsabile degli affari legali della FVE, ritiene che il fenomeno dei fallimenti seriali si sia accelerato negli ultimi anni con la libera circolazione delle persone con l'Unione Europea. «Manager stranieri, condannati e banditi dall'esercizio della professione nel loro Paese, a volte a vita, vengono in Svizzera per ricominciare», spiega.

A suo avviso la legge svizzera non consente di punire alcuni abusi. Il reato di amministrazione infedele esiste, ma è «molto difficile da perseguire», afferma Equey. «Per essere condannato, l'imprenditore deve aver commesso atti estremamente gravi, come gettare il denaro dalla finestra o concedersi vantaggi palesi a scapito dell'azienda», osserva.

Per il vicedirettore della FVE, la giustizia non dovrebbe intervenire solo dopo il fallimento, ma anche a monte. Dovrebbe essere possibile punire «le manovre che mettono l'azienda in una situazione d'insolvenza e ne minacciano l'esistenza», come avviene in Francia, afferma Equey.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE