Immobili
Veicoli

SVIZZERAL'inflazione resterà alta, parola di Ubs

09.08.22 - 12:18
Secondo gli analisti della banca in Svizzera la frenata arriverà solo nella seconda metà del 2023
reuters
Fonte ATS
L'inflazione resterà alta, parola di Ubs
Secondo gli analisti della banca in Svizzera la frenata arriverà solo nella seconda metà del 2023

ZURIGO - L'inflazione in Svizzera rimarrà alta: lo affermano gli economisti di UBS, che hanno corretto al rialzo le loro stime per l'anno in corso e per il 2023.

Le distorsioni sul mercato dell'energia manterranno il rincaro a un livello elevato anche nella seconda parte dell'anno, si legge in un'analisi pubblicata oggi dalla grande banca. "Non ci si può aspettare un rapido calo dell'inflazione", puntualizzano gli esperti. Per il 2022 viene così atteso oggi un incremento dei prezzi al consumo del 3,1%, contro il 2,7% pronosticato in precedenza.

Nel 2022 il tasso invece tornerà a calare, sulla scia di due tendenze: da una parte la congiuntura si farà meno dinamica, dall'altra interverrà un effetto base. UBS vede quindi il tasso di inflazione al 2,2%, un dato comunque superiore all'1,5% stimato finora. Secondo gli specialisti molto dipenderà comunque dallo sviluppo congiunturale: più difficile sarà la situazione sul mercato del lavoro, maggiormente contenute saranno le richieste salariali, anche in presenza di un'inflazione elevata.

Nella seconda metà del 2023 il rincaro dovrebbe peraltro tornare ben al di sotto del 2%. Ciò significa che la Banca nazionale svizzera (BNS) dovrebbe continuare ad aumentare il tasso guida quest'anno e all'inizio del 2023, per poi interrompere i ritocchi.

Le considerazioni di UBS arrivano a pochi giorni dagli ultimi dati sui prezzi al consumo: stando ai dati dell'Ufficio federale di statistica (UST) in luglio il rincaro è rimasto fermo al 3,4%, lo stesso valore di giugno, quando era stato registrato il tasso più alto da 30 anni a questa parte.

L'erosione del potere d'acquisto dei consumatori potrebbe inoltre essere accentuato da un drastico aumento dei premi di assicurazione malattia di base (LAMal), che secondo i risultati di uno studio diffusi nel fine settimana potrebbe arrivare a sfiorare il 10% in Ticino. Come noto per motivi metodologici i premi LAMal non rientrano nel paniere con cui l'UST calcola l'indice nazionale dei prezzi al consumo, la cui variazione annua rappresenta appunto l'inflazione: un dato, questo, che ha una grande importanza in vari ambiti, dalle negoziazioni salariali agli affitti, passando per la fissazione degli alimenti nell'ambito dei divorzi.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA