Immobili
Veicoli

SVIZZERAAxpo, i proprietari vogliono rinunciare ai dividendi

22.05.22 - 12:32
Parte della somma dovrebbe essere investita nel campo delle energie rinnovabili, ha annunciato l'azienda
IMAGO
SVIZZERA
22.05.22 - 12:32
Axpo, i proprietari vogliono rinunciare ai dividendi
Parte della somma dovrebbe essere investita nel campo delle energie rinnovabili, ha annunciato l'azienda

BERNA - I rappresentanti dei proprietari del gruppo energetico Axpo vogliono rinunciare al dividendo fino a nuovo ordine. Ritengono infatti che una parte di questa somma vada investita nell'espansione delle energie rinnovabili.

L'annuncio è stato fatto durante una riunione tenutasi venerdì, si legge in un comunicato odierno dei cantoni di Zurigo, Argovia, Sciaffusa, Glarona e Zugo, delle aziende elettriche cantonali di Zurigo (EKZ), Turgovia (EKT), della St.Gallisch-Appenzellische Kraftwerke AG (SAK) e di AEW Energie.

Oltre alla rinuncia al dividendo, i proprietari hanno manifestato l'intenzione di accelerare l'espansione delle fonti rinnovabili nazionali, investendo in progetti corrispondenti. Essi dovrebbero contribuire in modo significativo alla sicurezza dell'approvvigionamento.

In un'intervista al domenicale NZZ am Sonntag, il responsabile delle finanze del canton Zurigo Ernst Stocker ha confermato che non saranno distribuiti dividendi fino a nuovo avviso. «Il contrario sarebbe presuntuoso», ha affermato il politico dell'UDC. Stocker si aspetta inoltre che «in questi tempi turbolenti non vengano stipulati ulteriori contratti che aumentino il rischio di liquidità».

La decisione di Axpo è legata al messaggio concernente una legge urgente per il salvataggio delle aziende elettriche di rilevanza sistemica - Alpiq, BKW e Axpo appunto - in caso di crisi trasmesso mercoledì dal Consiglio federale al Parlamento. Qualora ce ne fosse bisogno, il governo è pronto a mettere sul piatto 10 miliardi di franchi per garantire la sicurezza dell'approvvigionamento. Il settore è stato confrontato in dicembre con forti impennate dei prezzi e la guerra in Ucraina non ha fatto altro che aggravare la situazione di incertezza.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA