Deposit
ULTIME NOTIZIE Economia
Francia
7 ore
Wish è stato bannato dai motori di ricerca
La decisione arriva in seguito al rilevamento di un numero ingente di prodotti non conformi alla legge e pericolosi
STATI UNITI
12 ore
Jack Dorsey non è più a capo di Twitter
Il creatore del celebre social abbandona la poltrona di Ceo sostituito dal CTO Parag Agrawal
SVIZZERA
12 ore
Black Friday, quest'anno meno acquisti rispetto al 2020
Le difficoltà di approvvigionamento possono aver pesato sul più grande evento promozionale dell'anno
SVIZZERA
16 ore
Domanda alta, offerta bassa: schizzano i prezzi di beni e servizi
I prezzi sono cresciuti, e pesano in particolare i combustibili: la benzina fa registrare un +26,3% su base annua
GIAPPONE
20 ore
Svolta green anche per Nissan: metà dei veicoli saranno elettrici
L'obbiettivo per il raggiungimento della quota green del 50% del parco veicoli è il 2030
REGNO UNITO
1 gior
Nel Regno Unito potrebbe mancare l'alcol per Natale
Un "cocktail perfetto" sta rallentando la distribuzione di superalcolici e bollicine, rendono attenti gli specialisti
SVIZZERA
3 gior
L'agricoltura svizzera? Più resistente alla crisi e sostenibile
L’Ufficio federale dell’agricoltura dà conto dell'espansione del biologico e di un aumento degli acquisti consapevoli
SVIZZERA
4 gior
SIX pensa a trasferire alcune attività all'estero
Via anche la sede principale e la direzione? «È fuori questione»
SVIZZERA
4 gior
Per molte aziende svizzere il 2022 potrebbe essere l'anno del fallimento
Lo sostiene uno studio di A&M che parla di una «bancarotta ritardata da Covid» diffusa a livello nazionale. Ecco perché
ITALIA
4 gior
L'Italia dichiara guerra alle etichette Nutriscore, interviene anche l'Antitrust
Ben l'85% dei prodotti Made in Italy verrebbe bocciato dal sistema di etichettatura che molti paesi stanno già usando.
SVIZZERA
4 gior
La domanda di personale è in forte aumento
Mancano però ingegneri, tecnici, informatici e operatori della sanità, secondo Adecco Svizzera
Cina
5 gior
Le navi mercantili cinesi sono scomparse dai radar
Una nuova legge entrata in vigore il primo novembre potrebbe essere la causa della mancanza d'informazioni
STATI UNITI
5 gior
L'usato di Michael Jordan vale sempre come l'oro
Un paio di "Nike Jordan XIII" saranno battute all'asta da Christie's. Valore stimato? Tra 300mila e 500mila dollari.
SVIZZERA
13.10.2021 - 12:250
Aggiornamento : 12:56

Zurigo è fra le città al mondo più a rischio bolla immobiliare

Sempre più case da piazzare e prezzi sempre più alti, la città sulla Limmat davanti a tutti anche per gli affitti

ZURIGO - Zurigo si trova fra le città mondiali a rischio bolla immobiliare e tra la metà del 2020 e la metà di quest'anno la situazione è ulteriormente peggiorata, secondo un'analisi di UBS. La città sulla Limmat è posizionata al quinto posto, dietro Monaco di Baviera, Hong Kong, Toronto e Francoforte.

«Il mercato si è surriscaldato e i volumi offerti sono crollati a un minimo storico», spiegano gli analisti in un comunicato odierno. In particolare gli acquirenti rischiano di pagare prezzi eccessivi rispetto ad altre regioni svizzere, a causa della forte aspettativa di un aumento dei prezzi che non è però detto che si verifichi.

Zurigo, inoltre, presenta il rapporto prezzo/locazione più elevato tra tutte le città internazionali analizzate (al di sopra anche di Hong Kong, Monaco di Baviera e Parigi) e questo rende il mercato molto vulnerabile a eventuali picchi dei tassi d'interesse.

Gli economisti della banca elvetica hanno calcolato un indice, l'UBS Global Real Estate Bubble Index, che inserisce Zurigo a 1,83 punti, cioè nella zona a rischio, che va da 1,5. L'altra città elvetica analizzata, Ginevra, ha invece un punteggio di 1,18: i prezzi sono cioè sopravvalutati (fascia da 0,5 a 1,5).

“Gonfiata” anche Ginevra dove i prezzi hanno raggiunto un massimo storico, sorpassando il precedente picco del 2013. Poiché il mercato delle locazioni è estremamente regolamentato e gli affitti sono gonfiati dall'inflazione la proprietà immobiliare rimane però ancora interessante, sostenuta da tassi ipotecari a minimi storici.

Stando agli esperti di UBS in entrambe le località elvetiche a medio termine non è comunque da prevedere a un'ampia correzione di mercato: Ginevra continua a beneficiare dalla sua relativa stabilità e dallo status internazionale, mentre Zurigo rimane estremamente interessante come luogo adatto alle aziende e sta beneficiando della solida crescita dell'occupazione.

«Nel lungo termine, tuttavia, è necessario essere cauti per entrambe le città», scrivono gli specialisti. Se i tassi d'interesse dovessero registrare una tendenza superiore e la crescita della domanda dovesse spostarsi verso i sobborghi e le periferie a causa della bassa accessibilità nei centri città, i prezzi attuali gonfiati dall'inflazione potrebbero non essere sostenibili.

Un mondo in bolla - A livello internazionale Francoforte (punteggio di 2,16), Toronto (2,02) e Hong Kong (+1,90) mostrano i livelli di rischio più elevati. Il pericolo di una bolla è sostenuto anche a Monaco di Baviera, Vancouver, Stoccolma, Amsterdam e Parigi. Tutte le città statunitensi prese in esame si trovano invece in un territorio di sopravvalutazione.

Gli squilibri nel mercato immobiliare sono elevati anche a Tokyo, Sydney, Londra, Mosca, Tel Aviv e Singapore, mentre Madrid, Milano e Varsavia presentano ancora valutazioni eque. Dubai è l'unico mercato sottovalutato e l'unica città classificata in una categoria inferiore rispetto allo scorso anno.

Da metà 2020 a metà 2021 la crescita dei prezzi immobiliari ha subito un'accelerazione a livello globale: in media la progressione si è assestata al 6% in termini rettificati per l'inflazione.

Solo quattro città (Milano, Parigi, New York e San Francisco) non hanno visto un aumento dei loro prezzi: «La pandemia da coronavirus ha relegato molte persone nelle proprie case, amplificando l'importanza dello spazio abitabile e portando a una maggiore disponibilità di pagamento per gli alloggi», afferma l'esperto di UBS Claudio Saputelli, citato nel comunicato.

La città “ha perso” durante il lockdown - Vi è un altro fenomeno interessante. La vita di città ha risentito notevolmente a causa dei lockdown: l'attività economica si è diffusa al di fuori dei centri città, verso i sobborghi (a volte distanti). Di conseguenza, per la prima volta dai primi anni 90, i prezzi degli immobili in aree non urbane sono aumentati più velocemente di quanto abbiano fatto nelle città.

Sebbene alcuni effetti possano essere transitori, secondo UBS questa inversione indebolisce la tesi dell'apprezzamento dei prezzi immobiliari quasi garantito nei centri città.

L'impatto di questo spostamento di domanda sarà probabilmente ancora più marcato nelle regioni con popolazione in stagnazione o persino in diminuzione, come ad esempio l'Europa: «Un lungo periodo di magra per i mercati immobiliari delle città appare sempre più probabile, anche se i tassi d'interesse rimangono bassi», afferma un altro specialista di UBS, Matthias Holzhey, pure citato nella nota. 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 03:53:25 | 91.208.130.89