Keystone
SVIZZERA
28.05.2021 - 13:300

«La mancanza di ospiti stranieri complica la stagione estiva»

Dati simili a quelli del 2020 per l'estate. Chiesta l'estensione della regolamentazione dei casi di rigore

BERNA - Gli alberghi svizzeri potranno tornare a respirare solamente nel 2022. È questa la conclusione dell'ultima valutazione della situazione da parte di HotellerieSuisse: a pesare è la mancanza del turismo business e dei Paesi lontani. I tassi di occupazione previsti per l’estate sono attualmente intorno allo stesso livello dell’anno scorso in tutta la Svizzera. Allo stesso tempo, anche il calo di fatturato nel settore alberghiero rimane molto alto. «Questo illustra l’urgenza dell’estensione della regolamentazione per i casi di rigore» fa sapere HotellerieSuisse. «Gli ospiti nazionali e stranieri devono inoltre avere una sicurezza di pianificazione con l’allentamento delle norme di viaggio e di quarantena».

In tutta la Svizzera, i tassi di occupazione durante le vacanze estive non saranno superiori a quelli del 2020. Se si aggiungono i tassi di occupazione di luglio 2019, «è chiaro che la ripresa del turismo ha ancora molta strada davanti a sé». 

Tassi di occupazione - Secondo la valutazione della situazione attuale, i tassi di occupazione previsti per i mesi da giugno ad agosto sono in media del 48% a livello nazionale (rispetto al 2019: 72%). Ciò corrisponde a un calo di circa un quarto. Considerando i singoli mesi, i tassi di occupazione per il mese di giugno 2021 in alcuni casi sono notevolmente inferiori a quelli del 2019 sia nelle regioni alpine sia in quelle urbane. In particolare, l’attuale tasso medio di occupazione nel settore alberghiero cittadino rispetto al 2019 è «drammatico» (39% rispetto all’81%).  Anche a luglio – nonostante le vacanze estive – ci si aspettano in parte perdite massicce. Il tasso di occupazione medio previsto in agosto è del 58% nella regione alpina. Nel 2019, l’occupazione era ancora del 70%. Anche quest’anno le aree urbane si aspettano un’occupazione massicciamente inferiore in agosto. Finora, il livello di prenotazione è pari a quello dell’anno scorso (2021: 46%, 2020: 45%) e ben al di sotto dei tassi di occupazione pre-pandemia (2019: 75%). La maggior parte degli ospiti nazionali continuerà a fare vacanze in Svizzera anche quest’anno. Tuttavia, se la situazione lo permette, c’è anche da aspettarsi che i cittadini svizzeri si rechino sempre più spesso all’estero. Inoltre, mancano ancora ospiti importanti da mercati lontani.

Vacanze di primavera con perdite elevate - Almeno il 36% di tutte le aziende svizzere subisce perdite superiori al 40% durante le vacanze di primavera. Tra gli alberghi di città, addirittura il 50% mostra una perdita del 40% o più, il 18% ravvisa una perdita ben del 70% o più. A livello nazionale, il calo del fatturato nel settore alberghiero rimane quindi a un livello molto alto. Prendendo in considerazione la stagione invernale nel suo complesso (da novembre 2020 ad aprile 2021), il 61% delle aziende ha registrato perdite di oltre il 40%, nel settore alberghiero di città addirittura l’83% delle strutture. In media, questo corrisponde a perdite di più di un milione di franchi per azienda, e nel settore alberghiero cittadino di poco meno di 1,5 milioni. 

L’indagine è stata eseguita da HotellerieSuisse dal 17 al 20 maggio 2021. In questo lasso di tempo, circa 380 dei soci di HotellerieSuisse hanno risposto a varie domande sull’attuale situazione.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-24 16:32:17 | 91.208.130.86