Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
CANTONE
1 gior
L'importanza della frutta e verdura ticinesi vista da... chi la mangia
Presentata “Ticino a te” la nuova campagna del Ccat perché «Siamo quello che mangiamo...»
SVIZZERA
1 gior
Il Ceo di Axpo avverte: «Rischio di carenza di elettricità in inverno»
Il fatto che metà del parco nucleare francese sia attualmente fuori servizio complica ulteriormente le cose
SVIZZERA
2 gior
Arranca il mercato delle auto, ma non di ibride ed elettriche
La crisi dell'auto? Colpa del Covid e della difficoltà a trovare chip. Multe agli automobilisti per 35,8 milioni.
SVIZZERA
2 gior
Gli svizzeri acquistano sempre di più sulle piattaforme online straniere
La Svizzera fa capolino anche nella top ten dei Paesi che più riescono a vendere all'estero
STATI UNITI
3 gior
I magazzini di Amazon rischiano di restare vuoti
Entro il 2024 l'e-commerce potrebbe esaurire tutte le sue possibili risorse lavorative americane
STATI UNITI
3 gior
Stop alla nicotina nelle sigarette
L'amministrazione Biden vuole ridurre la sostanza di modo che non crei più dipendenza e che quindi meno persone muoiano
SVIZZERA
4 gior
Ecco l'identikit della casa ideale per gli svizzeri
Sempre più giovani sognano di comprare un immobile, ma in pochi ci riescono a causa dei criteri di finanziamento
STATI UNITI
4 gior
Il figlio di Elon Musk cambia cognome per troncare qualsiasi legame
Stando a TMZ Xavier avrebbe anche avviato la procedura per cambiare genere
MONDO
4 gior
Tutti stregati dagli Nft: vero investimento o bolla?
Cosa si nasconde dietro la sigla che sta rivoluzionando il mercato delle aste
SVIZZERA
02.02.2021 - 09:050
Aggiornamento : 10:33

Vetture nuove in picchiata: peggior gennaio del millennio

Showroom chiusi e riluttanza a comprare un'auto online pesano sulle vendite

BERNA - Anche il 2021 è cominciato male per chi vende automobili: in gennaio sono state immatricolate 15'130 vetture nuove, con un calo del 19,5% su base annua. Si tratta del peggior mese di gennaio del nuovo millennio, sottolinea l'associazione degli importatori Auto-Svizzera.

In un comunicato odierno l'organismo attribuisce la flessione alla chiusura delle aree espositive dei concessionari, provvedimento adottato dall'autorità federale per far fronte alla pandemia di coronavirus. «Insieme all'Unione professionale svizzera dell'automobile (UPSA) e all'Unione svizzera arti e mestieri (USAM) abbiamo scritto al Consiglio federale chiedendo che ci venga permesso di riprendere la nostra attività negli showroom», afferma Christoph Wolnik, portavoce di Auto-Svizzera, citato nella nota.

«Naturalmente al più tardi dopo la prima ondata dell'epidemia l'industria automobilistica ha imparato come si possono organizzare senza contatti i giri di prova e le consegne dei veicoli. Deve però essere ancora possibile mostrare un'auto in un ambiente con un massimo di cinque persone e condurre un breve colloquio di vendita, in cui è compresa anche una possibile offerta di permuta per un veicolo esistente».

Wolnik sottolinea che molti clienti sono ancora riluttanti a comprare una vettura online: «Quando si opta per un acquisto importante come un'auto nuova, la stragrande maggioranza vuole ancora fare un giro di prova e porre domande al personale di vendita, il che appare comprensibile». Questo vale naturalmente anche per i gestori di flotte aziendali, i cui ordini rappresentano circa la metà del mercato delle auto nuove.

Tornando a gennaio e scendendo nei dettagli si conferma la crescita dei propulsori alternativi, le cui vendite salgono di quasi il 50%. Inoltre la quota di mercato di auto elettriche, ibride, a gas o a idrogeno è salita al 35%, superiore quindi al 28% di tutto il 2020.

«La trazione elettrica continuerà certamente a crescere nel 2021, anche se non così fortemente come l'anno scorso», prevede Wolnik. Uno dei motivi è il numero inferiore di nuovi modelli rispetto al 2020. «Probabilmente non vedremo un raddoppio del numero di unità elettriche come è stato il caso l'anno scorso, ma osserveremo un ulteriore aumento della quota di mercato, verso il 20%».

Complessivamente nel 2021 Auto-Svizzera si aspetta 270'000 nuove immatricolazioni, un incremento del 14% rispetto all'anno precedente. A patto però che vengano limitati gli effetti economici negativi del Covid-19.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Per forza, non possono venderle perché, almeno il mio, è in pratica chiuso !!
francox 1 anno fa su tio
L'auto per andare dove?
F/A-19 1 anno fa su tio
@francox Devi pensare che per tanti l’auto è assolutamente indispensabile, io per esempio ho da raggiungere tutti i giorni luoghi di lavoro per verifiche logistiche, riunioni, misurazioni, servizi ai cantieri, movimentazioni macchinari, assistenza ai clienti ecc, i cantieri vanno avanti ancora con l’impiego umano, chi sta dietro ad un computer invece potrebbe benissimo essere sostituito dal cinese di turno, prima o dopo ci arriveremo, purtroppo!
Tato50 1 anno fa su tio
@francox Contro una Chiesa e ammazzare il piccolo di 13 mesi di mia figlia ;-((((((
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 01:29:56 | 91.208.130.89