keystone-sda.ch / STF (Evan Vucci)
Sulla Cina Biden si mostra in continuità con Trump.
STATI UNITI
04.06.2021 - 08:290
Aggiornamento : 11:12

Perché gli investitori Usa devono lasciar perdere 59 aziende cinesi

Joe Biden ha firmato un ordine esecutivo che segue la strada tracciata da Donald Trump.

La replica cinese: gli Usa hanno «abusato del potere nazionale».

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato un ordine esecutivo che stabilisce che gli investitori Usa (singoli o imprese) non possono avere a che fare con 59 aziende cinesi, che si ritiene abbiano rapporti stretti con l'esercito di Pechino.

Si tratta di un inasprimento della politica varata dall'amministrazione Trump, a dimostrazione di come - almeno sul tema Cina - ci sia una certa continuità nella posizione di Washington. La lista nera aveva, a suo tempo, fatto notevolmente arrabbiare Pechino e creato agitazione sui mercati. 

Le aziende coinvolte - Oltre a Huawei e alle tre principali compagnie telefoniche cinesi (China Mobile, China Telecommunications e China Unicom), già messe all'indice ai tempi di Trump, la Casa Bianca ha inserito società sussidiarie e affiliate di aziende di proprietà statale. 

Varie fanno parte del settore della difesa: su tutte Aviation Industry Corporation of China, un conglomerato di società che opera nell'aeronautica e a stretto contatto con l'esercito. Poi c'è Hikvision: la società produce telecamere di sorveglianza e tecnologie per il riconoscimento facciale che potrebbero essere state usate, secondo vari esperti internazionali, nella repressione della minoranza uigura nello Xinjiang.

In cosa consiste l'ordine esecutivo - L'ordine esecutivo impedisce ai soggetti americani d'investire in quelle società, con un periodo di tolleranza di 60 giorni prima dell'avvio delle sanzioni. C'è tempo quindi fino al 2 agosto per chi si trovasse alle prese con un'iniezione di capitale in quelle aziende. Mentre chi si trovasse da tempo a essere partner di un'impresa da "lista nera" ha un anno per disinvestire.

La replica cinese - Washington ha ampliato «il concetto di sicurezza nazionale, ha abusato del potere nazionale e ha limitato senza scrupoli le società cinesi, ma la Cina si oppone con forza a tutto ciò». La replica di Pechino è stata affidata al portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin, il quale ha aggiunto che la Cina «adotterà le misure necessarie per salvaguardare con fermezza diritti e interessi legittimi delle sue imprese».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 06:39:52 | 91.208.130.89