Keystone
STATI UNITI
04.04.2021 - 08:140

Autisti costretti a fare la pipì nelle bottiglie, Amazon chiede scusa

Il colosso inizialmente aveva negato la problematica. Solo in un secondo momento ha ritrattato

WASHINGTON - Amazon ha chiesto scusa a un deputato del partito democratico americano Marc Pokan che ha accusato il colosso fondato a Jeff Bezos di costringere i suoi autisti a urinare nelle bottiglie di plastica pur di fare in fretta nella consegna delle merci.

Dopo aver respinto seccamente per settimane le affermazioni del membro del Congresso, la società alla fine ha ammesso la sua responsabilità, sottolineando come aver negato sia stato «un autogol».

Tutto nasce da un tweet di Pocan: «Retribuire i dipendenti con 15 dollari l'ora non vuol dire che si tratti di un posto di lavoro all'avanguardia, soprattutto se li costringi a fare la pipì nelle bottiglie di plastica», aveva postato il deputato, riferendosi alla cifra a cui in America i democratici vorrebbero portare il salario minimo.

«Sappiamo - ha ammesso Amazon in una nota postata su un blog - che a volte i nostri guidatori possono avere problemi nel trovare la toilette a causa del traffico o a volte perché percorrono strade in zone rurali, e questo specialmente nel periodo della pandemia quando molti bagni pubblici sono stati chiusi». Una risposta ben differente dalla prima reazione al tweet di Pocan in cui Amazon aveva ironizzato: «Veramente crede che facciano la pipì nelle bottiglie? Se fosse così nessuno lavorerebbe per noi».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-24 09:24:24 | 91.208.130.89