Keystone
ITALIA
27.10.2021 - 15:300

Il DDL Zan si arena in Senato, accantonato il voto

La proposta di accantonare il voto di legge è passata con 154 favorevoli, 131 contrari e 2 astenuti

Alessandro Zan ha parlato di «tradimento» da parte di coloro che hanno deciso di seguire «le sirene sovraniste»

ROMA - Si è oggi fermato al Senato l'iter del disegno di legge contro l'omotransfobia, definito DDL Zan. Il voto per l'approvazione del testo è infatti stato accantonato in quanto è stata approvata una richiesta presentata da Lega e Fratelli d'Italia, che hanno chiesto di procedere con il "non passaggio all’esame degli articoli".

L'opzione, che era stata recentemente definita "tagliola", è passata con 154 favorevoli, 131 contrari e 2 astenuti. Visto l'esito del voto segreto rispetto alle volontà espresse pubblicamente, il primo firmatario e deputato del PD Alessandro Zan ha parlato di un «tradimento» da parte di chi «ha deciso di seguire i sovranisti». Sulla carta, infatti, il centrosinistra avrebbe dovuto avere la meglio.

Sebbene il centrodestra abbia dichiarato di essere disposto a negoziare ancora e raggiungere un compromesso, la situazione non appare rosea per il PD e gli altri promotori, che sostengono che il voto odierno abbia compromesso l'approvazione della legge.

Il Disegno di legge, lo ricordiamo, interviene contro discriminazioni e violenze per orientamento sessuale, genere, identità di genere e abilismo. Era stato approvato dalla Camera lo scorso novembre, per poi bloccarsi in Senato visti gli attriti di alcune frange ostruzioniste. La legge ha provocato questi giorni un ampio dibattito tra il PD e un fronte composto da Lega e Fratelli d'Italia. I primi chiedevano il mantenimento del testo originale, altri, invece, chiedevano la rimozione di alcuni punti contesi (tra cui la definizione di identità di genere e l'istituzione di una giornata nazionale contro l'omotransfobia).

In ogni caso, in seguito al voto odierno, bisognerà ricominciare da zero.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 mese fa su tio
Bene!! Ogni tanto i politici ragionano con il cervello. Bella notizia 👏🏻👏🏻👏🏻
emib53 1 mese fa su tio
@seo56 Grazie dell'informazione, non sapevo di politici che avessero il cervello dietro e in basso!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 16:17:22 | 91.208.130.87