keystone-sda.ch
L'incontro tra Joseph Borrell e Serghiei Lavrov.
UNIONE EUROPEA / RUSSIA
07.02.2021 - 21:400
Aggiornamento : 23:08

«Mosca rifiuta il dialogo»

L'Alto rappresentante dell'Ue, Joseph Borrell, si è detto preoccupato dopo il suo incontro con il ministro Lavrov

MOSCA - «La mia visita a Mosca ha evidenziato che la Russia non vuole cogliere l'opportunità di avere un dialogo più costruttivo con l'Ue. Questo è deplorevole e dovremo trarne le conseguenze». Lo scrive su Twitter l'Alto rappresentante dell'Unione europea per la politica estera, Josep Borrell, reduce da una missione in Russia durante la quale Mosca ha espulso dei diplomatici europei.

«A volte, la discussione con la mia controparte russa», il ministro degli esteri Serghiei Lavrov, «ha raggiunto alti livelli di tensione, poiché ho chiesto il rilascio immediato e incondizionato di Navalny, nonché un'indagine completa e imparziale sul suo tentativo di assassinio», scrive Borrell in una nota.

«Purtroppo, proprio alla fine del nostro incontro, abbiamo appreso attraverso i social media dell'espulsione di tre diplomatici dell'Ue con accuse infondate. Ho chiesto al ministro Lavrov di revocare questa decisione, ma inutilmente», prosegue l'Alto rappresentante, aggiungendo di non aver potuto incontrare l'oppositore russo in carcere perché «sotto processo durante la mia visita».

«Sono tornato a Bruxelles con profonde preoccupazioni per le prospettive di sviluppo della società russa e per le scelte geostrategiche della Russia. Il mio incontro con il ministro Lavrov e i messaggi inviati dalle autorità russe durante questa visita hanno confermato che l'Europa e la Russia si stanno allontanando. Sembra che la Russia si stia progressivamente scollegando dall'Europa e consideri i valori democratici come una minaccia esistenziale».

Borrell ha pure annunciato che discuterà con i ministri degli esteri delle relazioni con Mosca e di possibili sanzioni per le violazioni dei diritti umani. «Come sempre, spetterà agli Stati membri decidere i prossimi passi, e sì, questi potrebbero includere sanzioni», scrive Borrell nella nota, ricordando che i 27 hanno a disposizione anche «un altro strumento in tal senso, grazie al regime di sanzioni per i diritti umani recentemente approvato».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 3 mesi fa su tio
Sarebbe forse giunto il momento di smetterla di minacciare e ricattare. Forse l'UE ha dimenticato quando ha messo i veti di fornitura e commercio verso la Russia. Che poi davanti ad un diniego russo , vada a proporre nuove sanzioni, siamo al livello di Trump: o fai quello che ti dico io, oppure ti boicotto. UE fallimentare anche in questo.
Equalizer 3 mesi fa su tio
Borrell è un altro di quei sauri con il cervello fermo alla guerra dei russi con l'Afghanistan, probabilmente sui sui documenti scrive ancora CCCP
Meck1970 3 mesi fa su tio
Non mi pare che l'UE sia un esempio.
seo56 3 mesi fa su tio
Fino a quando al potere ci sarà il nano criminale con la Russia ogni dialogo é inutile..
Moga 3 mesi fa su tio
La solita menata russofoba per procedere con le sanzioni
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-10 06:09:09 | 91.208.130.89