Immobili
Veicoli
Semina morte in un asilo nido, uccide la famiglia e si toglie la vita

THAILANDIASemina morte in un asilo nido, uccide la famiglia e si toglie la vita

06.10.22 - 10:21
Un 34enne, ex agente di polizia, armato di pistola ha fatto irruzione nell'edificio per poi uccidersi
Boonsom/Handout via REUTERS
Semina morte in un asilo nido, uccide la famiglia e si toglie la vita
Un 34enne, ex agente di polizia, armato di pistola ha fatto irruzione nell'edificio per poi uccidersi

NONG BUA LAM PGHU - Follia in Thailandia. Almeno 35 persone sono morte, compresi più di 20 bambini di due anni, dopo che un uomo armato di fucile, pistola e coltello ha fatto irruzione in un asilo nido nel nord-est del Paese. Altre 12 persone sono rimaste ferite durante la sparatoria, otto delle quali sono state trasportate in ospedale d'urgenza. 

Achayon Kraithong, portavoce della polizia nazionale, ha dichiarato alla France Presse che l'attacco è avvenuto nella provincia di Nong Bua Lam Phu. Secondo le prime informazioni della polizia tra le vittime figurano almeno 25 bambini, d'età compresa tra i due e i tre anni.

La tragedia - L'attacco sarebbe iniziato alle 12.30 ora locale. L'uomo ha poi ucciso la sua famiglia, la moglie e il figlio, e si è tolto la vita. Durante la fuga in auto avrebbe ancora investito diversi pedoni. Lo ha riferito il colonnello Jakkapat Vijitraithaya aggiungendo che i bambini uccisi nell'asilo nido avevano tra i due e i tre anni.

Jidapa Boonsom, un funzionario distrettuale, ha detto all'agenzia Reuters che l'uomo ha iniziato a sparare contro i primi cinque insegnati vicino all'ingresso dell'edificio. «All'inizio la gente pensava che fossero fuochi d'artificio», ha aggiunto. I video pubblicati sui social media mostravano i corpi di bambini in pozze di sangue al centro della città di Uthai Sawan.

L'assassino, il 34enne Panya Kamram, era un ex poliziotto che era stato licenziato l'anno scorso per essere risultato positivo a un test-antidroga, rivelano i media thailandesi, aggiungendo che l'uomo aveva un problema di dipendenza da metanfetamine. Il processo contro l'ex agente sarebbe dovuto iniziare proprio domani.illole di anfetamina. 

Le condoglianze - Il primo ministro Prayuth Chan-ocha si è detto scioccato per l'accaduto e ha espresso il suo cordoglio per i parenti delle vittime attraverso un post su Facebook. «Le mie più sentite condoglianze alle famiglie in lutto. Tutti i servizi di urgenza della polizia e dei soccorsi medici disponibili si trovano ora sul luogo della tragedia per soccorrere i feriti». 

Il tasso di possesso di armi in Thailandia è elevato rispetto ad altri Paesi della regione. Eppure i dati ufficiali non includono un numero enorme di armi illegali, molte delle quali sono state introdotte attraverso in Thailandia grazie ai pochi controlli ai confini.

Mai così tante vittime - Si tratta della sparatoria di massa che ha causato più vittime della storia del Paese. I fatti di oggi ricordano quanto accaduto l'8 febbraio del 2020, quando un soldato ha aperto il fuoco in un centro commerciale, nella località di Nakhon Ratchasima, uccidendo 29 persone.

Seguono aggiornamenti

NOTIZIE PIÙ LETTE