Immobili
Veicoli

UCRAINAUn altro giorno di guerra: SEGUI IL LIVE

11.08.22 - 06:57
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si è espresso sulla possibile conclusione del conflitto armato.
keystone-sda.ch / STF
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si è espresso sulla possibile conclusione del conflitto armato.

Non è ancora stata chiarita l'origine del bombardamento che ha colpito una base aerea russa in Crimea lunedì sera. Ma, in un'occasione più unica che rara, il Cremlino ha riportato il numero delle persone rimaste coinvolte nell'incidente: si tratterebbe di un morto e di 13 feriti.

Nel frattempo Mosca continua ad accusare Kiev dell'attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia di alcuni giorni fa, tant'è che mercoledì ha chiesto una riunione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

Stando all'azienda di Stato ucraina Energoatom Mosca si starebbe preparando a collegare la centrale alla Crimea. «Il piano è di danneggiare le linee della centrale nucleare e di togliere il collegamento al sistema elettrico ucraino».

22:01

Il direttore generale dell'Aiea vuole andare a Zaporizhzhia
Il direttore generale dell'Aiea, Rafael Grossi, ha detto alla riunione del Consiglio di Sicurezza Onu sull'Ucraina che intende guidare una missione per ispezionare la centrale per corroborare le informazioni che hanno ricevuto e fornire una valutazione indipendente del rischio. Inoltre, ha ribadito che «le azioni militari devono fermarsi» perché possono portare serie conseguenze. La riunione è stata chiesta dalla Russia che accusa le forze armate ucraine di recenti attacchi alla centrale di Zaporizhzhia. (Fonte ats)

21:57

I danni che gli ucraini avrebbero fatto alla centrale
«La centrale termica e i serbatoi d'acqua del sistema di raffreddamento del reattore della centrale di Zaporizhzia sono stati parzialmente danneggiati dai raid ucraini»: lo affermano fonti militari russe, secondo quanto riferisce la Tass. (Fonte ats)

17:58

Per gli Ucraini, «danni a Zeporizhzhia»
I bombardamenti russi contro la centrale nucleare di Zaporizhzhia hanno danneggiato «diversi sensori di rilevamento delle radiazioni». Lo ha dichiarato l'agenzia nucleare ucraina su Telegram. Energoatom ha aggiunto che i nuovi raid hanno colpito una zona vicino a uno dei sei reattori dell'impianto controllato dai russi e che c'era «un fumo esteso». E «diversi sensori di radiazioni sono danneggiati».

17:55

Più 1,5 miliardi per l'Ucraina
I Paesi che partecipano alla conferenza dei donatori alleati dell'Ucraina in corso a Copenaghen ("#CopenaghenUcraina2022") metteranno a disposizione di Kiev 1,5 miliardi di euro: lo ha detto oggi il ministro della Difesa danese, Morten Bodskov,. Lo riporta la Tass. Bodskov ha aggiunto che alcuni Paesi hanno promesso che discuteranno la questione in un secondo tempo, sottolineando che l'ammontare delle donazioni potrebbe quindi aumentare. I fondi, ha precisato, saranno utilizzati per la produzione e l'acquisto di armi, l'addestramento dei militari ucraini e le operazioni di sminamento. (Fonte ats)

17:48

Turco estradato, era sulla lista di Erdogan?

L'uomo, condannato per truffa, è il primo a essere consegnato dopo il via libera per l'entrata nella Nato

Apri articolo

17:24

McDonald's si prepara a riaprire in Ucraina
McDonald's si sta preparando a riaprire alcuni ristoranti in Ucraina dopo la chiusura seguita all'invasione da parte della Russia a febbraio. Lo riporta Bloomberg. La più grande catena di fast food al mondo inizierà nei prossimi mesi a rifornire i partner locali con i suoi prodotti, preparare i negozi e riportare i dipendenti nel Paese, si legge in una nota dove non viene precisata una data ufficiale per la riapertura. I locali si trovano tutti a Kiev e nell'Ucraina occidentale, dove anche altre imprese hanno ricominciato la loro attività. (Fonte ats)

17:20

Livelli Zaporizhzhia «nella norma»
Il livello di radioattività dell'impianto nucleare ucraino di Zaporizhzhia è «normale» dopo gli attacchi odierni: lo afferma su Telegram il capo dell'amministrazione civile-militare della regione dell'Ucraina meridionale controllata dalla Russia, Yevgeny Balitsky. «Al momento non è stata rilevata alcuna contaminazione nella centrale e il livello di radioattività è normale», ha scritto Balitsky. Come è noto, Kiev e Mosca si accusano a vicenda di aver compiuto gli attacchi. (Fonte ats)

16:29

Per gli ucraini sono stati i russi
Nuovo scambio di accuse tra russi e ucraini sui bombardamenti alla centrale di Zaporizhzhia. L'ente nazionale per l'energia, Energoatom, ha denunciato cinque raid russi nei pressi di un deposito di sostanze radioattive. Proprio prima analoga accusa era stata mossa dai filo-russi che controllano l'area. Per l'ente ucraino in ogni caso «al momento la situazione è sotto controllo» e le «informazioni che lo staff sia fuggito sono un fake». (Fonte ats)

16:09
keystone-sda.ch / STF
16:06

Si starebbero verificando nuovi attacchi su Zaporizhzhia
Funzionari filo-russi hanno denunciato che l'Ucraina ha effettuato nuovi attacchi verso la centrale nucleare di Zaporizhzhia. «Le forze armate ucraine hanno sottoposto per la seconda volta in un giorno il territorio della centrale nucleare di Zaporozhzhia e la città di Energodar a massicci bombardamenti», ha riferito Vladimir Rogov, membro del consiglio dell'amministrazione militare-civile della regione sotto controllo russo. «Cinque missili sono stati registrati nell'area dell'ufficio del responsabile della centrale. Altri cinque missili sono stati registrati vicino alla caserma dei pompieri, non lontano dall'impianto», ha scritto nel suo canale Telegram, come riporta la Tass. (Fonte ats)

15:44

I cereali hanno trovato un acquirente
Il carico di 26 mila tonnellate di cereali trasportati dalla prima nave partita dall'Ucraina dopo l'invasione della Russia è stato venduto in Turchia dopo essere stato rifiutato dall'acquirente originale in Libano. Lo rende noto la stampa locale citando l'agente per le spedizioni della nave partita il primo di agosto da Odessa, la prima a trasportare cereali dai porti dell'Ucraina dopo lo sblocco delle esportazioni in seguito all'accordo tra Ankara, Mosca, Kiev e Onu. (Fonte ats)

15:43

«Prove» contro la Russia a Zaporizhzhia
L'Ucraina ha fornito all'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) e alle Nazioni Unite prove delle violazioni dei principi di sicurezza nucleare da parte dei russi nella centrale nucleare di Zaporizhzhia e ha chiesto l'invio urgente di una missione internazionale composta da specialisti dell'AIEA ed esperti militari delle Nazioni Unite. Lo ha affermato il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba durante un briefing con la stampa, riferisce Ukrinform. (Fonte ats)

13:58

Guterres chiede a Mosca e Kiev di fermare le operazioni militari a Zaporizhia
«Invito le forze militari di Russia e Ucraina a cessare immediatamente tutte le attività militari nelle immediate vicinanze dell'impianto di Zaporizhzhia. Esorto le parti a ritirare dall'impianto tutto il personale e le attrezzature militari e ad astenersi da qualsiasi ulteriore dispiegamento di forze o attrezzature sul sito». È l'appello del segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres. «La struttura non deve essere utilizzata come parte di alcuna operazione militare - ha aggiunto - Occorre invece un accordo urgente a livello tecnico su un perimetro sicuro di smilitarizzazione per garantire la sicurezza dell'area». (fonte ats)

13:44

Niente blocco dei visti ai russi, auspica Mosca
La Russia si aspetta che il buon senso impedisca all'Ue di procedere con l'idea di vietare i visti d'ingresso ai cittadini russi. Lo ha detto il rappresentante permanente della Federazione russa presso l'Unione europea, Vladimir Chizhov, citato dalle agenzie russe. «Altrimenti assisteremo all'autoisolamento dell'Ue dal resto del mondo», ha aggiunto. (fonte ats)

12:55

In fiamme una base militare alle porte di Mosca
Un incendio è scoppiato in una unità militare nella città di Dolgoprudny, vicino a Mosca. oggi il Ministero delle Emergenze ha dichiarato che l'incendio si è esteso su 1.200 metri quadrati. I pompieri hanno ricevuto una chiamata che segnalava le fiamme in un edificio residenziale al numero 33 di via Vostochnaya. Una fonte dei servizi di emergenza ha dichiarato alla Tass che si trattava dell'indirizzo di un'unità militare. (fonte ats)

11:10

"Russia stato sponsor del terrorismo", la risoluzione lettone
Il Parlamento della Lettonia ha adottato una risoluzione con cui dichiara la Russia "Stato sponsor del terrorismo" e secondo la quale le sue azioni in Ucraina costituiscono «un genocidio mirato contro il popolo ucraino». Nel testo i parlamentari invitano altri Paesi a esprimere la stessa posizione. (fonte ats)

09:18

Esplosioni in un aeroporto bielorusso
Esplosioni e fiammate sono state registrate la scorsa notte all'aeroporto di Zyabrovka in Bielorussia. Lo riportano i media ucraini. Secondo il servizio stampa del Ministero della Difesa bielorusso «il 10 agosto, intorno alle 23, durante un giro di prova un veicoli dopo la sostituzione del motore ha preso fuoco. Le misure antincendio sono state tempestivamente adottate dal personale. Non ci sono state vittime». In precedenza, il ministero ha riferito sullo svolgimento di esercitazioni di difesa aerea e dell'aviazione con fuoco vivo, «ma non è noto se siano legate agli focolai nell'area di Zyabrovka», afferma Unian. (fonte ats)

08:23

Ancora bombe nella notte a Nikopol
Notte di bombardamenti russi nella regione dell'Ucraina orientale di Dnipropetrovsk: due persone sono state uccise a Nikopol, sette i feriti. Il capo dell'amministrazione militare regionale Valentyn Reznichenko lo ha annunciato su Telegram. «Una notte con bombardamenti e vittime. L'esercito russo ha attaccato quattro distretti della regione. Nikopol è stata bombardata più volte, due persone sono state uccise, sette ferite. Più di 40 edifici sono stati danneggiati, cinque gli appartamenti distrutti. I soccorritori stanno ancora lavorando. Il linea elettrica è stata interrotta. Più di 6.000 persone sono senza elettricità», ha detto. Ieri nel distretto sono state contate 13 vittime civili in seguito agli attacchi russi. (fonte ats)

08:17

La versione russa di Olenivka? «Un'invenzione»
«La versione russa sull'attacco del 29 luglio alla prigione di Olenivka in cui sono morti oltre 50 prigionieri di guerra ucraini, per la maggior parte del battaglione Azov, è molto probabilmente un'invenzione». È la conclusione di un'inchiesta della Cnn basata sull'analisi di video e fotografie, immagini satellitari, e sul lavoro di esperti forensi e di armi. Secondo gli specialisti la mancanza di accesso rende impossibili conclusioni definitive, ma la maggior parte dei segnali indica che nel centro di detenzione c'è stato un incendio intenso e, secondo diversi testimoni, non si è sentito il rumore di un razzo in arrivo. (fonte ats)

08:15
keystone-sda.ch / STRIl carcere di OIenivka.
07:32

Il bilancio dell’attacco alla base russa in Crimea 
Almeno otto aerei da guerra russi sono stati danneggiati o distrutti nell'attacco alla base aerea di Saky in Crimea di due giorni fa: lo mostrano immagini satellitari riprese dall'operatore privato Planet Labs. I media internazionali pubblicano le foto di prima e dopo l'attacco mostrando la prima conferma indipendente dei danni alla base che si trova a più di160 chilometri dalla prima linea. Finora Kiev ha ufficialmente negato la responsabilità dell'attacco. Mosca ha minimizzato negando che qualsiasi aereo sia stato danneggiato e ammettendo solo che «diverse munizioni sono esplose» in un'area di stoccaggio presso la struttura. (fonte ats)

07:10

Zelensky promette vendetta per l’attacco a Dnipropetrovsk
Più perdite subiranno gli occupanti russi, prima gli ucraini saranno in grado di liberare la propria terra e garantire la sicurezza dell'Ucraina: lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo consueto discorso in video serale, riferisce Ukrinform. «Le forze armate ucraine, la nostra intelligence e le nostre forze dell'ordine non lasceranno senza risposta l'odierno bombardamento russo della regione di Dnipropetrovsk. Tredici persone sono morte a causa dell'attacco degli occupanti a Marhanets. Più di dieci sono feriti, cinque sono in gravi condizioni», ha detto. «Questa è una domanda che preoccupa assolutamente tutti: quando finirà la guerra? Qualcuno dice mesi, qualcuno un anno, qualcuno anche di più. Ma la questione in realtà dipende direttamente dalle perdite che la Russia subirà», ha concluso il presidente ucraino. (fonte ats)

06:56
reuters
06:54

Offensiva ucraina nel Donetsk
La repubblica del Donetsk ha annunciato che ieri sera le truppe ucraine hanno attaccato una fabbrica di birra nel distretto di Kalininsky a Donetsk, causando una perdita di ammoniaca. Il bilancio dell’attacco è ancora incerto. Secondo le prime informazioni 32 persone si trovavano nell'impianto al momento del presunto attacco, almeno una è rimasta uccisa e altre due sono rimaste ferite. (fonte Rainews)