Immobili
Veicoli

STATI UNITICovid, nuove prove incolpano il mercato di Wuhan

26.07.22 - 18:38
Sono stati pubblicati i risultati di un nuovo studio che tendono a confermare il luogo dove è partita la pandemia.
Imago
Fonte ATS
Covid, nuove prove incolpano il mercato di Wuhan
Sono stati pubblicati i risultati di un nuovo studio che tendono a confermare il luogo dove è partita la pandemia.

WASHINGTON - «I nostri risultati forniscono la prova che il mercato di Wuhan è stato il primo epicentro della pandemia di Covid-19 e suggeriscono che SarsCoV2 è probabilmente emerso dal commercio di fauna selvatica in Cina». Sono questi i risultati di uno studio internazionale appena pubblicato su Science che sembra mettere la parola fine alla diatriba sull'origine dalla pandemia.

Lo studio ha ricostruito le prime fasi della pandemia, concentrandosi sulla distribuzione dei primi casi noti nell'uomo, di quelli nei mammiferi sensibili a SarsCoV2 e collegandoli a campioni positivi prelevati nell'ambiente, per esempio le gabbie. Tutte le ricostruzioni riconducevano al Huanan Seafood Wholesale Market di Wuhan, anche se «gli eventi a monte del mercato, così come le circostanze esatte all'interno mercato, rimangono oscuri», precisano i ricercatori.

Un secondo studio, pubblicato in contemporanea sulla stessa rivista ha ricostruito, invece, l'albero genealogico di SarsCoV2 risalendo ai primi due lignaggi del virus. Il cammino genetico a ritroso dei ricercatori è riuscito a concludere che il virus SarsCoV2 è stato probabilmente trasferito per la prima volta dall'animale all'uomo tra il 23 ottobre e l'8 dicembre 2019 (probabilmente intorno al 19 novembre) e una seconda volta nelle settimane successive.

«Questi risultati indicano che è improbabile che SarsCoV2 sia circolato ampiamente negli esseri umani prima di novembre 2019 e definiscono la finestra stretta tra quando SarsCoV2 si è trasferito per la prima volta negli esseri umani e quando sono stati segnalati i primi casi di Covid-19».

NOTIZIE PIÙ LETTE