Immobili
Veicoli
«Al punto di partenza sono rimaste 16 automobili che nessuno è andato a riprendere»

ITALIA«Al punto di partenza sono rimaste 16 automobili che nessuno è andato a riprendere»

04.07.22 - 08:43
La procura di Trento ha aperto un fascicolo per disastro colposo. Il grande caldo potrebbe essere il responsabile
AFP
«Al punto di partenza sono rimaste 16 automobili che nessuno è andato a riprendere»
La procura di Trento ha aperto un fascicolo per disastro colposo. Il grande caldo potrebbe essere il responsabile

CANAZEI - C'era una temperatura di 10 gradi sulla vetta della Marmolada, nel momento in cui il gigantesco seracco di ghiaccio si è staccato e ha travolto due cordate di escursionisti.

Oggi i media italiani confermano il bilancio dei soccorritori: sei morti e otto feriti. Imprecisato il numero dei dispersi: potrebbero essere una ventina, come scrive il Corriere della Sera. «Al punto di partenza sono rimaste 16 automobili che nessuno è andato a riprendere».

L'evento ha avuto caratteristiche eccezionali e potrebbe configurarsi come la più grande tragedia della storia recente delle Dolomiti. Il fronte della valanga si è allargato dagli iniziali 200 metri fino a raddoppiare di dimensione, con una velocità che avrebbe toccato i 300 chilometri orari. Il responsabile del Soccorso alpino di Belluno ha raccontato di essersi trovato di fronte una scena sconvolgente: ««C’era gente irriconoscibile, sfigurata, corpi martoriati... D’altra parte la massa caduta è enorme e ha effetti devastanti».

La procura di Trento ha aperto un fascicolo per disastro colposo. «Una carneficina che difficilmente ci permetterà d'identificare subito tutte le vittime, il cui numero sembra purtroppo destinato a salire... Conteremo chi non torna». La causa potrebbe essere il grande caldo, secondo vari esperti. È anche il pensiero di una leggenda dell'alpinismo come Reinhold Messner: «Con il caldo globale i ghiacciai sono sempre più sottili e, quando cadono, vengono giù pezzi come grattacieli».

L'emergenza non è ancora finita: «C’è il rischio di nuovi distacchi» ha aggiunto Barattin. Le stesse operazioni di recupero delle vittime sono state sospese per la mancanza delle condizioni di sicurezza.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO