Immobili
Veicoli

ITALIANuovi casi di vaiolo delle scimmie: i contagiati non avevano visitato aree a rischio

20.05.22 - 12:56
I tre casi italiani sono in carico all'Istituto Spallanzani di Roma
keystone-sda.ch
Nuovi casi di vaiolo delle scimmie: i contagiati non avevano visitato aree a rischio
I tre casi italiani sono in carico all'Istituto Spallanzani di Roma

ROMA - Sono saliti a tre i casi di vaiolo delle scimmie accertati in Italia dall'Istituto Spallanzani di Roma, specializzato in malattie infettive (e che fu tra i primi a isolare il Sars-Cov-2). Dopo il primo paziente di giovedì, rientrato dalle isole Canarie, se ne sono aggiunti altri due nella giornata di venerdì. Il minimo comune denominatore tra di loro è proprio il caso zero, spiega l'agenzia Ansa citando l'assessorato alla Sanità della Regione Lazio.

Gli esperti sottolineano l'eccezionalità della situazione e come, in precedenza, il virus avesse colpito prevalentemente viaggiatori di ritorno dalle zone a rischio dell'Africa. Nelle quali non era stato nessuno dei pazienti risultati positivi al virus in Portogallo, Canada, Stati Uniti, Svezia, Regno Unito e Spagna nell'ultima settimana.

All'elenco si aggiungono altre due nazioni europee. Il primo caso in Germania d'infezione al vaiolo delle scimmie è stato rilevato giovedì nell'Istituto di microbiologia a Monaco di Baviera. È di oggi, invece, la conferma del primo caso francese, localizzato nell'Île-de-France. «Appena si è sospettato il suo contagio, questa persona è stata curata. In assenza di sintomi gravi, viene isolata nella sua abitazione» ha dichiarato la direzione generale del ministero della Salute. Si tratta di un 29enne, che non ha viaggiato nelle nazioni in cui il virus sta circolando.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO