Immobili
Veicoli
Afp
SUDAFRICA
11.01.2022 - 14:170
Aggiornamento : 17:43

Accusato di terrorismo l'uomo che avrebbe dato alle fiamme il Parlamento della capitale sudafricana

Oggi è apparso davanti alla Corte del magistrato dove, nuovamente, si è dichiarato non colpevole

CITTÀ DEL CAPO - La scorsa settimana un incendio è divampato nel parlamento sudafricano. Per spegnerlo, i vigili del fuoco sono rimasti sul luogo per due giorni. Un uomo è stato arrestato in relazione all'accadimento e oggi è comparso davanti alla Corte del magistrato di Città del Capo, dove è stata formulata l'accusa aggiuntiva di terrorismo.

L'uomo attualmente in stato di fermo si chiama Zandile Mafe e ha 49 anni. Al momento si dichiara non colpevole dell'incendio avvenuto la scorsa settimana che ha sventrato la sede dell'Assemblea nazionale e della Vecchia assemblea a Città del Capo. Oggi in tribunale è stata formulata l'accusa di terrorismo nei suoi confronti, in quanto avrebbe piazzato un esplosivo. Questa si aggiunge ai capi d'imputazione quali effrazione, tentato furto e incendio doloso.

L'avvocato Dali Mpofu, che difende il 49enne, ha spiegato alla Corte che il suo cliente è stato sottoposto a una valutazione psichiatrica, da cui è emerso che soffre di «schizofrenia paranoide». Ha pertanto chiesto il suo rilascio su cauzione. Lo Stato, riporta l'Independent Online, vuole che Mafe resti 30 giorni in una struttura di Valkenberg.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-16 10:06:36 | 91.208.130.85