Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (Ryan Garza)
È salito a tre morti e otto feriti il bilancio della sparatoria nel liceo di Oxford, in Michigan.
+7
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
42 min
Il vaiolo delle scimmie? Per ora non è un'emergenza sanitaria
Il direttore generale dell'Oms non nasconde però la sua preoccupazione sull'evoluzione della minaccia alla salute
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
52 min
Corte Suprema, le proteste non si fermano
Le autorità temono una escalation d'estremismo interno, approfittando delle tensioni e della confusione
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Nuove esplosioni a Kiev
Il deputato Goncharenko: «Sono state udite 4 esplosioni, ora c'è fumo nero sopra la città». Colpiti edifici residenziali
ITALIA
13 ore
Centinaia di aerei restano a terra
«Le compagnie hanno cancellato circa 41mila voli per il periodo estivo, tagliando 6,5 milioni di biglietti»
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Severodonetsk è stata occupata
Ne dà l'annuncio il sindaco della città. I russi sarebbero entrati anche nell'impianto Azot
NORVEGIA
18 ore
Oslo, la sparatoria considerata «atto di terrorismo islamista»
Due persone sono rimaste uccise. Almeno 21 i feriti. In manette un uomo di 42 anni
UCRAINA
21 ore
«Mosca sta tentando di trascinare Lukashenko nella guerra»
È la lettura che l'intelligence di Kiev propone in relazione ai presunti attacchi provenienti dal territorio bielorusso
ITALIA
1 gior
I giorni di Giuda nelle "ultime" parole di Borsellino
Esattamente trent'anni fa, il magistrato italiano pronunciava il suo "j'accuse". Fu il suo ultimo discorso in pubblico.
FOTO
ECUADOR
1 gior
Lasso teme un golpe degli indigeni
Sono quasi 14mila i manifestanti mobilitati in tutto il Paese. Il presidente si è detto «aperto al dialogo»
STATI UNITI
1 gior
Armi, Biden firma la stretta mentre il Paese protesta per l'aborto
Nel frattempo, un gruppo di 83 magistrati (in 28 Stati) ha annunciato che non perseguiranno chi cerca o pratica l'aborto
FOTO
NORVEGIA
1 gior
Oslo, sparatoria fuori da un locale gay: 2 morti
Oltre una ventina i feriti. L'autore è stato arrestato. La polizia indaga per terrorismo. Annullato il Pride
STATI UNITI
01.12.2021 - 09:300
Aggiornamento : 10:21

Sparatorie nelle scuole: «Un problema unicamente americano, del quale ci dobbiamo occupare»

È salito a tre morti e otto feriti il bilancio della sparatoria nel liceo di Oxford. Il racconto di un testimone

OXFORD - È salito a otto il bilancio dei feriti della sparatoria avvenuta martedì in un liceo di Oxford, in Michigan. Si tratta di sette studenti e un insegnante, tutti raggiunti da colpi d'arma da fuoco. Le condizioni di tre di essi sono giudicate critiche, specialmente quelle di una 14enne che è stata operata ed è attaccata a un respiratore. Il docente colpito ha già potuto lasciare l'ospedale, mentre gli altri tre allievi sono stabili.

Lo sceriffo della contea di Oakland, Michael Bouchard, ha rivelato le identità delle vittime: si tratta di un 16enne, di una 14enne e di una 17enne.

«Il peggior incubo» - «Penso sia il peggior incubo di ogni genitore» ha dichiarato la governatrice del Michigan Gretchen Whitmer. «Il mio cuore è vicino alle famiglie. È una tragedia inimmaginabile. Spero che tutti noi possiamo cogliere l'occasione e stringerci intorno alle famiglie, ai ragazzi colpiti, al personale scolastico e a questa comunità». Whitmer considera le sparatorie negli istituti scolastici «un problema unicamente americano, del quale ci dobbiamo occupare».

Il racconto di un testimone - Aiden Page, studente della Oxford High School che ha vissuto in prima persona gli attimi di terrore durante la sparatoria, ha raccontato alla Cnn che un proiettile ha perforato uno dei banchi che sono stati usati per fare una barricata nella sua classe e impedire al killer di accedervi. «Abbiamo sentito due colpi di pistola, dopodiché il mio insegnante è corso nella stanza, l'ha chiusa a chiave, ci siamo barricati e poi abbiamo coperto le finestre e ci siamo nascosti». L'intera classe è stata bloccata per un'ora, ha spiegato Aiden, aggiungendo che alcuni compagni si sono armati con tutti gli oggetti possibili, nel caso di un corpo a corpo con l'aggressore. «Abbiamo preso le calcolatrici, le forbici. Alcuni piangevano, altri cercavano di sostenere gli altri. Altri cercavano di trovare delle idee per ogni evenienza».

L'intera esperienza è stata «folle», ha aggiunto. «La primissima cosa nella mia testa è stata, 'Sta succedendo davvero? Manderò un messaggio alla mia famiglia, dicendo che li amo per ogni evenienza, se dovessi morire.' Poi, quando tutto si è calmato per un secondo, sono stato in grado di riprendere fiato e razionalizzare le cose».

Il sospettato - Il presunto autore della sparatoria, un 15enne che frequenta il secondo anno di liceo, è stato fermato due o tre minuti dopo l'arrivo della polizia sul posto. Alla vista degli agenti ha alzato le mani e si è lasciato catturare senza opporre resistenza. Il vicesceriffo Michael McCabe ha spiegato che i suoi genitori hanno ingaggiato un avvocato e non gli hanno permesso di parlare con la polizia. L'adolescente si trova nel centro di detenzione giovanile della contea ed è sotto sorveglianza continua, per impedire che possa togliersi la vita.

La sparatoria - È emerso che l'arma usata, una pistola semiautomatica calibro 9, era stata acquistata venerdì dal padre del sospettato. Quando gli inquirenti l'hanno recuperata conteneva ancora sette colpi. Le telecamere di sorveglianza della scuola hanno permesso di appurare che il giovane è uscito dal bagno con l'arma. Sarebbero stati sparati tra 15 e 20 colpi e non vi è alcuna indicazione che il giovane indossasse un giubbotto antiproiettile. «In questo momento, crediamo che abbia agito da solo» ha aggiunto McCabe. «Non abbiamo un movente in questo momento. Stiamo ancora indagando».

Gli agenti hanno compiuto una perquisizione a casa del presunto omicida, sequestrando un telefono e altri oggetti da esaminare. Da chiarire anche il significato delle foto dell'arma e di un bersaglio pubblicate dal sospettato sui social.

keystone-sda.ch / STF (Paul Sancya)
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 09:39:28 | 91.208.130.89