Immobili
Veicoli

ITALIAIl nonno di Eitan ha fatto ricorso contro il mandato d'arresto internazionale

10.11.21 - 13:15
I documenti sono stati depositati oggi al Tribunale di Pavia, chiesto anche che la zia non sia più tutrice di Eitan
Keystone
ITALIA
10.11.21 - 13:15
Il nonno di Eitan ha fatto ricorso contro il mandato d'arresto internazionale
I documenti sono stati depositati oggi al Tribunale di Pavia, chiesto anche che la zia non sia più tutrice di Eitan

MILANO - I legali del nonno materno di Eitan, Shmuel Peleg hanno deciso di fare ricorso al Tribunale del Riesame di Milano contro l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari di Pavia.

Il ricorso contro il mandato d'arresto internazionale e la richiesta di estradizione, a carico dell'uomo accusato del rapimento del nipote portato in Israele passando per l'aeroporto di Lugano, è stato depositato questa mattina nel capoluogo meneghino.

Gli atti dovrebbero essere messi a disposizione della difesa nei prossimi giorni, quando i giudici fisseranno pure l'udienza per la discussione del ricorso della difesa.

I legali dei nonni, inoltre, sul fronte civile hanno chiesto ieri al Tribunale di Pavia che la zia paterna Aya venga rimossa dall'incarico di tutrice con immediata sospensione e che venga nominato come pro-tutore un legale di terza parte.

Esito non immediato - L'esito non sarà comunque immediato: ci vorrà del tempo prima che si arrivi a una decisione. A quanto ha appreso l'agenzia stampa italiana Ansa, alla Procura generale di Milano dovrà essere comunicato, come primo passo, se il Ministero della Giustizia inoltrerà o meno una richiesta di estradizione alle autorità israeliane, dopo aver studiato quale sia la convenzione internazionale attiva tra i due Paesi.

Dopo di che si aprirà un dialogo tra i ministeri dei due Stati e Israele dovrà far sapere se intende consegnare gli indagati.

CORRELATI
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO