keystone-sda.ch / STF (Sebastian Scheiner)
Non era agibile la sinagoga dove è avvenuto il crollo a Gerusalemme.
+1
ISRAELE
17.05.2021 - 12:000
Aggiornamento : 14:47

Crollo nella sinagoga, «l'evento era vietato»

L'edificio non era agibile, non essendo ancora completato

GERUSALEMME - All'indomani del crollo di una grande tribuna allestita in una sinagoga di Givat Zeev (Gerusalemme) è emerso che l'edificio non era ancora agibile e che il Consiglio municipale e la polizia non erano riusciti a concordare chi di loro dovesse impedire il grande raduno dei religiosi fissato per ieri.

La polizia, secondo i media, aveva comunque informato i responsabili locali che quell'evento era vietato. Malgrado ciò 2'500 ebrei ortodossi si sono poi stipati nell'edificio (ancora non completato) e nel crollo - secondo un bilancio aggiornato - ci sono stati due morti e 216 feriti.

Si tratta del secondo disastro che colpisce la comunità degli ebrei ortodossi in Israele, dopo la strage di 45 persone in una calca avvenuta tre settimane fa durante un raduno di massa sul Monte Meron (Galilea).

Sul web si sono intanto diffuse immagini che, in apparenza, indicano che la parte superiore della tribuna era stata saldata con mezzi di fortuna alla struttura principale.

keystone-sda.ch / STF (Sebastian Scheiner)
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 05:58:48 | 91.208.130.86