MONDOL’intelligenza dei polpi sotto la lente, ecco perché così sviluppata

25.11.22 - 22:59
La rivista Science Advance ha pubblicato la scoperta: piccole molecole di Rna nel tessuto nervoso
Deposit
Fonte ATS ANS
L’intelligenza dei polpi sotto la lente, ecco perché così sviluppata
La rivista Science Advance ha pubblicato la scoperta: piccole molecole di Rna nel tessuto nervoso

ROMA - È stata finalmente trovata la probabile chiave della grande intelligenza di polpi, calamari e seppie, ed è una caratteristica che hanno incredibilmente in comune con gli esseri umani: si tratta del vasto repertorio, osservato all'interno del tessuto nervoso, di piccole molecole di Rna, il parente a singola elica del Dna implicato in vari ruoli biologici di codifica, decodifica, regolazione ed espressione dei geni.

La scoperta, pubblicata sulla rivista Science Advances e guidata dal Centro tedesco Max Delbrück, rende questi molluschi un'eccezione unica tra gli animali invertebrati, che possono ricordare informazioni, riconoscere le persone e forse perfino sognare. Mentre i vertebrati, in particolare primati e altri mammiferi, hanno sviluppato cervelli grandi e complessi con diverse capacità cognitive, gli invertebrati non l'hanno fatto. Con un'eccezione: i cefalopodi, cioè quei molluschi marini che comprendono polpi, calamari e seppie.

I polpi in particolare, dal punto di vista evolutivo, rappresentano un caso unico: possiedono sia un grande cervello centrale, sia un sistema nervoso periferico, che è in grado di agire in maniera indipendente. I ricercatori si sono a lungo chiesti il perché di questa stranezza e ora il gruppo guidato da Nikolaus Rajewsky potrebbe aver trovato la risposta: le piccole molecole di Rna note come microRna. Queste strutture influenzano in particolare la produzione di proteine e in alcuni cefalopodi se ne è evoluta una grande varietà, quasi quante le centinaia prodotte dal Dna umano: «È la terza più grande espansione delle famiglie di microRna nel mondo animale e la più grande al di fuori dei vertebrati», commenta Rajewsky. «Per dare un'idea del livello di questa espansione, altri molluschi come le ostriche hanno acquisito solo cinque nuove famiglie di microRna da quando si sono separate dall'antenato comune che hanno condiviso con i polpi - aggiunge il ricercatore - mentre questi ultimi hanno evoluto 90 nuove famiglie».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE