ROMANIAUn reparto d'élite ai confini della Nato: «Siamo pronti a intervenire»

24.10.22 - 06:30
La 101esima divisione americana “Screaming Eagles” è giunta in Romania. Era da 80 anni che non operava in Europa.
Imago
Un reparto d'élite ai confini della Nato: «Siamo pronti a intervenire»
La 101esima divisione americana “Screaming Eagles” è giunta in Romania. Era da 80 anni che non operava in Europa.

BUCAREST - Continua a rafforzarsi la presenza militare degli Stati Uniti sul fronte orientale della Nato. Parallelamente ai colloqui telefonici tra il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu e il suo omologo americano Lloyd Austin, la 101esima divisione aviotrasportata dell’esercito americano è sbarcata venerdì in Romania. Come mai tanta attenzione per l'arrivo di questo reparto speciale?

Un reparto d'élite - L’ultima volta che la divisione ha operato in Europa è stato durante la seconda guerra mondiale. L’unità di fanteria leggera, soprannominata “Screaming Eagles” (aquile urlanti), è conosciuta per la sua prontezza e per il duro addestramento che gli permette di essere impiegata in qualsiasi campo di battaglia del mondo nel giro di poche ore.

Il canale televisivo CBS News si è unito al vice comandante della divisione, il generale di brigata John Lubas, e al colonnello Edwin Matthaidess, comandante della 2a squadra di combattimento di brigata, su un elicottero Black Hawk per scoprire il centro operativo della divisione che si trova ai confini estremi del territorio della NATO, a sole tre miglia dal confine della Romania con l'Ucraina. 

Prontezza ed efficienza - «Siamo pronti a difendere ogni centimetro del suolo della Nato», ha commentato il generale della brigata John Lubas ai microfoni della CBS. «Portiamo una capacità unica. Siamo una forza di fanteria leggera, ma portiamo con noi anche la mobilità, con i nostri aerei e gli assalti aerei».

Assieme alle truppe rumene, la divisione americana ha completato varie esercitazioni militari. L'esercitazione aveva lo scopo di ricreare le battaglie che le forze ucraine stanno combattendo ogni giorno contro le truppe russe, appena oltre il confine. I giochi di guerra così vicini a quel confine sono un chiaro messaggio alla Russia e agli alleati americani della NATO, che l'esercito americano è qui.

Sempre in allerta - In totale sono circa 4’700 soldati americani della 101esima divisione, schierati per rafforzare il fianco orientale della Nato. I comandanti degli Screaming Eagles hanno ripetutamente detto a CBS News di essere «sempre pronti a combattere».

Ufficialmente la missione del reparto è la protezione del territorio Nato. In caso di un'escalation dei combattimenti però, sono completamente preparati «ad attraversare il confine con l'Ucraina», ha affermato il comandante della divisione.

Deterrente o escalation? - La presenza del reparto d'élite è stata letta in diversi modi dagli analisti militari. Sicuramente l’aumento delle forze americane a rafforzare il confine est dell'Alleanza Atlantica potrebbe scoraggiare qualsiasi rappresaglia russa.

Allo stesso modo però, lo sbarco della 101esima divisione potrebbe testimoniare la presa di scienza di Washington dell’esenzione del conflitto. La fine della guerra non sembra infatti essere prossima. Ciò che è certo è che gli Usa stanno cercando di rafforzare la presenza militare nel vecchio continente, un’area tornata ad tra le priorità per la politica estera statunitense.

COMMENTI
 
dan007 3 mesi fa su tio
gli ucraini avevano missili nucleari che sono stati smantellati con un accordo di non invasione. Gli americani stanno proteggendo l'Europa sono obbligati i Russi stanno facendo quello che credono sono degli animali il problema che ora ci sara una guerra mondiale anzi e gia stata decretata dalla Russia e la Cina con un elezione del 3 mandato consecutivo come per il dittatore Putin. Si parla di dittatura e se l'occidente vi fa cosi schifo mandate via tutti i Russi che sono da noi per cominciare poi ne riparleremo a guerra finita ma devono vivere la
Robi57 3 mesi fa su tio
È tradotto cosa vorresti dire?
Sarà 3 mesi fa su tio
@dan007 - Non hai ancora capito che questa è la guerra di Putin, non del popolo russo che ne avrebbe fatto volentieri a meno e che molti dei russi arrivati da noi sono perseguitati in patria, Alcuni perché non hanno voluto andare in guerra.
Güglielmo 3 mesi fa su tio
forza 101ma....
Sarà 3 mesi fa su tio
"Era da 80 anni che non operava in Europa" Infatti, ne sentivamo la mancanza...
Arcadia7494 3 mesi fa su tio
Filoputinlandia scatenata. Dopo 8 mesi di vile aggressione russa con reiterate minacce nucleari, questi ancora credono sia un complotto occidentale guidato dagli Usa. Proprio gente sveglia.
cle72 3 mesi fa su tio
Guarda la storia, succede la stessa cosa successa negli anni 60 quando gli USA non volevano missili e appoggio militare URSS a Cuba. Su suolo Ucraino sono anni che c'è una guerra, ma a nessuno interessava, finché la UE e NATO non si è messa in mezzo. Il presidente ex comico è l'ennesima marionetta comandata dai fili USA
Mattiatr 3 mesi fa su tio
Il paragone con Cuba non ha senso di esistere. In primo luogo non ci sono testate nucleari e in secondo gli USA non hanno fatto bombardamenti strategici sull'isola. Se proprio vuoi fare un paragone fallo con il Vietnam, dove un popolo che voleva esser indipendente è stato aggredito da uno stato imperialista.
Arcadia7494 3 mesi fa su tio
Gli Usa sono quel che sono, ma tirarli in ballo in questa circostanza, come tu ed altri fate anche con Von der Leyen o Nato, è solo un modo vigliacco per togliere responsabilità a Putin: faccia finire la guerra (sta a lui e nessun altro) e poi possiamo parlare con calma di tutto il resto. Per quanto mi riguarda, meglio un inverno al freddo che darla vinta ad un tiranno che ci minaccia con le armi nucleari, ma scherziamo?
cle72 3 mesi fa su tio
Regge eccome, perché tutto è iniziato? Perché l Ucraina vuole entrare in UE ergo altro zimbello per gli USA ergo possibile posizione USA a confine con la Russia. Cuba era sotto continuo assedio da parte degli USA, qui è nata la richiesta d aiuto alla Russia. Le restrizioni su Cuba e una forma di guerra anche quella.
Mattiatr 3 mesi fa su tio
Bé mi pare una cosa ovvia, sarebbe stupid* non aver predisposto nulla.
Tiki8855 3 mesi fa su tio
Guerrafondai - sempre in prima linea e sempre a voler dettare legge ovunque...
seo56 3 mesi fa su tio
Non “siamo pronti” …. Bisogna INTERVENIRE e fermare il criminale di guerra Vladimir Putin!!
BL 3 mesi fa su tio
Prendi un fucile e parti…… o sei grande solo in poltrona con la tastiera. Fenomeno
Robi57 3 mesi fa su tio
Seo, sei un fenomeno! In una competizione tra te e Cassis potresti vincere a mani basse😂🤣😂🤣😂😉
Moga 3 mesi fa su tio
Prenderanno schiaffi anche loro e dopo le mid-term tutti a casa
Robi57 3 mesi fa su tio
👍😉
seo56 3 mesi fa su tio
Quanta ignoranza!!
seo56 3 mesi fa su tio
Pecora segue pecora!!
S.S.88 3 mesi fa su tio
Ficcanaso!!! Se restassero dov’era no era meglio. Come peggiorare la situazione mondiale
seo56 3 mesi fa su tio
Veramente é il criminale di guerra Vladimir Putin che sta peggiorando il conflitto con i suoi attacchi terroristici!!
UnoQualunque1 3 mesi fa su tio
ottimo
Robi57 3 mesi fa su tio
Biden deve affrettarsi, le votazioni di metà mandato, l’8 novembre, lo vedono in forte difficoltà😉
Leone68 3 mesi fa su tio
Finalmente hanno scoperto le carte gli USA.
seo56 3 mesi fa su tio
No comment!! Forza USA, forza NATO
cle72 3 mesi fa su tio
Come volevasi dimostrare! Chiaro e limpido come l acqua cristallina il piano USA. E l'Europa è il suo gioppino.
seo56 3 mesi fa su tio
Quanta ignoranza ….
cle72 3 mesi fa su tio
Pensi che questi reparti siano stati inviati gratis, come tutte le armi date? Pensi che agli USA interessi realmente la faccenda umana? solo per soldi e si sa le guerre sono un modo per guadagnare miliardi. Gli USA sono oltre oceano a guardare e a guadagnare e la crisi in Europa per loro è una manna. Sveglia gente. UE NATO = USA
cle72 3 mesi fa su tio
Guarda che quanto succede ora in Ucraina è successo a Cuba, quando gli USA non volevano dietro i loro confini la ex URSS ripassa la storia. Ignorante!
Sara788 3 mesi fa su tio
speriamo facciano la fine che si meritano in un continente che non gli appartiene!
esposito 3 mesi fa su tio
ben detto
seo56 3 mesi fa su tio
Eccola o eccolo il troll Russo!
seo56 3 mesi fa su tio
Pecora segue pecora….
NOTIZIE PIÙ LETTE